La Corte Suprema di Trump definisce l’agenda politica di Biden

I democratici cercano formule per contrastare la svolta conservatrice del massimo organo giudiziario, perchè dopo i 4 anni di Trump i conservatori sono saldi al comando della Corte Suprema.

Corte Suprema USA
Corte Suprema USA – NanoPress.it

Da Richard Nixon, nessun presidente degli Stati Uniti ha avuto l’opportunità di nominare tre giudici della Corte Suprema nel suo primo mandato, fino a Donald Trump. L’elezione dei giudici conservatori ha dato i suoi frutti. L’Alta corte ha chiuso questa settimana un anno giudiziario che ha lasciato sentenze controverse su aborto, cambiamenti climatici, armi da fuoco, religione nelle scuole, vaccinazione obbligatoria dei lavoratori contro il covid, ruolo delle agenzie federali e immigrazione, tra le altre questioni.

L’elezione dei giudici conservatori alla Corte Suprema ha dato i suoi frutti

Con una netta maggioranza conservatrice, la Corte Suprema plasmata da Trump sta definendo l’agenda politica del presidente Joe Biden. È solo l’inizio. Nel prossimo anno giudiziario ci sarà un nuovo volto in tribunale, Ketanji Brown Jackson, il primo giudice nero della Corte Suprema, ma l’equilibrio delle forze non cambia.

I giudici hanno già annunciato che si pronunceranno su casi che mettono in discussione l’azione affermativa contro le minoranze nell’accesso al college, il potere dei legislatori statali – controllati per lo più da repubblicani – di stabilire regole elettorali al di sopra dei criteri dei tribunali o la possibilità di discriminare le coppie omosessuali adducendo motivi religiosi, tra molti altri. A medio termine, ci sono minacce al matrimonio gay o all’uso di contraccettivi. A quanto pare, la svolta a destra è appena iniziata.

I democratici indignati richiedono una risposta energica e, in alcuni casi, alquanto estrema. “Prima sulle armi, poi sull’aborto e ora sull’ambiente. Questo MAGA regressivo ed estremista [riferendosi al motto di Trump, Make America Great Again], la Corte Suprema è determinata a riportare l’America indietro di decenni, se non secoli”, ha affermato Chuck Schumer, leader dei Democratici del Senato questa settimana. Riferendosi alla nomina di Amy Coney Barrett alla Corte Suprema, la terza e ultima di Trump, Linda Greenhouse ha scritto nel suo libro Justice on the Brink:

“Era il culmine di un progetto iniziato anni prima, che aveva impostato su un piano attentamente pianificato percorso, curato ed esposto a tutti, tranne, ovviamente, che la maggior parte delle persone non guardava, o, se lo faceva, scambiava occasionali battute d’arresto per sconfitte durature. Era un progetto di recupero della Corte Suprema dei conservatori.

La Corte Suprema ha sei giudici conservatori e tre progressist

Nonostante i repubblicani abbiano vinto il voto popolare in un’elezione presidenziale solo dal 1992 (quelle del 2004 con George W. Bush), la Corte Suprema ha sei giudici conservatori per tre progressisti. Alcuni democratici ritengono che i repubblicani abbiano “rubato” loro due nomine. Quando il giudice conservatore Antonin Scalia è morto nel febbraio 2016, il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell si è affrettato ad avvertire che l’allora presidente Barack Obama non sarebbe stato autorizzato a nominare il suo sostituto.

Joe Biden
Il Presidente Joe Biden – Nanopress.it

Obama ha proposto Merrick Garland, un giudice moderato, ma non c’era modo. “Il popolo americano deve avere voce in capitolo nella scelta del prossimo giudice della Corte Suprema”, ha detto poi McConnell, che ha chiesto di aspettare fino a dopo le elezioni di novembre di quell’anno e l’insediamento del nuovo presidente, sebbene non ci fossero consuetudini o precedenti che ha impedito a Obama di nominare un giudice della Corte Suprema 10 mesi prima della fine del suo mandato.

Dopo aver vinto le elezioni, Trump ha scelto il conservatore Neil Gorsuch, che ora ha 54 anni. I Democratici tentarono di pagare con la stessa moneta e di bloccare il voto al Senato – il noto filibustiere -, come avevano fatto i Repubblicani con Garland. Ma Mitch McConnell ricorse alla cosiddetta “opzione nucleare”, cambiando le regole del gioco, e Gorsuch venne ratificato con 54 voti contro 45 (a maggioranza semplice). Il rapporto di forze non è cambiato in tribunale, poiché un conservatore ha sostituito un altro.

L’equilibrio ha cominciato a ribaltarsi con il secondo appuntamento di Trump. Il giudice moderato Anthony Kennedy, che ha votato in alcune occasioni con i quattro conservatori e in altre con i quattro progressisti, ha deciso di ritirarsi e la persona designata a sostituirlo è stata Brett Kavanaugh, che ora ha 57 anni, più ideologicamente segnato.