La ‘dolce estate’ dell’addio di Boris Johnson

L’ancora leader britannico Boris Johnson, approfitta delle ultime settimane per godersi la posizione e celebrare alcune feste.

Boris Johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

L’ancora primo ministro britannico, Boris Johnson, ha deciso di godersi senza complessi le ultime settimane in carica mentre i conservatori eleggono un nuovo leader. Se qualcuno si aspettava che un presidente costretto a dimettersi dopo una ribellione interna al governo mostrasse un po’ di moderazione, e cercasse un riscatto pubblico di fronte alle accuse di aver mentito sui partiti durante il confino a Downing Street, si è imbattuto in un Johnson che si gode la dolce estate dell’addio.

Boris Johnson da l’addio senza pentimenti e in grande stile

Questo fine settimana, nella sontuosa dimora di un milionario donatore del Partito conservatore nelle Cotswolds, una zona prospera della campagna inglese che da tempo funge da calamita per grandi fortune, il leader britannico ha organizzato, con 14 mesi di ritardo, la grande festa che le restrizioni della pandemia gli avevano impedito quando, nel maggio dello scorso anno, ha sposato la sua terza moglie, Carrie Symonds, dalla quale ha due figli.

Le immagini dei preparativi per il convitto, al quale sabato avrebbero dovuto partecipare tra le 150 e le 200 persone, mostravano una grande tenda eretta nella tenuta di oltre sei chilometri quadrati di Daylesford House. La posizione, l’eccezionalità della casa di grado I (sigillo di esclusività immobiliare nel Regno Unito) e persino un frutteto a forma di cuore hanno regalato ai Johnson la celebrazione di cui li aveva privati ​​​​il coronavirus.

L’enclave rurale, però, non era la prima scelta: la festa era prevista a Chequers, residenza di villeggiatura dei leader britannici nella campagna inglese, ma, con gli inviti inviati, la coppia dovette trovare un’alternativa allo scandalo causato per cercando di utilizzare la casa ufficiale per uno scopo così personale dopo che il primo ministro è stato costretto a dimettersi il 7 luglio.

In ambito istituzionale l’ottica conta, anche per Boris Johnson, che nonostante appena dieci giorni dopo aver pubblicamente ammesso che il suo tempo, come la pazienza del suo partito, era scaduto, ha trovato il coraggio di convocarne più di cento domenica alla Dama di gente per il suo addio.

Secondo i media britannici, hamburger e spumante di lusso sono circolati in abbondanza tra i partecipanti, un mix di ministri e amici del premier. Lo stesso giorno si è tenuta una riunione di emergenza per coordinare la risposta all’ondata di caldo che stava cocente l’Europa.

L’ormai ex premier e la festa per le terze nozze

Dall’esecutivo hanno insistito sul fatto che c’erano abbastanza alti funzionari alla riunione. Nel suo declino come presidente, Johnson non ha perso l’occasione di godersi gli aspetti più piacevoli della carica. Così, a metà luglio è stato visto divertirsi nella cabina di pilotaggio di un caccia Typhoon, di cui ha persino preso i comandi in volo, quando è andato a tenere un discorso al Farnborough Air Show.

Rishi Sunak
Rishi Sunak – NanoPress.it

E ne ha approfittato, a pochi giorni dalle dimissioni, per registrarsi e caricare sui social un video in cui è stato incoraggiato a scherzare sulla rivolta interna di cui era appena stato vittima: “Lascio a voi immaginare chi vorrei mandare in orbita nello spazio. Il messaggio sembra puntare a Michael Gove, che ha licenziato nel bel mezzo della tempesta politica mentre fino a 60 alti funzionari lasciavano il governo.

Essendo uno dei membri più influenti del suo gabinetto e uno dei più anziani nei successivi dirigenti Tory dal 2010, Gove aveva detto a Johnson che era giunto il suo momento. Il premier non aveva dimenticato che nel 2016 aveva sabotato il suo primo tentativo di assalto alla dirigenza e, nel mezzo di una cascata di dimissioni, lo aveva bruscamente licenziato.

La decisione non ha cambiato la sua fortuna, già condannato, ma ha mostrato che se fosse dovuto partire, l’avrebbe fatto a modo suo, come il Parlamento ha avuto modo di verificare prima della pausa estiva. Il presidente del Consiglio ha respinto la mozione di censura che l’opposizione laburista voleva discutere e ha promosso un voto di fiducia al proprio esecutivo e rivendicato la sua gestione alla guida di quello che ha definito uno dei “governi più dinamici dei tempi moderni”.

E ha proclamato di aver “preso le decisioni importanti”. Solo due giorni dopo, ha salutato la Camera dei Comuni con la famosa frase del personaggio di Arnold Schwarzenegger nel film Terminator II: “Hasta la vista, baby”. E nel suo discorso di dimissioni alle porte di Downing Street, ha arditamente lanciato le freccette contro i parlamentari conservatori che ne hanno accelerato la caduta:

E nel mentre ne partito si decide il suo successore

Abbiamo già visto come a Westminster [sede del parlamento britannico] l’istinto del gregge sia potente, e quando il gregge si muove, si muove. Uno dei candidati a succedergli, l’ex ministro dell’Economia Rishi Sunak, è segnato dall’etichetta di traditore che gli è valsa di essere uno dei dimissionari che hanno innescato la caduta «la sua avversaria, la ministra degli Esteri, Liz Truss, è rimasta al governo -.

Liz Truss
Liz Truss – Nanopress.it

Mentre il processo primario continua, con l’intenzione di nominare un nuovo leader il 5 settembre, si stima che circa 14.000 membri del Partito conservatore abbiano firmato una petizione a sostegno della permanenza di Johnson come leader. Lo stesso promotore dell’iniziativa, Peter Cruddas, membro della Camera dei Lord e donatore conservatore, sostiene che, in un pranzo con Johnson presso la residenza dei Dama, ha confessato di voler rimanere in carica e fare da capo al conto. prossime elezioni.

Il suo ambiente ha negato che il presidente del Consiglio flirti con l’idea di restare e il grande sconosciuto ora è il suo futuro immediato. La prima domanda è se deciderà di emulare alcuni dei suoi predecessori, come Tony Blair o David Cameron, e lasciare il suo posto il prima possibile.

L’ombra di Johnson sarà allungata per chi lo sostituirà al 10 di Downing Street, e questa settimana titoli come il Daily Telegraph, una bibbia conservatrice, hanno ipotizzato la sua potenziale promozione a segretario generale della NATO.

Avendo lasciato che i suoi accoliti si diffondessero, Johnson rimane convinto che la colpa della rivolta che ha accelerato le sue dimissioni non ha nulla a che fare con lui e sostiene che coloro che hanno costretto la sua partenza hanno violato la volontà dei 14 milioni di persone che avevano votato Tory nella Elezioni generali 2019.