La guerra in Ucraina spinge la Ue ad accelerare l’efficienza energetica

Per ridurre la dipendenza dalla Russia, i governi della Ue stanno premendo per cambiamenti, inclusa la sostituzione dei sistemi di riscaldamento alimentati a gas.

Lampadina e piantina
Lampadina e piantina – NanoPress.it

Sotto pressione per porre fine alla dipendenza dal petrolio e dal gas naturale russi, l’Unione europea sta spingendo per misure di vasta portata per risparmiare energia. I governi si stanno muovendo per incoraggiare la sostituzione dei sistemi di riscaldamento alimentati a gas con pompe di calore elettriche e apportare altre modifiche, dalla ristrutturazione di edifici in tutto il continente alla cattura del calore dai data center di Big Tech.

La Ue vuole accelerare il percorso di autosufficienza energetica

Una proposta della Commissione europea, il braccio esecutivo dell’UE, il mese scorso ha esortato i legislatori a fissare un obiettivo più elevato per il risparmio energetico, con l’obiettivo di tagliare una fonte di entrate chiave per il governo russo, sotto il presidente Vladimir Putin. La commissione ha affermato che il blocco dovrebbe puntare al 13% di risparmio energetico entro il 2030 rispetto al precedente obiettivo del 9%.

“Ci si può chiedere cosa c’è di più irrealistico: avere un approccio ambizioso sull’efficienza energetica o continuare a dipendere dal gas e dal petrolio di Putin”, ha affermato Niels Fuglsang, un membro danese del Parlamento europeo che sta conducendo i negoziati sulla legislazione sull’efficienza energetica.

Il signor Fuglsang sta spingendo per un obiettivo di risparmio del 19%, equivalente all’energia contenuta in 214 milioni di tonnellate di petrolio, o circa il 40% del petrolio che auto e camion statunitensi consumano ogni anno. L’attuazione di tali cambiamenti in tutto il continente richiederà investimenti significativi in ristrutturazioni edilizie, insieme a un forte sostegno del governo. Finora, secondo i gruppi ambientalisti e alcuni funzionari, i 27 governi nazionali dell’UE non hanno messo sul tavolo abbastanza soldi.

“La sfida che abbiamo con le soluzioni di efficienza e con la ristrutturazione è che stiamo esaminando molti progetti su piccola scala”, ha affermato Oliver Rapf, direttore esecutivo del Buildings Performance Institute Europe, un think tank. “Non è così semplice come dire: ‘OK, costruiremo un parco eolico da qualche parte nel Mare del Nord’, e sarà operativo in tre anni”.

In Francia, il governo ha fissato l’obiettivo di rinnovare entro il 2050 tutti gli edifici del paese con un elevato standard di efficienza: circa 300.000 ristrutturazioni globali nel solo 2022. Ma i lavori di ristrutturazione vengono eseguiti solo a circa 60.000 all’anno, ha affermato Jacques Baudrier, consigliere comunale di Parigi, che sovrintende agli sforzi della città per l’efficienza energetica.

L’esempio della Francia

Lo stato ha stanziato circa 3 miliardi di euro all’anno, equivalenti a 3,2 miliardi di dollari, per aiutare i proprietari di case a fare gli investimenti necessari. Il signor Baudrier ha affermato che raggiungere l’obiettivo, richiederà al governo di spendere 23 miliardi di euro all’anno. “È del tutto insufficiente il danaro stanziato per rinnovare tutte le abitazioni della Francia”, ha affermato Baudrier.

Parigi edifici Haussmann
Parigi edifici Haussmann – NanoPress.it

“Il denaro consente piccoli lavori di ristrutturazione ma pochi lavori di ristrutturazione completi”. Il raggiungimento dell’obiettivo di alta efficienza della Francia richiederebbe probabilmente l’installazione di finestre a risparmio energetico, nuovo isolamento per pareti e tetti e spesso una pompa di calore elettrica, un lavoro che costa decine di migliaia di euro anche per un piccolo appartamento, ha affermato Baudrier.

Parigi a luglio annuncerà un aumento dei sussidi per i proprietari di case per rinnovare i loro appartamenti, dai famosi edifici in pietra haussmanniani del XIX secolo della capitale, agli edifici in mattoni degli anni ’60 che sono tra i meno efficienti dal punto di vista energetico della capitale. I proprietari di case parigine stanno completando solo circa 2.000 ristrutturazioni complete all’anno, mentre gli obiettivi della Francia prevedono 40.000 all’anno, ha affermato Baudrier.

La Francia, come alcuni altri paesi europei, ha reagito all’aumento dei costi energetici limitando o bloccando i prezzi al dettaglio di elettricità e gas. Ciò ha rimosso parte dell’incentivo per i cittadini a rinnovare gli edifici e consumare meno, secondo i gruppi ambientalisti. Hanno affermato che il sostegno del governo dovrebbe essere fornito in altri modi, come pagamenti forfettari, che non influiscono sul prezzo.

La Francia ha affermato che aumenterà un sussidio per le nuove installazioni di pompe di calore elettriche e porrà fine ai sussidi per le nuove caldaie a gas. I Paesi Bassi hanno dichiarato di voler realizzare pompe di calore ibride, che combinano una pompa di calore elettrica con una caldaia a gas, o altri sistemi di riscaldamento efficienti obbligatori per le nuove installazioni a partire dal 2026.

Gli altri paesi d’Europa

L’Europa prevede uno stock totale di circa 17 milioni di pompe di calore alla fine del 2021 con altri 2,5 milioni di installazioni stimate per quest’anno, secondo la European Heat Pump Association. L’Agenzia internazionale per l’energia ha affermato che il raddoppio dell’attuale ritmo di installazione di pompe di calore in Europa, potrebbe far risparmiare circa 2 miliardi di metri cubi di gas nel primo anno, ovvero l’1,3% dell’importo che l’UE ha importato dalla Russia nel 2021.

Sede Mitsubishi Electric Corp
Sede Mitsubishi Electric Corp – NanoPress.it

Mitsubishi Electric Corp. ha affermato che sta espandendo la propria attività di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell’aria con un focus sulle pompe di calore destinate al mercato europeo. Daikin Europe NV, una sussidiaria di Daikin Industries Ltd., ha recentemente aggiunto una nuova linea di produzione di pompe di calore presso il suo stabilimento in Belgio e afferma che sta pianificando un’ulteriore espansione del sito prima della prossima estate.

Alcune città e paesi si stanno rivolgendo a Big Tech per ridurre il consumo di gas. Microsoft Corp. ha dichiarato a marzo che costruirà un data center nel sud della Finlandia e catturerà il calore in eccesso per la città di Espoo e le municipalità vicine. In Danimarca, Apple Inc. ha dichiarato a marzo che avrebbe catturato il calore in eccesso da un nuovo data center costruito vicino a Viborg per l’uso nel sistema di teleriscaldamento della città, che attualmente è alimentato a gas naturale.

Apple sta costruendo due delle più grandi turbine eoliche onshore del mondo per aiutare ad alimentare il centro e può sfruttare l’energia idroelettrica senza emissioni di carbonio importata dal nord.