Johnson: il disincanto del Partito Conservatore con il mago della Brexit

Il primo ministro Boris Johnson divide deputati, membri ed elettori da una formazione abituata a vincere le elezioni.

Boris Johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

Daniel Hamilton (35 anni) ha raggiunto la sua posizione di consigliere nel ricco quartiere londinese di Wandsworth con soli 36 voti di differenza rispetto al suo diretto rivale. In un’area con tasse locali molto basse, i conservatori hanno spazzato via tutti i rivali, con un margine di 10 punti percentuali o più sui laburisti.

Johnson e i problemi col partito conservatore

“Era inevitabile. Ogni vicino a cui hai bussato alla porta ha ricordato con disappunto la festa di Downing Street. Certo, è stato un fattore chiave”, riconosce Hamilton, “ma anche il fatto che tanti anni di Brexit abbiano diluito l’identità del partito, che non è più così attraente”. E l'”effetto Boris”, con il tono irriverente ma accattivante di questi anni, ha perso il suo fascino.

Perché non c’è niente di più conservatore, in linea di principio, di una dose di qualunquismo. Diverse generazioni ricorderanno quel personaggio chiamato Guillermo El Travieso (William The Bad), con la sua uniforme scolastica inglese.

L’immaginazione dello scrittore Richmal Crompton ha introdotto, nel periodo tra le due guerre del XX secolo, la necessaria misura di ottimismo e modernità nei romanzi per giovani adulti, che hanno delicatamente riaffermato l’apparente ordine naturale della società britannica.

“Ci sono quattro tipi di persone che aspirano a governare e tutti vogliono migliorare le cose”, spiega il suo amico dai capelli rossi, Ginger, a Guillermo in Guillermo, Primo Ministro (1929). “I conservatori vogliono che tutto migliori, senza che nulla cambi; i liberali, cambiano un po’ le cose senza farsi notare; i socialisti, che prendono i loro soldi dagli altri: i comunisti, che uccidono tutti tranne i loro”.

Per i suoi colleghi, Boris Johnson è stato il candidato che ha garantito le vittorie alle urne. Per i membri e i simpatizzanti del Partito conservatore, il politico irriverente e carismatico che alla fine è riuscito a farli uscire dall’UE. “Sebbene il rapporto di Johnson con la maggior parte dei parlamentari conservatori sia in gran parte transazionale, lo stesso non vale per gran parte dei membri del partito”, ha scritto Paul Goodman, direttore del sito web di Conservative Home e uno dei principali analisti.

Anche oggi due su cinque vogliono che vada avanti. Molti di loro hanno vissuto con passione la Brexit e vedono in questo Primo Ministro un simbolo di questo trionfo”, afferma Goodman. Come si spiega allora che 148 deputati, il 41% del suo gruppo parlamentare, lunedì scorso hanno votato a favore della sua destituzione? “Delusione e noia. Non c’è coordinamento tra tutti loro, ma non ci sarà nemmeno un ritorno di fiamma. La luna di miele di Johnson è finita.

Fra 10 giorni elezioni suppletive a rischio per i conservatori

Quando le elezioni suppletive per i collegi elettorali di Wakefield e Tiverton si terranno il 23 giugno e vedremo il rifiuto degli elettori, il numero dei ribelli aumenterà “, prevede Charles Tannock, 64 anni, medico e deputato conservatore per due decenni. Tannock fa parte di quel ramo conservatore, oggi estinto, che credeva nell’UE e nella necessità che il Regno Unito fosse un attore chiave nella costruzione di quel mercato interno.

Keir Starmer
Keir Starmer – NanoPress.it

Oggi rimane agganciato alla politica britannica come sempre. Senza lasciare andare il telefono. Ma da bordo campo. Fuori da una festa che non capisce più. “Sono al potere da quasi 12 anni. Molti di questi giovani non pensano nemmeno di poter tornare all’opposizione. Johnson ha anche ottenuto una vittoria schiacciante nel 2019 e credono che sia impossibile perdere quella maggioranza in una singola legislatura. Ma credo già che sia possibile”, avverte Tannock.

