La Cina ospita la riunione dei BRICS tra il crescente disagio economico

Oggi il presidente della Cina Xi Jinping ospita un vertice virtuale con i leader di Brasile, Russia, India e Sud Africa, noto collettivamente come “BRICS”, tra le crescenti preoccupazioni per le prospettive economiche globali e un crescente divario politico tra Pechino e Nuova Delhi.

Xi Jinping
Xi Jinping – NanoPress.it

Sebbene non sia stato emesso alcun ordine del giorno per i colloqui, è probabile che la questione Ucraina passi in secondo piano, perché il tema è molto delicato. La Cina si è rifiutata di condannare l’invasione russa. mentre criticava le sanzioni contro Mosca. L’India ha acquistato grandi quantità di petrolio russo con un forte sconto, e il Sud Africa si è astenuto dal voto delle Nazioni Unite che condanna le azioni della Russia.

Cina, Brasile, Russia, India e Sud Africa al BRICS

Insieme a Xi, il primo ministro indiano Narendra Modi, il presidente russo Vladimir Putin, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa e il presidente brasiliano Jair Bolsonaro, si uniranno ai due giorni di discussioni. La Cina ha cercato di utilizzare gli incontri BRICS per promuovere la sua visione di un’alleanza per contrastare l’ordine mondiale democratico liberale guidato dagli Stati Uniti espandendo la sua impronta economica e politica.

Ciò ha prodotto pochi risultati tangibili, ma Xi rimane impegnato nell’idea di una modalità di governance globale alternativa, e principalmente autoritaria, investendo pesantemente in paesi come la Cambogia, reprimendo i diritti civili a Hong Kong e rafforzando le sue forze armate, per affermare le sue rivendicazioni in il Mar Cinese Meridionale, e le minacce di annettere Taiwan con la forza.

In un discorso al vertice economico BRICS, Xi ha affermato che il conflitto in Ucraina ha “suonato come un allarme per l’umanità”, continuando la sua posizione formale di neutralità, mentre formalmente continua a fare ‘affari’ con il suo alleato, la Russia. Xi ha affermato che l’imposizione di sanzioni potrebbe agire come un “boomerang” e un'”arma a doppio taglio”, e che la comunità globale rischierebbe di “politicizzare, meccanizzare e armare” le tendenze economiche globali e i flussi finanziari.

“La globalizzazione economica è un requisito oggettivo per lo sviluppo delle forze produttive e un trend storico irresistibile”, ha affermato Xi. In un video registrato, Bolsonaro non ha menzionato alcun Paese in particolare, ma ha affermato che “l’attuale contesto internazionale è motivo di preoccupazione, a causa dei rischi per il commercio e i flussi di investimento per la stabilità delle catene di approvvigionamento energetico“. “La risposta del Brasile a queste sfide non è chiudersi. Al contrario, ha aggiunto Bolsonaro, abbiamo cercato di approfondire la nostra integrazione economica”.

Il collettivo BRICS è stato fondato nel 2009, quando i paesi aderenti erano visti come il potenziale motore per la futura crescita economica globale. Da allora, il Sudafrica e il Brasile hanno visto le loro economie impantanarsi in crisi, mentre la crescita della Cina è fortemente diminuita, e la Russia è stata coinvolta nella sua invasione dell’Ucraina e nella punizione delle sanzioni economiche imposte dall’Occidente.

Cina e India hanno nel frattempo litigato sul confine conteso, e sulla partnership di difesa di Nuova Delhi con Stati Uniti, Giappone e Australia in quello che è noto come “The Quad”. Le scaramucce lungo la frontiera hanno provocato un grande stallo nel 2020, che ha portato a scontri e vittime da entrambe le parti.