La Cina, una potenza globale di cui il Mondo occidentale non si fida

La percezione negativa nei confronti della Cina è salita alle stelle negli Stati Uniti e in Occidente negli ultimi due decenni, secondo un rapporto del Pew Center Research.

Xi Jinping e Putin
Xi Jinping e Putin NanoPress.it

La Cina è già da tempo la seconda potenza al mondo, mentre nel 2015 solo la metà della popolazione in 24 paesi sviluppati, pensava che questo paese potesse oscurare gli Stati Uniti nel prossimo futuro. Ma la sua ascesa ha anche moltiplicato la sfiducia nei confronti del colosso asiatico.

Pochi paesi sono progrediti così velocemente e in così poco tempo come la Cina

In un decennio, l’opinione pubblica occidentale si è rivoltata bruscamente contro Pechino. E da nessuna parte la svolta è stata così marcata come negli Stati Uniti, il grande rivale. Vent’anni fa non era così, secondo un rapporto del Pew Research Center pubblicato questo mercoledì che analizza i sondaggi sulla Cina effettuati dall’istituto negli ultimi due decenni nel mondo. Nel 2005, il 43% degli abitanti della potenza principale ha dichiarato una percezione favorevole della Cina, mentre il 35% ha ammesso una cattiva opinione.

Nel 2014, un anno dopo l’ascesa al potere del presidente Xi Jinping, quei numeri erano stati invertiti, raggiungendo il 55% contro e il 35% a favore. Attualmente, l’82% si dichiara sfavorevole. La maggiore sfiducia si rileva soprattutto tra gli elettori repubblicani: nel 2020 il numero di coloro che confessavano di avere idee negative sul Paese rivale era aumentato di 20 punti percentuali.

La tendenza si è accentuata a seguito dello scoppio della pandemia covid nel 2020. Ma esisteva già. “Negli Stati Uniti, la sensazione che la Cina abbia gestito male il Covid e che sia responsabile della diffusione del virus è legata a visioni negative della superpotenza, ma non è l’unico fattore che genera quegli atteggiamenti.

Piuttosto, le opinioni negative sulla Cina crescevano già prima della pandemia”, motivate da elementi come la costruzione e la militarizzazione di isolotti artificiali nel Mar Cinese Meridionale o disaccordi commerciali, sottolinea Pew.In altri paesi, compresi i vicini della Cina, la tendenza è simile. In Australia, la sfiducia è aumentata dal 52% nel 2002 all’86% di oggi. In Corea del Sud, la percezione negativa è salita alle stelle dal 2017, quando Seoul e Pechino hanno vissuto mesi di tensione dopo lo spiegamento del sistema antimissilistico statunitense THAAD sul suolo sudcoreano, e supera l’80%. In Giappone è dell’87%.

In Spagna, dove due decenni fa solo il 21% dei suoi residenti pensava male della Cina, il sentimento negativo si estende ora al 63%. “Le visioni globali sfavorevoli della Cina sono tra le preoccupazioni per le politiche cinesi in materia di diritti umani, la sua potenza militare e fattori economici come il commercio”, afferma il documento.

Una media del 66% dei residenti in 19 economie avanzate ritiene che l’influenza della Cina nel mondo sia cresciuta negli ultimi anni. Solo il 12% ritiene che la potenza asiatica si sia indebolita. La preoccupazione per il ruolo di Pechino all’estero è particolarmente evidente negli Stati Uniti.

La prima potenza mondiale ha orientato sempre più la sua politica estera -dal famoso annuncio della “svolta verso l’Asia Pacifico” annunciato da Barack Obama all’inizio del suo primo mandato (2009-2013)- a una rivalità sempre più aspra con la Cina. Washington alimenta con cura l’alleanza informale nota come Quad – Stati Uniti, Giappone, Australia e India – che il governo Xi interpreta come un tentativo di frenare l’influenza cinese in Asia.

L’anno scorso, la Casa Bianca ha annunciato in grande stile il lancio di una nuova alleanza militare, l’Aukus

L’anno scorso, la Casa Bianca ha annunciato in grande stile il lancio di una nuova alleanza militare, l’Aukus (Australia, Regno Unito e Stati Uniti). Un altro movimento nel board geopolitico, agli occhi di Pechino, per bloccarne il percorso nella regione. Il 67% degli americani vede la Cina come una minaccia crescente.

Biden-Xi Jinping
Joe Biden e Xi Jinping – Nanopress.it

Un balzo di 19 punti percentuali nel 2022. Allo stesso modo, la percentuale di americani che credono che una delle massime priorità del proprio Paese dovrebbe essere quella di limitare il potere e l’influenza di Pechino all’estero è cresciuta di almeno 16 punti. Nel 2018, quando è scoppiata la guerra commerciale tra i due colossi mondiali durante il mandato di Donald Trump, il 32% era di questa opinione.

Nel 2021 la percentuale era del 48%. “Più americani hanno anche affermato che era importante limitare il potere e l’influenza della Cina rispetto a [coloro che lo ritenevano necessario] limitare il potere della Russia, della Corea del Nord o dell’Iran”, afferma il rapporto.

Non tutte le tendenze sono negative per la Cina. Soprattutto dopo la guerra commerciale con gli Stati Uniti nell’era di Donald Trump, e dopo le reciproche accuse tra i due governi a seguito dello scoppio della pandemia, Pechino è giunta alla conclusione che né Washington né i suoi alleati tollereranno mai la Cina li mette in ombra. La sua politica estera e la sua diplomazia pubblica sono orientate, al contrario, a rafforzare i legami con i paesi del sud del mondo.

Propone un nuovo ordine mondiale che dia più voce a queste nazioni e ha intrapreso una serie di iniziative soft power, come la vendita o la donazione di vaccini contro il covid. Questa politica di soft power motiva che tra i paesi in via di sviluppo la percezione può essere molto diversa. Sebbene il covid abbia reso difficile lo svolgimento dei sondaggi in quelle nazioni, prima dello scoppio della pandemia le opinioni erano divise in Africa subsahariana, Asia o America Latina, sottolinea il Pew Center.

In una serie di paesi, le percezioni sono state estremamente positive. “La metà o più dei residenti ha avuto impressioni favorevoli sulla Cina in Brasile, Messico, Argentina, Nigeria, Kenya e Sud Africa” ​​nel 2019, l’ultimo anno in cui potrebbero essere completati, afferma il rapporto.