La Francia apre al sequestro dei beni degli oligarchi fedeli a Putin

In Francia la Procura finanziaria apre un’indagine preliminare sulle proprietà ‘opache’ dei miliardari russi vicino al Cremlino.

Macron
Macron – NanoPress.it

La Francia ha aperto un altro fianco nel tentativo di indebolire il cerchio più vicino al presidente russo Vladimir Putin. Dopo il congelamento di numerose proprietà di oligarchi attuando le sanzioni concordate dall’Unione Europea a seguito della guerra in Ucraina, è ora la giustizia francese ad indagare sui cospicui patrimoni acquisiti nel Paese dai magnati vicini al Cremlino attraverso società di facciata e altri intermediari.

La Francia diventa così uno dei primi paesi a svolgere indagini legali su beni russi di dubbia origine

Questo passaggio potrebbe portare in breve tempo al sequestro – e non solo all’immobilizzazione, come è avvenuto finora – di quelle proprietà, il che significherebbe un colpo ancora più duro per i milionari fedeli al Cremlino.

La Procura nazionale delle finanze ha confermato questa settimana di aver aperto il 1° luglio un’indagine preliminare per riciclaggio, corruzione, appropriazione indebita di fondi pubblici e frode fiscale aggravata. A scatenare è stata una richiesta della Ong Transparency International, che da anni si batte per porre fine alla rete imprenditoriale che serve a nascondere le proprietà, soprattutto quelle immobiliari, ai complici dei regimi autocratici.

Le indagini, secondo fonti giudiziarie, sarebbero state affidate all’ufficio centrale per la repressione dei gravi reati finanziari. Si tratta del primo atto giudiziario —ancora senza garanzie che sfoci in un processo, che potrebbe anche essere molto lungo— dopo la querela intentata a fine maggio dalla sezione francese di Transparency International per «denunciare il sistema di cattura del Ricchezza statale e nazionale russa di uomini d’affari e alti funzionari vicini a Vladimir Putin”.

Un sistema, assicura l’organizzazione in una nota, che “estende le sue ramificazioni alla Francia, soprattutto nel settore immobiliare, per mancanza di vigilanza degli intermediari”. Nonostante quanto lontano sia l’obiettivo di un’eventuale condanna, l’apertura delle indagini è “un’ottima notizia” i cui effetti potrebbero essere avvertiti dagli oligarchi quasi subito, afferma Sara Brimbeuf in una intervista ad El Pais, specialista in flussi finanziari e illeciti presso Transparency International.

“La Procura potrebbe sequestrare i beni individuati nella causa nei prossimi mesi”. Potrebbero esserci anche accuse “se si ritiene che vi siano indicazioni gravi e concordanti che o gli intermediari o gli oligarchi siano coinvolti in schemi di corruzione o riciclaggio di denaro”, aggiunge.

Il coinvolgimento della Procura significa che non si tratta più di una questione meramente politica, come le sanzioni, ma giudiziaria, e che cambia (e indurisce) le regole del gioco, sottolinea l’esperto: “Si pone un interrogativo sulla origine di tali beni e se sono stati acquisiti mediante corruzione o appropriazione indebita di fondi pubblici.

“La Procura potrebbe sequestrare i beni individuati nella causa nei prossimi mesi”

Ciò significa che non si tratta più di beni meramente congelati: anche se un giorno le sanzioni venissero revocate, quei beni possono rimanere sequestrati per essere confiscati in caso di condanna. La Francia – in particolare il territorio della Costa Azzurra che si estende da Monaco a Nizza – è un luogo storicamente privilegiato dagli oligarchi russi. Molti dei più noti magnati fedeli a Putin hanno grandi proprietà lì, da Roman Abramovich ad Aleksander Ponomarenko passando per Igor Sechin, che compaiono nella lista nera dell’Unione Europea o degli Stati Uniti.

