Kharkiv: gli attacchi russi mandano in frantumi la calma recente

Funzionari ucraini affermano che i bombardamenti della regione di Kharkiv provengono dall’interno della Russia, ma Kiev deve affrontare restrizioni sulla risposta al fuoco con armi occidentali.

Kharkiv sotto le macerie
Kharkiv sotto le macerie – NanoPress.it

Le truppe russe hanno bombardato la città ucraina di Kharkiv e altre città di confine durante la notte, portando nuova violenza in una regione che cercava di ricostruire dopo mesi di bombardamenti e mettendo in evidenza un problema per Kiev su come rispondere.

Kharkiv sotto le macerie, Zelensky in difficoltà

Gli ultimi attacchi a Kharkiv, che si trova vicino al confine russo, sono avvenuti mentre le forze russe e ucraine continuavano a combattere nella città strategicamente importante di Severodonetsk, a sud-est di Kharkiv, nell’area orientale del Donbass in Ucraina.

Funzionari ucraini nell’area di Kharkiv hanno accusato le forze russe di aver lanciato attacchi dall’interno della Russia. Il ministero della Difesa russo non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Allo stesso tempo, l’Ucraina dipende dalle armi occidentali, e gli Stati Uniti hanno imposto condizioni che impediscono a Kiev di utilizzare nuovi sistemi missilistici per colpire il territorio russo.

L’Ucraina è stata anche accusata di aver compiuto una serie di attacchi transfrontalieri a centri logistici e depositi di carburante in Russia, sebbene Kiev abbia negato di aver avuto un ruolo negli incidenti.

Un sistema missilistico guidato che gli Stati Uniti stanno fornendo all’Ucraina sarà in grado di colpire obiettivi fino a 80 chilometri di distanza per aumentare la potenza di fuoco dell’Ucraina contro le forze russe nel Donbass, che include Severodonetsk.

Come precauzione contro l’escalation, gli Stati Uniti hanno avuto assicurazioni da Kiev che il sistema non sarà utilizzato per colpire obiettivi sul suolo russo, hanno affermato i funzionari statunitensi. A Kharkiv, squadre di volontari hanno lavorato per ripulire i detriti dagli attacchi russi, che si sono riverberati in tutta la città durante la notte fino a questa mattina.

Le autorità di Kharkiv hanno affermato che il segnale televisivo è stato temporaneamente interrotto dopo gli attacchi di mercoledì sera. Un attacco missilistico che ha colpito un bar, un negozio e una biblioteca scolastica nel distretto cittadino di Novobavarsky ha ucciso due persone e ne ha ferite quattro, hanno detto i vigili del fuoco.

La città di Kharkiv all’inizio della guerra ha subito alcuni dei peggiori danni visti in Europa dalla seconda guerra mondiale, ma più recentemente l’Ucraina ha spinto le truppe russe fuori dai villaggi vicini che venivano usati per colpire la città.

La conquista di Severodonetsk ‘centrale’ per l’offensiva russa

I funzionari ucraini hanno sottolineato l’urgente necessità di armi pesanti occidentali per respingere le truppe russe. che per settimane hanno lentamente schiacciato le forze di Kiev nell’Ucraina orientale attraverso raffiche di artiglieria seguite da lente avanzamenti. Queste tattiche hanno portato Mosca a conquiste lente ma costanti nell’area del Donbass, dove la Russia ha concentrato le sue forze, dopo un tentativo fallito di prendere Kiev dopo l’inizio dell’invasione alla fine di febbraio.

Severodonetsk
Severodonetsk – NanoPress.it

Per le forze russe, la battaglia per Severodonetsk potrebbe darle il controllo sull’ultima grande città non occupata nella regione orientale di Luhansk. Mentre gli attacchi di artiglieria della Russia hanno contribuito ad aprire la strada alle sue forze per entrare in città, le truppe ucraine aiutate da forze speciali, sono riuscite a lanciare contrattacchi concentrati per impedire ai russi di prendere completamente la città.

“Se potessimo ricevere rapidamente le armi occidentali a lungo raggio, ci impegneremmo in un duello di artiglieria, i sovietici perderanno contro l’Occidente e i nostri difensori potrebbero ripulire Severodonetsk nel giro di due o tre giorni”, il capo del Luhansk regione, Serhiy Haidai, ha detto in un’intervista pubblicata sul suo account Telegram giovedì.

I sistemi missilistici statunitensi non sono stati ancora ampiamente utilizzati nella lotta e alcune nazioni europee, inclusa la Germania, sono state lente nel mantenere le promesse di fornire più armi. Finora, Berlino ha inviato aiuti militari per un valore di circa 200 milioni di euro, o circa 214 milioni di dollari, secondo le stime del governo, meno di quanto ha dato l’Estonia.

A partire dalla scorsa settimana, la Francia ha inviato 12 cannoni tipo obice a Kiev e nessun carri armati o difese aeree. Le truppe russe hanno probabilmente ricostituito alcune unità combattenti e aumentato gli sforzi per spostarsi nella città di Izyum, che si trova tra le città di Kharkiv e Severodonetsk, ha affermato giovedì il ministero della Difesa del Regno Unito. Una tale avanzata avvicinerebbe le forze di Mosca alle più grandi città controllate dall’Ucraina del Donbass, Kramatorsk e Slovyansk.

“Abbiamo colpito così tanti soldati e distrutto così tanti dei loro sistemi, ma continuano ad arrivare”, ha detto Yevhen, un comandante di battaglione che combatte vicino a Izyum che il Wall Street Journal ha accettato di identificare solo con il suo nome.