Johnson avvia la sospensione del protocollo dell’Irlanda del Nord

Il premier Johnson torna a ricorrere alla Brexit per uscire dalla sua crisi politica, ma rischia un duro confronto con l’Ue e un’altra guerra interna al Partito conservatore.

Boris Johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

Il governo di Boris Johnson, sempre pronto a ricorrere all’arma della Brexit per alleviare le sue crisi interne, ha annunciato giovedì l’agenda parlamentare per la prossima settimana. La prima legge che inizierà l’elaborazione questo lunedì sarà quella che modifica e sospende aspetti fondamentali del Protocollo dell’Irlanda del Nord.

Johnson cerca di far dimenticare i suoi problemi politici personali

Johnson aveva già avuto un duro confronto con Bruxelles, che ora però potrebbe sfociare in una guerra commerciale, ma il fronte contrario che gli si apre potrebbe essere doppio, o addirittura triplo. L’ala più dura del Partito conservatore, gli euroscettici del cosiddetto European Research Group (ERG), hanno già avvertito il presidente del Consiglio che voteranno contro qualsiasi testo legislativo che non rispecchi il programma.

L’ERG è stato fondamentale nel spingere Johnson alla guida dei conservatori, fino a quando non è diventato Primo Ministro. Contro di lui, anche i conservatori più moderati, come Theresa May, sono disposti a respingere la nuova legge alla Camera dei Comuni.

Ritengono molto dannoso per il prestigio e la reputazione del Regno Unito che il suo governo decida unilateralmente di non rispettare un trattato internazionale. Johnson potrebbe credere che la Brexit lo salverà ancora una volta dalle ore buie, ma rischia anche di andare dritto verso un altro fiasco politico e parlamentare.

Il quotidiano The Times ha rivelato che lo stesso presidente del Consiglio ha incontrato, insieme al ministro degli Esteri, Liz Truss, i rappresentanti dell’ERG, poche ore prima della votazione —lunedì scorso— sulla mozione di censura interna contro il presidente del Consiglio.

Il Premier ha cercato disperatamente il sostegno del gruppo che lo ha elevato al potere. Secondo il quotidiano, i partecipanti hanno convenuto di incorporare nel nuovo testo giuridico tutte le richieste degli euroscettici: eliminare completamente il ruolo di vigilanza della Corte di giustizia dell’UE sul funzionamento del mercato interno in Irlanda del Nord e, affermare chiaramente, in una sezione esplicita della nuova legge, il suo primato nel diritto britannico sull’accordo di recesso dell’UE stesso e sul protocollo.

Il protocollo dell’Irlanda del Nord è stata la parte più complicata da negoziare dell’accordo di recesso del Regno Unito dalle istituzioni dell’UE. Lasciando il mercato interno dell’UE e la sua area doganale comune, il nuovo confine di entrambi i blocchi economici ha diviso in due l’isola d’Irlanda.

Il protocollo dell’Irlanda del Nord

La Repubblica d’Irlanda è partner dell’Unione Europea. L’Irlanda del Nord è territorio britannico. Tuttavia, qualsiasi segno di una nuova divisione tra i due spazi avrebbe messo a rischio la pace raggiunta dall’Accordo del Venerdì Santo del 1998, che pose fine a decenni di violenze settarie tra repubblicani e unionisti.

Euro e Sterline
Euro e Sterline . NanoPress.it

Grazie a quell’accordo, il confine dell’isola è invisibile. Non ci sono ostacoli per spostarsi da una parte all’altra, al di là del disagio di dover pagare in euro o sterline, o di contare il viaggio in miglia o chilometri, a seconda del tratto di strada. Londra e Bruxelles hanno convenuto che l’Irlanda del Nord sarebbe rimasta all’interno del mercato interno dell’UE e che il confine doganale sarebbe stato simbolicamente disegnato nel Mare d’Irlanda.

In teoria, l’Irlanda del Nord potrebbe avere il meglio di tutti i mondi. Accesso a un mercato enorme come l’Unione Europea, e appartenente allo spazio del Regno Unito. In pratica, frizioni commerciali e doganali sovraccaricano di burocrazia e nuovi costi le operazioni commerciali tra la Gran Bretagna e il territorio nordirlandese.

