Johnson rimane Primo Ministo Inglese: sconfigge Brexit e Partygate

Boris Johnson continuerà ad essere leader del partito conservatore e quindi primo ministro britannico, visto che stasera ha superato la mozione di sfiducia nei suoi confronti. Ma il partito conservatore è spaccato.

211 voti a favore e 148 contro. Alcuni deputati hanno dchiarato pubblicamente il loro voto sulla mozione di sfiducia a Boris Johnson tra i parlamentari conservatori. Ora si aspettano le mosse di un Primo Ministro che non ha più la fiducia di una grande parte del suo Partito.

Boris Johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

Ma il margine di vittoria è stato cruciale: se una parte significativa dei legislatori del suo stesso partito si è opposto e a lui, la sua autorità è andata in frantumi. E questo è quello che è successo stasera.

Boris Johnson vince anche contro Brexit e Partygate

C’erano molte avvisaglie che le cose per Johnson stavano andando molte male. E si è capito quando molti leader conservatori hanno votato la sfiducia al Primo Ministro.

Il leader dei conservatori scozzesi Douglas Ross ha dichiarato che voterà contro Boris Johnson nella mozione di fiducia che deciderà il futuro del primo ministro.

Sir Roger Gale, critico di lunga data del primo ministro, ha affermato di aver votato “sfiducia” a Boris Johnson per un “accumulo di fattori”. Sir Roger ha detto di aver messo in dubbio il giudizio del primo ministro da quando Johnson ha difeso il suo allora aiutante Dominic Cummings per aver guidato a Barnard Castle nella contea di Durham durante il blocco del Covid.

Penso che tutti gli eventi intermedi abbiano appena rafforzato la mia opinione sul fatto che abbiamo bisogno di un altro primo ministro“, ha detto a Sky News. Gale ha anche detto che il partito ha “l’imbarazzo della scelta” per un leader alternativo, suggerendo che Dominic Raab, Liz Truss, Ben Wallace, Penny Mordaunt e Tom Tugendhat potrebbero farsi avanti. “Questo è qualcosa che il primo ministro si è portato addosso“, ha aggiunto.

“La Brexit ha diviso il partito – questo è assolutamente vero. È curioso che il partito sia ora diviso, non sulla politica, ma sul carattere del primo ministro. È davvero straordinario”.

Il signor Ross ha detto di aver sentito “forte e chiaro” la rabbia per la violazione delle regole Covid a Downing Street. Il parlamentare di Moray aveva detto a gennaio che il signor Johnson avrebbe dovuto dimettersi per i Partygate, ma poi ha ritirato la chiamata a marzo a causa della guerra in Ucraina. 

Molti conservatori contro il loro stesso Primo Ministro

Il voto di fiducia si svolgerà stasera tra le 18:00 e le 20:00 e verso le 22 si è saputa la votazione. John Lamont, parlamentare Tory degli Scottish Borders, ha annunciato di essersi dimesso da segretario privato parlamentare del ministro degli Esteri Liz Truss dopo aver votato contro Boris Johnson.

Johnson beve una birra
Johnson beve una birra – NanoPress.it

David Mundell, ex segretario scozzese e deputato del Dumfriesshire, Clydesdale e Tweeddale, ha affermato di aver votato contro il primo ministro, così come il deputato Andrew Bowie che in precedenza si era detto “completamente sconvolto” dal rapporto Sue Gray.

Ha detto che il suo rovesciamento causerebbe instabilità a beneficio di Vladimir Putin, ma ha aggiunto che il primo ministro dovrebbe ancora andare se un’indagine avesse scoperto che aveva fuorviato il parlamento.

Oggi, Ross ha affermato che il tempismo del voto era “lontano dall’ideale” data la continua invasione russa dell’Ucraina. Ha detto che, sebbene non avesse cercato di portare a termine il voto, stava andando avanti e aveva considerato se dovesse sostenere il PM.

Ho sentito forte e chiara la rabbia per la violazione delle regole del Covid che tutti abbiamo fatto del nostro meglio per seguire, e ancor di più per le dichiarazioni al parlamento del presidente del Consiglio sull’argomento“, ha detto.

Avendo ascoltato attentamente le persone a Moray che mi hanno rieletto per rappresentarle, e da molte persone in tutta la Scozia, ora che questo voto di fiducia è alle porte, non posso in buona fede sostenere Boris Johnson. “Il mio voto di stasera sosterrà la mozione di sfiducia”.