Elisabeth Borne
Elisabeth Borne – NanoPress.it

Fino alla fine di aprile, la Francia aveva immobilizzato 23,7 miliardi di euro di asset russi sul territorio francese, compresi immobili per un valore di 573,6 milioni. Da allora sono state aggiunte numerose proprietà non solo sulla Costa Azzurra, ma anche in esclusive località sciistiche o nei quartieri più lussuosi di Parigi, secondo la stampa francese.

Si tratta, però, di una mera immobilizzazione dei beni – ad esempio un magnate può risiedere nella casa sanzionata, ma non venderla o affittarla – e non un sequestro degli stessi, cosa che potrebbe accadere con un’indagine giudiziaria.

Inoltre, per Transparency International, le merci congelate finora sono probabilmente solo la punta dell’iceberg. “L’ambizione delle sanzioni contro la Russia e i primi annunci di congelamento dei beni si scontrano con la difficoltà di identificare i beni delle persone sanzionate”, avverte l’Ong. In Francia, come in altri Paesi, “fallisce il rintracciamento dei beni degli oligarchi e di quelli vicini al regime russo”.

Non è un avvertimento nuovo o diretto solo alla Russia. Da 15 anni questa ONG avverte della facilità con cui membri di regimi autocratici e figure ad essi legate beneficiano di un sistema opaco di società di comodo, banche, notai, agenti immobiliari e società nei paradisi fiscali per nascondere le proprie proprietà in paesi come Francia o Spagna, la cui Costa Brava è anche ricca di proprietà di dubbia provenienza, ricorda Brimbeuf. Transparency International ha già presentato una causa simile nel 2008 per indagare sui beni acquisiti dalla Guinea Equatoriale, dal Gabon e dal Congo.

Nel 2011 ha svolto indagini simili in Tunisia o Egitto, tra gli altri, tutte con l’obiettivo di chiedere “la restituzione dei beni confiscati alle vittime della corruzione”. Lo stesso mese, la rivista L’Obs ha rivelato come la Francia sia diventata uno dei paesi che più attrae “denaro dubbio” da tutto il mondo, soprattutto nel settore immobiliare.

“La punta dell’iceberg”

La testata francese, insieme a un gruppo di giornalisti indipendenti, è riuscita a individuare 196 operazioni immobiliari che sollevano ragionevoli dubbi, effettuate da 62 personalità straniere: si tratta di persone legate a leader politici il cui reddito dichiarato non è sufficiente a coprire le spese individuate, soggetti coinvolti in casi di corruzione.

Bandiera Francese
Bandiera Francese – NanoPress.it

Tra gli altri, L’Obs ha identificato il figlio maggiore e la moglie del presidente del Camerun, Paul Biya, il ministro della Difesa indonesiano, Prabowo Subianto, o l’uomo d’affari degli Emirati Khadem al Qubaisi, incarcerati per appropriazione indebita. Quelle 62 persone avrebbero investito tra il 1985 e il 2020 più di 744 milioni di euro in immobili in Francia.

Con il caso degli oligarchi russi e le pressioni per stringere l’assedio al Cremlino, questo tipo di azione acquisisce, se possibile, ancora più urgenza, afferma la Ong. Transparency International non ha voluto rivelare l’elenco degli oligarchi russi che ha inviato alla Procura francese.

“Il problema non sono tre o quattro nomi, ma un intero sistema. Soprattutto, volevamo denunciare un sistema che ha permesso a molti uomini d’affari e persone vicine al regime [russo] di arricchirsi ricorrendo a tangenti, favoritismi, appropriazioni indebite“, afferma Brimbeuf, che anticipa di non escludere l’invio di più nomi di oligarchi sospetti in futuro, non solo russi, ma anche ucraini, moldavi o bielorussi.

Esistono precedenti per questo tipo di ricerca e risultati visibili. Solo un anno fa, e dopo più di un decennio di processi, il vicepresidente della Guinea Equatoriale, Teodorín Obiang, è stato condannato definitivamente in Francia per riciclaggio di denaro e appropriazione indebita di fondi pubblici. Tutti i suoi beni in territorio gallico, per un valore di 150 milioni di euro, sono stati confiscati.