Fernández a Biden: “Il Paese ospitante non impone il diritto di ammissione”

Fernández, il presidente dell’Argentina rimprovera agli Stati Uniti, e in particolare al presidente Biden, di aver posto il veto ai paesi al Vertice delle Americhe.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NanoPress.it

Il Summit delle Americhe non può decollare e dimenticare la polemica sulla lista degli invitati. Nella prima sessione plenaria, nonostante il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, abbia offerto una fase di cooperazione molto lontana dai postulati del suo predecessore, Donald Trump, ha incontrato critiche aperte dal presidente dell’Argentina, Alberto Fernández.

Fernández critica aspramente Biden al Vertice delle Americhe

Fernandez, l’altra figura di spicco della prima giornata, ha dichiarato: “Essere Paese ospitante non garantisce la possibilità di imporre un diritto di ammissione”, ha sbottato a Biden, seduto a pochi metri di distanza, dal leggio. L’intervento di Fernández è stato molto critico nei confronti del ruolo degli Stati Uniti nella politica della regione.

Riguardo il Summit, il presidente dell’Argentina ha insistito fin dall’inizio del suo intervento. “Mi dispiace che non tutti noi che avremmo dovuto possiamo essere presenti“, sono state queste sue prime parole. Il riferimento era al veto imposto da Washington alla presenza dei governi di Cuba, Nicaragua e Venezuela perché regimi non democratici.

Quel veto ha causato l’assenza dei presidenti di Messico, Bolivia e Honduras e le critiche di molti altri. Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha chiesto a Fernández di portare la voce del Venezuela al vertice.

Dopo aver criticato aspramente le sanzioni contro Cuba e Venezuela, il presidente argentino è tornato in gioco: “Sicuramente avremmo voluto un altro Vertice delle Americhe. Il silenzio degli assenti ci sfida. Affinché ciò non accada di nuovo, vorrei chiarire per il futuro che il fatto di essere il Paese ospite del Vertice non garantisce la possibilità di imporre un “diritto di ammissione” ai Paesi membri del continente.

Il dialogo nella diversità è lo strumento migliore per promuovere la democrazia, la modernizzazione e la lotta alle disuguaglianze”. Fernández ha chiesto al governo Biden di “aprirsi in modo fraterno” dopo la “politica immensamente dannosa” di Donald Trump per la regione.

Il Presidente Argentino ha usato parole dure anche contro Trump

“È tempo che quelle politiche cambino e che il danno venga riparato”. Il presidente argentino ha apportato un emendamento all’intera politica statunitense nei confronti dell’America Latina. Ha affermato che l’OAS è stato utilizzato “come un gendarme che ha facilitato un colpo di stato in Bolivia“, che gli Stati Uniti si sono “appropriati” della leadership della Banca interamericana di sviluppo (IDB), storicamente in mano latinoamericana.

Joe Biden
Il Presidente Joe Biden – Nanopress.it

Fernandez ha accusato Trump di interrompere il riavvicinamento con Cuba e di essere intervenuto con il Fmi per facilitare il debito insostenibile del governo Macri e cercare di impedirgli di vincere le elezioni: “L’intero popolo argentino soffre oggi per tale indecenza”. Ha chiesto di riformare l’OAS, destituendo i suoi direttori (il suo segretario generale è Luis Almagro) e anche di capitalizzare l’IDB e restituirlo in mani latinoamericane.

Fernández, che è stato criticato per la tiepida risposta all’invasione russa dell’Ucraina e per la sua messa in discussione delle sanzioni, ha affermato che “è urgente costruire scenari di negoziazione che mettano fine alla catastrofe bellica, senza umiliazioni o desiderio di dominio, senza geopolitica disumanizzata o privilegi di violenza”.

Non ha pronunciato parole di esplicita condanna dell’invasione. Ha infatti proposto di tassare “l’inaspettato reddito che la guerra ha dato in dono alle grandi società di cibo, petrolio e armi”. In seguito, ma in riferimento alla sua rivendicazione diplomatica sulle isole Malvinas, ha affermato che l’Argentina è un Paese pacifico: “Dopo la tragedia della pandemia, vediamo le guerre come il trionfo dell’insensibilità umana”, ha affermato.

“Presidente Biden, sono qui che cerco di costruire ponti e di abbattere muri”, ha affermato al termine del suo intervento, in cui ha invitato Biden al prossimo vertice della CELAC, la Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi, di cui è presidente turno.

Biden invece ha visto il bicchiere ‘mezzo pieno’

Il presidente Biden ha preferito vedere il bicchiere mezzo pieno: “Nonostante alcuni disaccordi sulla partecipazione, su questioni sostanziali, quella che ho sentito è stata una risposta quasi unitaria”, ha detto riferendosi all’insieme degli interventi e delle questioni sostanziali su migrazione, ambiente, finanziamento e recupero.

Trump
Trump – NanoPress.it

In precedenza, nel suo discorso di apertura della sessione plenaria, Biden aveva sottolineato che le sue proposte per la regione sono anni luce in anticipo rispetto a quelle di Trump. Il presidente degli Stati Uniti offre cooperazione economica, commerciale, alimentare, sanitaria ed ecologica, come un modo per promuovere lo sviluppo e anche per affrontare la crisi migratoria, per la quale chiederà una responsabilità condivisa questo venerdì in una dichiarazione.

“Abbiamo l’opportunità di trovare il modo di fare ciò che è meglio per tutte le nostre persone, lavorando insieme. E sottolineo insieme, insieme. Questo è ciò che la nostra gente si aspetta da noi. Ed è nostro dovere mostrare loro il potere delle democrazie di conformarsi quando le democrazie lavorano insieme”, ha detto, ribadendo l’appello all’unità del giorno prima, alla cerimonia di apertura, ma chiarendo ancora una volta che si tratta di un’unità tra democrazie.

Biden ha fatto riferimento alla Dichiarazione sulla migrazione e la protezione firmata venerdì, sottolineando che il suo obiettivo è “aumentare le opportunità per una migrazione sicura e ordinata, agire contro criminali e trafficanti di esseri umani che predano persone disperate e coordinare azioni concrete specifiche per garantire confini e risolvere le sfide comuni”.

“Non c’è motivo per cui l’emisfero occidentale non possa essere la regione più progressista, più democratica, più prospera, più pacifica e più sicura del mondo. Abbiamo un potenziale illimitato. Abbiamo enormi risorse e uno spirito democratico”, ha concluso il suo intervento. “Non importa cosa sia successo nel mondo, nelle AmericheSono sempre state una priorità per gli Stati Uniti”.