Sebbene per il resto del mondo il Partito Conservatore del Regno Unito sia associato a titani come Winston Churchill o Margaret Thatcher, l’anima fondatrice -e tuttora presente- di quella macchina perfetta per vincere le elezioni, come è stata definita per quasi due secoli , era Benjamin Disraeli. “Due nazioni senza relazione o simpatia reciproca; ignoranti delle loro rispettive abitudini, pensieri e sentimenti come gli abitanti di due diversi pianeti. I ricchi e i poveri».

Il suo romanzo Sybil riflette la profonda divisione di classe nella Gran Bretagna vittoriana, e da esso è stata coniata l’espressione One Nation Tory, l’arma segreta del partito che ha governato più a lungo nella storia contemporanea del paese. Organizzato. Distribuito localmente in tutta l’Inghilterra. Attraente per un’ampia fetta della classe operaia, che Disraeli riuscì a convincere che difendevano meglio i propri interessi votando conservatore.

Questa è sempre stata l’intima aspirazione di Boris Johnson: accontentare tutti. E per un certo periodo, per la maggioranza di iscritti ed elettori, è stato il paladino della Brexit, il conservatore con una visione sociale e liberale della politica (il suo successo come sindaco di Londra), e il carismatico guascone che si appellava a quel personaggio eccentrico e irriverente che molti elettori hanno dentro.

Fino a quando una pandemia e le feste eccessive a Downing Street durante il blocco hanno posto fine all’incantesimo collettivo. Non è il mio caso. Non mi è mai piaciuto il personaggio. È un populista, e ormai ha messo in chiaro che non sa come dirigere un Paese. — Spiegami questo: hai votato contro la Brexit nel 2016 e per Johnson nel 2019. — Sì, perché era l’unico in grado di mettere fine a un incubo in cui eravamo immersi da più di tre anni. Così la vede George Winch (82 anni), probabilmente più inglese della stessa Elisabetta II.

La crisi personale di gran parte dell’elettorato conservatore

Ogni giorno, con indosso la sua giacca di tweed scozzese (le toppe sui gomiti sono piene di buchi e toppe frustrate), papillon e cappello da pioggia, si prende cura con delicatezza del suo piccolo giardino a ovest di Londra. “Sarò Tory fino alla fine dei miei giorni. Questo è probabilmente ciò che ci differenzia l’uno dall’altro quando si tratta di votare per lo stesso partito. O Tory o conservatori.

Elisabetta II
Elisabetta II – NanoPress.it

Io sono dei primi. Questo signore, Starmer [Keir Starmer, il leader dell’opposizione laburista], sembra moderato e ha buone maniere, ma non voterò mai per un socialista “, dice, seduto nel suo giardino, questo ex gallerista in pensione. Sua moglie, Kathleen, di origine olandese, ma una vita nel Regno Unito, è d’accordo, ma chiarisce: “Non ho votato e non voterò mai per Johnson”.

Quando Disraeli morì, la devozione dei suoi seguaci li portò a creare la Primrose League, la League of the Primrose. Uno di quei fiori era la corona inviata dalla regina Vittoria, che adorava il suo primo ministro. La lega ha organizzato tea party, balli sociali, feste per i giovani e tutti i tipi di eventi, trasmettendo sottilmente la mentalità conservatrice a circa tre milioni e mezzo di membri.

Ovviamente senza parlare di politica. Quando i più critici bollarono come “volgare” questo tipo di marketing elettorale, la risposta di Lady Salisbury, moglie di chi era anche l’anima dei Tories [Robert Cecil], centrava il bersaglio: “Certo che è volgare. Ecco perché abbiamo così tanto successo”.

Nelle prossime settimane si vedrà se la volgarità dei partiti a Downing Street mette definitivamente fine al successo di un politico che anche i suoi nemici lo riconoscono, o se l'”effetto Johnson” ha cessato di eccitare l’elettorato conservatore.