Von der Leyen a Kiev per discutere della candidatura dell’Ucraina all’UE

Von der Leyen: “Faremo il punto sul lavoro congiunto necessario per la ricostruzione e sui progressi compiuti dal Paese nel suo cammino verso l’Europa”, afferma il presidente dell’Esecutivo comunitario.

ursula von der leyen
Ursula von der leyen – NanoPress.it

La Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, si è svegliata ieri a bordo di un robusto treno di ferro blu diretto a Kiev. Si potrebbe dire che sia il treno per la candidatura dell’Ucraina all’Unione Europea.

Ursula von der Leyen tra promesse e realtà all’Ucraina

Un convoglio di carri che si muove lentamente ma costantemente dal confine polacco, in territorio comunitario, al campo di battaglia, là fuori, dove decidere a colpi di cannone da che parte atterrare la moneta.

La Commissione europea emetterà il suo parere sulla richiesta ucraina la prossima settimana. Ma nulla è ancora deciso. Di tanto in tanto, il treno rallenta o si ferma alle stazioni alla periferia di Kyiv senza spiegazioni. “Sono tornata a Kiev per incontrare il presidente [Volodymyr] Zelensky e il primo ministro [Denis] Shmihal.

Faremo il punto sul lavoro congiunto necessario per la ricostruzione e sui progressi compiuti dall’Ucraina nel suo cammino verso l’Europa”, ha detto Von der Leyen a un piccolo gruppo di giornalisti dei media internazionali che l’hanno accompagnata. “Questo servirà come base per la nostra valutazione, che presenteremo a breve”.

Come pubblicato questo sabato dal quotidiano tedesco Bild, si recheranno anche a Kiev prima del prossimo vertice del G-7, che si terrà dal 26 al 28 giugno, il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, e il suo omologo francese e italiano, Emmanuel Macron e Mario Draghi.

Nessuno di loro ha visitato la capitale ucraina dall’inizio della guerra. Von der Leyen ha viaggiato in uno scompartimento custodito dai militari ucraini, in un’auto dall’aria barocca, che sembrava di un’altra epoca, e con modanature dorate nello stile dell‘Orient Express originale.

Su questo treno le tende devono essere sempre chiuse per motivi di sicurezza. Dopo 12 ore di viaggio, dopo aver lasciato dietro di sé una tempesta notturna, il treno è finalmente arrivato intorno alle 11 italiane alla stazione centrale di Kyiv. Il presidente del Community Executive non prevede di fare grandi annunci nella capitale del Paese.

Zelensky preme per l’entrata nella Ue ma conosce le difficoltà

L’obiettivo è tenere durante la giornata un lungo incontro con i leader ucraini, per discutere e rivedere faccia a faccia ―anche per evitare intercettazioni e interferenze illegittime― il lungo e tortuoso percorso che questo Paese deve percorrere per unirsi alla famiglia degli europei Unione.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.it

“L’Ucraina era già sulla strada giusta prima di questa atroce invasione”, ha sottolineato Von der Leyen in un’apparizione tenuta con Zelensky nel complesso presidenziale iperprotetto di Kiev, poco dopo il suo arrivo in città. Il presidente del Community Executive ha definito il Paese una “solida democrazia parlamentare”, la cui amministrazione “resiliente” funziona “nonostante la guerra”, e in cui spicca il suo livello di digitalizzazione.

“Bisogna fare di più”, ha aggiunto, ad esempio, nel campo dello Stato di diritto: ci sono riforme che “devono essere attuate”. L’Esecutivo comunitario ritiene che non ci siano scorciatoie per diventare uno Stato membro, ma è anche consapevole che tra 20 anni, quando sarà il momento di guardare indietro, si valuterà se i Ventisette siano stati timidi o all’altezza; la guerra ha così posto l’Ue di fronte allo specchio di ciò che era in passato, di fronte alle sue origini.

Le aspirazioni europee dell’Ucraina fanno già parte del teatro di guerra e hanno la capacità di definire in larga parte il morale delle truppe sul campo: l’UE rappresenta una via d’uscita, una road map per un futuro prospero lontano dall’invasore russo. L’ex repubblica sovietica ha fretta di completare le fasi del processo di adesione: ha chiesto ufficialmente la candidatura poco dopo che Mosca, a fine febbraio, aveva ordinato alle sue truppe di invadere il Paese.

