Johnson ordina l’estradizione di Julian Assange negli USA

Il governo Johnson ha deciso. L’ex hacker australiano Assange può ancora ricorrere alla giustizia britannica per evitare di affrontare il sistema giudiziario americano, che lo sostiene per 18 accuse, tra cui una di spionaggio.

julian assange
Julian Assange – NanoPress.it

Il ministro dell’Interno britannico Priti Patel ha approvato oogi l’estradizione del fondatore di WikiLeaks Julian Assange negli Stati Uniti, per affrontare la giustizia statunitense. L’ex hacker australiano è ricercato dalle autorità statunitensi per 18 accuse, tra cui quella di spionaggio, relative alla pubblicazione da parte di WikiLeaks di informazioni riservate, documenti militari e cablogrammi diplomatici che, secondo Washington, hanno messo in pericolo vite umane.

Johnson avalla la decisone del trbunale brittanico

I sostenitori di Assange hanno affermato che è un eroe anti-sistema che è stato vittimizzato perché ha denunciato le irregolarità commesse dagli Stati Uniti nei conflitti in Afghanistan e Iraq, e che la sua accusa è un attacco al giornalismo e alla libertà di espressione. “Il 17 giugno, a seguito dell’esame sia della Magistrates’ Court che dell’Alta Corte, Julian Assange è stato estradato negli Stati Uniti. Assange conserva il normale diritto di appello di 14 giorni”, ha affermato il Ministero dell’Interno in una nota.

La decisione di Patel non significa la fine della battaglia legale dell’australiano dopo oltre un decennio di contenzioso. Il suo team di legali può presentare ricorso presso l’Alta Corte di Londra, che deve dare la sua approvazione. Alla fine l’ultimo tentativo è provare a portare il  caso all’Alta Corte del Regno Unito. Ma se questo eventuale ricorso sarà respinto, Assange dovrà essere estradato entro 28 giorni.

Il fondatore di WikiLeaks rischia fino a 175 anni di carcere negli Stati Uniti. Il governo britannico ha ora accettato di estradare Assange. Il braccio di ferro durato anni per l’estradizione di Julian Assange è probabilmente finito: il fondatore di WikiLeaks può essere estradato negli Stati Uniti. Lo ha annunciato il ministro dell’Interno britannico Priti Patel a Londra. Entrambi i governi si battevano per l’estradizione di Assange da 12 anni.

Ad aprile, un tribunale britannico aveva stabilito che il fondatore di WikiLeaks potrebbe essere estradato. Il governo britannico doveva ancora essere d’accordo. Ora è successo con il voto di Patel.