Johnson a Kiev il giorno in cui l’UE approva la candidatura dell’Ucraina

Il primo ministro britannico Johnson offre al governo ucraino un rinforzo nel programma di addestramento militare.

Boris Johnson
Boris Johnson – Nanopress.it

Boris Johnson ha visitato questo venerdì, per la seconda volta e ancora a sorpresa, la capitale dell’Ucraina. Il primo ministro britannico ha incontrato a Kyiv il presidente ucraino Volodímir Zelensky lo stesso giorno in cui la Commissione europea ha annunciato il proprio sostegno alla candidatura del Paese all’ingresso nell’Ue.

Johnson da Zelensky per far dimenticare i suoi problemi interni

Solo 24 ore prima, i leader di Francia, Germania e Italia si erano recati insieme nella città del paese in guerra per mostrare il loro sostegno alle aspirazioni dell’Ucraina di entrare a far parte del club dei 27. Johnson ha contrastato Bruxelles con un triplo, e appena mascherato, obiettivo: segnare le distanze nella politica internazionale con l’UE; rafforzare un messaggio di durezza contro Mosca, alimentando nel contempo il sospetto che alcuni paesi europei cerchino una rapida pace con concessioni; e tornare al centro della scena politica, in ore molto delicate della sua popolarità.

Un commento carico di crudeltà, ma anche sospetto, circola da mesi nel gossip politico britannico: ogni volta che Johnson è travolto dai suoi problemi interni, porta Zelensky a fare una passeggiata. Lo sforzo militare, diplomatico e politico di sostegno del governo del Regno Unito al popolo ucraino è indiscutibile, sotto forma di materiale bellico difensivo, programmi di addestramento per i suoi soldati, aiuti umanitari e leggi e sanzioni contro gli oligarchi russi che sostengono il regime di Vladimir Putin.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.it

Questo venerdì, il primo ministro ha promesso a Zelensky che avrebbe raddoppiato gli aiuti all’addestramento militare per accelerare la risposta contro l’aggressione russa. Dal 2015, l’esercito britannico ha addestrato più di 23.000 soldati all’uso delle armi vendute al Paese e alle tattiche di guerra.”La mia visita di oggi, nel fervore di questa guerra, ha lo scopo di inviare un messaggio chiaro e semplice al popolo ucraino: il Regno Unito è con te e rimarremo al tuo fianco fino alla tua vittoria”, ha detto Johnson a Kiev .

“Ecco perché oggi ho offerto al presidente Zelensky un nuovo e ampio programma di addestramento militare che può cambiare l’equazione di questa guerra, imbrigliando la più potente di tutte le forze: la determinazione degli ucraini a vincere”, ha annunciato il primo ministro. Johnson ha accennato nei giorni scorsi, senza fare accuse dirette, che i prezzi elevati di petrolio, gas, grano e persino fertilizzanti agricoli potrebbero spingere alcuni paesi a fare pressione su Kiev per concludere un accordo di pace con Mosca.

“So che alcuni sostengono, non in questo Paese ma forse altrove, che il prezzo per sostenere gli ucraini sta diventando troppo alto e che dovremmo incoraggiarli a cedere alle pressioni di Putin”, ha detto la scorsa settimana il primo ministro britannico. 9 giugno durante una visita alla cittadina del Lancashire. “Non credo che possiamo contemplare questa opzione. Non solo perché abbandonare gli ucraini sarebbe moralmente ripugnante. Sono loro le vittime e hanno il diritto assoluto di difendere un Paese libero e indipendente”, ha affermato.