Ad aprile la Von der Leyen si è già recata a Kiev, la sua prima visita durante la guerra; questo è la seconda. La prima volta doeva consegnare a Zelensky un questionario molto lungo. Il governo ucraino lo ha restituito compilato in soli 10 giorni. Da allora sono passati quasi due mesi. E l’Esecutivo dell’Ue si riunirà lunedì prossimo per discutere della questione, a cui seguirà venerdì una riunione del collegio dei commissari (il Consiglio dei ministri dell’Ue), al termine della quale dovrebbe emettere il suo parere.

Dopo questa posizione, spetta agli Stati membri decidere all’unanimità di concedergli lo status ufficiale di paese candidato, una questione spinosa che i vertici dei Ventisette troveranno sul tavolo durante il vertice di Bruxelles del 23 e 24 giugno; lo stato d’animo delle capitali è instabile e c’è ancora molta strada da fare per ottenere quella voce intonata e all’unisono.

Nell’apparizione di questo sabato, senza domande e tenuta in una sontuosa sala dalle spesse tende, il presidente Zelensky ha parlato delle aspettative del suo Paese sui prossimi passi. “Siamo a un momento decisivo per l’Ucraina e per l’UE”, ha affermato. Il presidente ucraino è fiducioso che al prossimo vertice si svolgerà una “sessione storica” ​​in cui la candidatura dell’Ucraina sarà sostenuta positivamente.

Il presidente ucraino spinge per un ‘settimo pacchetto di sanzioni’ alla Russia

Zelenski ha anche sottolineato l’alto sostegno nei sondaggi per l’adesione da parte dei cittadini della comunità. Ha riconosciuto che il conferimento dello status di candidato sarebbe comunque “solo l’inizio” e che ci sono delle riforme da fare fino a diventare “membro a pieno titolo”.

Putin
Putin – NanoPress.it

Ha accolto con favore le sanzioni comunitarie contro la Russia, ma ha chiesto di continuare a stringere con un settimo pacchetto di rappresaglie contro Mosca, diretto contro giudici e funzionari russi e che alla fine include tutte le banche russe, inclusa la Gazprom Bank, attraverso la quale la Russia rimpatria i profitti del gas esportati nel resto del mondo.

In parte, l’obiettivo di von der Leyen è trasmettere a Zelensky che c’è ancora molta strada da fare per convincere i partner della comunità; che ci sono un buon numero di Stati membri scettici e un’altra manciata apertamente contraria; che non ci sono nemmeno scorciatoie; e che il fatto di essere immersi in una guerra non cambia le cose.

L’adesione all’UE richiede il rispetto di una procedura e il rispetto di regole rigorose su questioni quasi genetiche per l’UE, come lo stato di diritto o la lotta alla corruzione. L’Esecutivo comunitario ritiene che gran parte del percorso sia già stato fatto, in gran parte grazie alla firma dell’Accordo di Associazione nel 2014, e valorizza un’Amministrazione il cui buon funzionamento a livello nazionale, regionale e locale ha saputo verificare in tempi di estrema crisi.

Anche Von der Leyen è passata per la città con il messaggio che è ora di iniziare a organizzare fondi multimilionari per la ricostruzione del Paese. Bruxelles vuole giocare un ruolo chiave in questo campo, in un’ottica di medio e lungo termine, per indirizzare la propria erogazione nella stessa direzione in cui viaggia il treno: con un occhio ai binari che portano all’Unione.

Dopo gli incontri con il presidente e il primo ministro, il presidente della Commissione europea ha visitato un ospedale e fatto una breve passeggiata nella piazza dell’Indipendenza di Kyiv, teatro delle proteste filoeuropee di Maidan tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014.

Oggi in piazza si sente il battito del cuore di una capitale che è tornata in vita: un musicista di strada suona la canzone ucraina vincitrice dell’ultimo Eurovision Song Contest, i giovani ronzano sui monopattini elettrici e le bancarelle offrono souvenir nei colori blu e giallo del simbolico bandiera del paese. Nel tardo pomeriggio Von der Leyen è tornato sulla ferrovia per intraprendere, a casa, lo stesso percorso che l’Ucraina ha scelto.