Johnson si avvia al tramonto: si dimettono Rishi Sunak e Sajid Javid

I ministri delle finanze e della salute del governo Johnson, contemporaneamente rassegnano le dimissioni per protestare contro la “mancanza di competenza e serietà” di Downing Street.

Boris Johnson
Boris Johnson – Nanopress.it

Viste le defezoni, Nadhim Zahawi, attuale ministro dell’Istruzione e responsabile del programma di vaccinazione, accetta di assumere l’area economica del governo. A far vacillare il governo Johnson in primo luogo è stato il gruppo parlamentare conservatore, con una mozione di censura interna che ha gravemente indebolito Boris Johnson.

Il ministro dell’Economia, Rishi Sunak, e il ministro della Salute, Sajid Javid, si sono dimessi in contemporanea

Ora è il turno di due dei suoi ministri più potenti e politicamente rilevanti. Martedì, il ministro dell’Economia, Rishi Sunak, e il ministro della Salute, Sajid Javid, hanno presentato le loro dimissioni in contemporanea, per protestare contro la deriva etica del governo. “I cittadini confidano giustamente che il governo si comporti in modo appropriato, competente e serio”, ha rimproverato Sunak a Johnson nella sua lettera di dimissioni.

Il tono che si dà come leader e i principi che si rappresentano si riflettono nei suoi colleghi, nel partito e, infine, nel Paese”, ha sottolineato Javid nella sua lettera. “Purtroppo, nelle attuali circostanze, il pubblico è giunto alla conclusione che il Partito conservatore non è più competente o difende l’interesse nazionale (…) Mi dispiace dire che la situazione non cambierà sotto la vostra guida, e in conclusione, hai perso la mia fiducia”, ha detto il ministro a Johnson.

Non sono due ministri qualsiasi. L’Economia, storicamente, è la poltron più importante di Downing Street dopo il primo ministro. E Javid ha ricoperto quella posizione prima di Sunak, per dimettersi nel febbraio 2020, quando Johnson voleva controllare il suo ministero degli esteri. Il politico, finanziere di successo e di umili origini (musulmano, di famiglia pachistana) è una voce sempre più sentita nel Partito conservatore. L’attesa generale è quella della richiesta di nuove dimissioni dei membri dell’Esecutivo nelle prossime ore.

La ribellione interna del governo può segnare l’inizio della fine di Boris Johnson. Dopo aspre critiche da parte dei ranghi parlamentari, l’unico segno che Downing Street ha perso il controllo della situazione è una cascata di dimissioni tra i ministri.

Appena possibile nuova richiesta di dimissioni di Johnson da parte di un nutrito gruppo del suo partito

Ore dopo le dimissioni, il Primo Ministro, che stava cercando di tappare a pieno regime le perdite d’acqua, ha nominato il suo capo di stato maggiore, Steve Barclay, nuovo ministro della Salute. E ha convinto l’attuale ministro dell’Istruzione, Nadhim Zahawi, a ricoprire la carica chiave di ministro delle finanze.

Rishi Sunak
Rishi Sunak – NanoPress.it

Zahawi è stato in prima linea nel programma di vaccinazione, uno dei pochi chiari successi di questo governo. È un politico di grande prestigio, nato in Iraq, naturalizzato inglese, ingegnere chimico e fondatore della società di sondaggi Internet YouGov. Se Johnson non avesse avuto nessuno di peso per ricoprire il lavoro, sarebbe stato in guai seri. Con Zahawi al suo fianco, può sopravvivere, almeno fino a dopo l’estate. Il premier britannico aveva già tentato, con na mossa disperata, di superare l’ultimo scandalo che lo ha messo alle corde.

Johnson si è scusato all’inizio di questo martedì per aver nominato Chris Fincher il numero due nel gruppo parlamentare, un deputato che in diverse occasioni in passato era stato accusato di molestie sessuali a danno di giovani consiglieri. “Non dovrebbe esserci posto in questo governo o nel partito per i predatori sessuali o le persone che abusano del loro potere”, ha detto Johnson, che sta cercando di tappare le perdite d’acqua a tutta velocità. Infatti, poche ore dopo le dimissioni, ha nominato il suo Capo di Stato Maggiore, Steve Barclay, nuovo Ministro della Salute.

Ad aprile, la maggioranza dei parlamentari conservatori, contrariamente all’ordinanza iniziale emessa da Downing Street, si è astenuta nel voto che chiedeva alla commissione etica del Parlamento di indagare su Johnson per possibile disprezzo, perché sospettato di aver mancato alla verità nelle sue spiegazioni su ciò che sapeva o non sapeva delle parti durante la reclusione. Quella stessa commissione, il cui rapporto è atteso in autunno, ora ha tra le mani una lettera che mette il presidente del Consiglio in una situazione più scomoda.