E, soprattutto, hanno creato un sentimento di rancore nella comunità filo-britannica, sempre sospettosa di quello che sospettano possa essere un nuovo “tradimento” di Londra che li allontanerebbe ulteriormente dal Regno Unito.

Il negoziatore comunitario, il vicepresidente della Commissione europea, Maros Sefcovic, ha visitato la regione e offerto modifiche e allentamenti del protocollo che ha abbassato fino all’80% i controlli doganali e sanitari dei prodotti che viaggiavano dalla Gran Bretagna all’Irlanda del Nord.

I problemi tecnici si sono trasformati in rancori politici. Il Partito Democratico Unionista (DUP) ha lasciato il governo autonomo e ha annunciato che non sarebbe tornato fino a quando il protocollo non fosse stato demolito. La decisione è arrivata dopo mesi in cui violenze settarie, soprattutto nei quartieri unionisti di Belfast e Londonderry, hanno nuovamente incendiato le strade.

La votazione è arrivata all’inizio di maggio. I repubblicani del Sinn Féin, per anni braccio politico dell’organizzazione terroristica dell’IRA e sostenitori della riunificazione dell’Irlanda, sono stati il ​​partito più votato dell’Irlanda del Nord. È stata una vittoria storica.

Il governo irlandese ha ‘perso la pazienza’

La divisione delle forze unioniste attorno al protocollo ha permesso ai suoi rivali di ottenere per la prima volta il diritto di occupare la guida del governo autonomo, poiché era la formazione con il maggior numero di seggi nell’assemblea. La candidata Michelle O’Neill era destinata a diventare il nuovo primo ministro.

Keir Starmer
Keir Starmer – NanoPress.it

L’Accordo del Venerdì Santo, tuttavia, ha progettato istituzioni autonome in cui unionisti e repubblicani dovevano condividere il potere. Con il DUP che si rifiuta di nominare un vice primo ministro – o addirittura di aiutare a eleggere un nuovo presidente dell’Home Rule Assembly – la politica in Irlanda del Nord è ancora una volta bloccata.

Il governo Johnson, sempre timoroso di irritare il settore euroscettico del partito — tanto belligerante con Bruxelles quanto geloso di preservare l’unione del Regno Unito — inizia a suggerire la possibilità di varare una legge che modificasse unilateralmente il protocollo.

L’UE ha avvertito: non tollererebbe una tale violazione di un trattato internazionale e la conseguenza di un tale movimento influenzerebbe l’accordo di libero scambio che ha richiesto così tanti sforzi per negoziare per evitare una Brexit dura.

Il governo irlandese, che in più di un’occasione ha stemperato la tensione tra Londra e Bruxelles in vista di un accordo —è il Paese dell’UE più direttamente colpito dalla Brexit—, ha perso la pazienza. Accusa Johnson di aver usato la relazione per nascondere i propri problemi interni, con quasi la metà dei suoi parlamentari indignati dallo scandalo del partito di Downing Street durante il blocco.

E dubita che Londra abbia voluto raggiungere un accordo con Bruxelles. “Non credo che ci sia una sola capitale in tutta l’UE, o nessuno nella Commissione europea, che creda al momento che il governo britannico sia seriamente intenzionato a raggiungere una soluzione negoziata”, ha affermato il ministro degli Esteri irlandese Simon Coveney.

Il leader dell’opposizione laburista britannica, Keir Starmer, che questo giovedì ha incontrato a Dublino il primo ministro irlandese, Micheál Martin, ha accusato Johnson di aver intrapreso una “politica distruttiva” che potrebbe porre fine alle relazioni tra la Repubblica d’Irlanda e il Regno Unito.

Da quando Starmer ha preso il controllo del partito laburista, ha seppellito il dibattito su un possibile rientro nell’UE, consapevole che la questione può essere dannosa per il suo partito come lo è stata per i conservatori. La sua strategia è monitorare se Johnson è in grado di far funzionare la Brexit e avere risultati positivi.

Tutti i problemi creati dal protocollo, che tutti comprendono, possono essere risolti con altezza politica, volontà e fiducia reciproca (…) Temo che il primo ministro non abbia nessuno di questi attributi”, ha affermato Starmer.