Kiev rivendica i militari che hanno combattuto nell’acciaieria di Azovstal

Continua il conflitto fra Russia e Ucraina e anche se il dialogo è ad un punto morto, Zelensky chiede diplomazia, l’unico modo secondo il presidente ucraino per tornare alla pace fra le due potenze.

Esclusi dalla Russia
Biden, Zuckerberg, Freeman e Clinton – Nanopress.it

Intanto, la Russia interrompe la fornitura di gas ai Paese ostili, come la Finlandia.

La richiesta dell’Ucraina

Finora l’acciaieria di Azovstal è stato un punto cardine di questa guerra, simbolo della resistenza a Mariupol. Presa di mira per 86 giorni, finalmente non è più un bunker inespugnato poiché i militari del reggimento Azov hanno ricevuto l’ordine dalle forze armate russe di uscire allo scoperto e salvarsi.

I ragazzi di tale squadra infatti, si sono arresi ai russi e sono tenuti prigionieri da questi ultimi in attesa di processo in un tribunale russo perché così, secondo quanto riferito, chiede la popolazione.

Tuttavia, la negoziazione dei prigionieri potrebbe essere possibile, infatti l’Ucraina propone lo scambio con l’oligarca Medvedchuk, catturato tempo fa sa un blitz delle forze armate ucraine.

I “nemici russi”

In questa guerra non è solo l’Ucraina ad essere contro la Russia, infatti molte potenze si stanno alleando con l’Ucraina o comunque stanno supportando le forze armate del paese e di quelli limitrofi, per meglio difendersi dagli attacchi russi.

Un esempio è la Gran Bretagna, dove la ministra degli Esteri Truss ha confermato che il Regno Unito appoggerà la Moldavia fornendo armi all’avanguardia tecnologicamente avanzate per permettere una buona difesa dall’offensiva russa ed un equipaggiamento secondo gli standard della Nato.

Dal canto loro, i russi hanno stilato in questi giorni una vera e propria lista di persone che non possono entrare in territorio russo, specialmente molti cittadini statunitensi, per la precisione circa 960.

Fra questi c’è il presidente Joe Biden, decisione presa a causa delle sanzioni che il governo di Washington sta emanando ai danni dei russi.

Oltre a Biden, altri nomi noti a cui viene vietato l’ingresso in Russia sono: Mark Zuckerberg, Morgan Freeman a causa di alcune vecchie dichiarazioni pubbliche in cui affermava che Mosca stava complottando contro gli Stati Uniti, il segretario di stato statunitense Antony Blinken e il capo del Pentagono Lloyd Austin.

Infine, alcuni Paesi sono stati “allontanati” dalla Russia per quanto riguarda il settore del gas, di cui è principale fornitore mondiale. Uno di questi è la Finlandia, che si è rifiutata di pagare il fornitore Gazprom in rubli e quindi la compagnia energetica Gasum, finlandese, ha affermato che la Russia ha interrotto l’approvvigionamento. In risposta, il Paese verrà rifornito di gas dall’Estonia.

Il conflitto

Secondo gli ultimi aggiornamenti i russi continuano la loro offensiva spingendosi nelle regioni di Donetsk e Lugansk, mantenendo un corridoio che collega alla Crimea, momentaneamente occupata.

Il conflitto continua
Il conflitto continua – Nanopress.it

Nell’ultimo giorno del conflitto i bombardamenti rossi a Lugansk hanno ucciso 13 civili, quasi tutti nella città di Severodonetsk, punto fondamentale perché il controllo di questo territorio consentirebbe ai russi di dirigersi a ovest e collegarsi con i militari che si trovano a sud est di Izyum.

I russi hanno distrutto una base di addestramento delle forze armate ucraine e bloccando i porti come stanno facendo, twitta il ministro degli Esteri ucraino Kuleba, molte persone sono a rischio fame.