Kabul: donne ‘ingabbiate’ dalla dittatura talebana

A Kabul molte donne hanno dovuto lasciare il lavoro sotto il rigore del regime fondamentalista imposto un anno fa dai guerriglieri radicali in Afghanistan.

Una donna talebana con i figli
Una donna talebana con i figli – NanoPress.it

Porre fine ai diritti che le donne avevano acquisito in Afghanistan negli ultimi 20 anni è uno dei principali obiettivi della dittatura talebana. Sotto i precetti della più rigorosa interpretazione dell’Islam e sostenuti da ancestrali pilastri tribali, i fondamentalisti giustificano l’imposizione di abiti che li nascondano completamente, il divieto di viaggiare da soli, nonché gli ostacoli all’istruzione (vietato alle ragazze delle scuole superiori), lavoro o sport.

A Kabul e in tutto l’Afghanistan le donne non hanno più diritti

In breve, vogliono relegare quasi la metà di una popolazione di 40 milioni di persone in una sorta di prigione sociale permanente. Tra le tante donne, il cui lavoro precedente è ora sepolto nel baule dei ricordi per scoprire come vivono sotto il giogo dell’Emirato islamico, ce ne sono due che meritano una attenzione particolare: una modella e un’attivista.

Di fronte a queste testimonianze c’è la visione offerta dal portavoce del Ministero per la Promozione delle Virtù e la Prevenzione del Vizio. È una specie di polizia morale che, oltre a schiacciare i diritti delle donne, controlla la lunghezza della barba degli uomini e ordina loro di andare in moschea a pregare. Il Ministero delle Donne “è stato creato dagli occidentali per imporre la loro cultura”, afferma Akif Muhajer.

Una posizione nota, quindi quello che è successo in questi 12 mesi ha colto pochissimi di sorpresa. Nonostante ciò, ci sono ancora tentativi di resistere al giogo talebano: diverse decine di donne hanno cercato di manifestare questo sabato a Kabul per chiedere “pane, lavoro e libertà”. Sono stati dispersi con raffiche di colpi sparati in aria dai talebani.

Sonita Zewari, attivista per i diritti delle donne

Sonita Zewari, 30 anni, laureata in economia aziendale a Kabul e attivista femminista, arriva per il colloquio dopo essere andata in palestra. Riconosce che questa routine, grazie al fatto che ci sono orari per uomini e donne, è una delle poche finestre di svago che le sono rimaste.

Un soldato Talebano
Un soldato Talebano – NanoPress.it

È sorprendente come, nel bel mezzo di una storia afflitta da calamità e disperazione, riesca a tartufare di tanto in tanto un gancio che scatena il suo sorriso e quello del giornalista. “Spero di sposarmi in Spagna”, dice dopo aver raccontato che la sua vita si limita a buttare via i risparmi in una casa in affitto con la madre e tre fratelli di 22, 24 e 27 anni.

Solo una manciata di parenti sa dove vive, dal momento che il suo ruolo di difensore dei diritti delle donne l’ha messa nel mirino di uscire a manifestare. Gli uomini barbuti si sono presentati a casa sua dopo una pubblicazione sul suo profilo di social network Facebook che non gli è piaciuta.

Così, come migliaia di afgani perseguitati, ha deciso di cambiare indirizzo. Crede, in ogni caso, che la cosa migliore sarebbe scappare dal Paese e non smette di bussare alla porta di diverse organizzazioni per facilitargli l’uscita dall’Afghanistan.

Se puoi, dice, con tutta la famiglia; se no, lei sola: “[non vedo] nessuna speranza per il futuro”. Racconta come qualcosa di irrecuperabile al momento alcuni dei suoi lavori degli anni precedenti, che stava combinando con l’università. Ha lavorato, tra gli altri, nella compagnia aerea locale Kamair, nelle ONG Norwegian Committee for Refugees e Shelter For Life, negli uffici statali del DNI elettronico o in un progetto educativo della BBC Radio. Per Sonita Zewari, l’arrivo dei talebani a Kabul lo scorso 15 agosto ha segnato “il giorno della resa dei conti”.

Tamana, calciatore della nazionale afgana

“I talebani sanno quasi tutto di me”, dice Tamana preoccupata, con una storia burrascosa alle spalle che include un famigerato caso di abuso sessuale. L’appuntamento con questo calciatore di 30 anni, che fino al 2019 ha militato per una dozzina di anni nella nazionale di calcio afgana, cambia più volte scenario.

Terremoto in Afghanistan
Terremoto in Afghanistan – NanoPress.it

Si svolge infine alla luce di una lanterna in un seminterrato di una casa della capitale. Dopo aver esitato a pubblicare il suo vero nome, decide di nasconderlo con uno falso nonostante questo possa essere un ostacolo alla sua eventuale partenza dal Paese. Vi assiste ricoperta di nero rigoroso dalla testa ai piedi e accompagnata dal marito e dalla figlia di otto mesi. “Vado così per obbedire al governo talebano, ma non è comodo, non ci sono abituata e mi fa eccitare”, dice mentre apre una cartella con numerosi documenti dei suoi anni da atleta.

Diplomi, foto, accrediti… Stende tutto sul pavimento in moquette come argomentazione per dimostrare di aver avuto una vita precedente in numerosi paesi e che il calcio, a differenza di altri suoi colleghi, non è stato il suo passaporto per sottrarsi al rigore dell’Emirato Islamico. “Questo paese è diventato una prigione”, dice, ricordando il suo tempo come allenatore part-time presso il palazzo del Parlamento, un’istituzione ora nell’oblio.

“Ero una ragazza molto attiva, libera come un uccellino, ma ora non posso volare come prima da atleta”, si lamenta spiegando che, nonostante gli ostacoli che ha incontrato in casa, le sue tre sorelle minori si sono dedicate anche stessi allo sport. Un portiere e allenatore, un altro arbitro e l’ultimo giocatore. Essere una giocatrice di calcio in una società come quella afgana non è mai stato facile.

Tuttavia, oltre alla riluttanza che Tamana ha dovuto affrontare negli anni precedenti – con attacchi al padre nel suo stesso quartiere – ora ci sono aggressioni fisiche contro il marito e il suocero. “Ci sono parenti di entrambe le famiglie che trasmettono le nostre informazioni ai talebani”, dice mentre mostra una foto scattata da una finestra degli uomini barbuti che entrano nella sua casa.

Anche lo scandalo che ha circondato la Federcalcio che ha sede a Kabul negli anni precedenti non ha aiutato la sua carriera. È stato colto nel mezzo della tempesta della condanna del presidente, Keramuudin Karim, per abusi sessuali alla squalifica a vita. Lo ricorda in lacrime, perché era una delle vittime.

“A volte mi sveglio pensando che questo Afghanistan sia un sogno, ma scopro che non abbiamo nemmeno abbastanza per comprare il latte per la ragazza”, dice. Continua a parlare e, con un gesto più che insolito, inizia ad allattare la figlia. “Sono molto felice di averla come donna”. dice il marito, finora in silenzio e guardando la bambina. Dal canto suo, Tamana, in gesto di ribellione, decide di posare per la foto con una delle sue maglie da calcio.