Israele: Il Governo uscente cerca di bloccare il ritorno di Netanyahu

In Israele la coalizione di Bennett e Lapid accelera il voto per sciogliere il Parlamento, per evitare una mozione di censura del leader dell’opposizione.

Naftali Bennett
Naftali Bennett – NanoPress.it

Il clima di apparente moderazione che ha dominato la vita politica in Israele durante l’ultimo anno, si è trasformato in un’atmosfera di tensione, poiché i partiti sono costretti a indire le quinte elezioni in tre anni. Il primo ministro, Naftali Bennett, e il ministro degli Esteri e uomo forte dell’ampia coalizione di governo, Yair Lapid, hanno concordato lunedì di promuovere lo scioglimento della Knesset (Parlamento) e di anticipare le elezioni legislative in autunno.

Bennett e Lapid vogliono nuove elezioni

L’eterogenea associazione di otto forze politiche che sostiene l’Esecutivo, ha accelerato questo martedì il passo, affinché la prima delle quattro votazioni plenarie che devono concludere la legislatura, si tengano questo mercoledì. L’obiettivo è impedire l’immediato ritorno al potere dell’ex conservatore Benjamin Netanyahu, che tenterà di costituire in anticipo una maggioranza alternativa (con 61 dei 120 deputati alla Camera) per forzare una mozione di censura.

Bennett ha gettato la spugna dopo che tre dei sette deputati del suo partito (Yamina, ultranazionalista) lo hanno lasciato e due parlamentari arabi hanno infranto la disciplina del voto. In accordo con quanto previsto dagli accordi di coalizione firmati un anno fa, Bennet sta per cedere l’incarico a Lapid, leader della seconda formazione più votata alla Knesset —Yesh Atid (C’è un futuro, in ebraico)— dopo il Likud di Netanyahu.

Se il disegno di legge per lo scioglimento del Parlamento, attribuzione che le leggi fondamentali israeliane non assegnano al capo del Governo, riuscirà a superare due voti in commissione e quattro in plenaria, sarà posta alla legislatura emersa dalle elezioni del 2021. Lo svolgimento delle prossime elezioni legislative sarà automaticamente fissato tra quattro mesi, presumibilmente il 25 ottobre, dopo i festeggiamenti che seguono il capodanno ebraico.

I due leader della coalizione uscente hanno anche proposto l’approvazione urgente di una legge che pone il veto alla presentazione di un candidato processato come Netanyahu, da due anni sotto processo per corruzione. Bennett e Lapid sono stati formati politicamente nei ranghi del partito Likud di Netanyahu, ma hanno finito per sfidare la sua iper-leadership autoritaria. Avigdor Lieberman, attuale ministro delle Finanze, e Gideon Saar, ora ministro della Giustizia, hanno promosso la riforma legislativa per escludere gli imputati dalla corsa alle urne.

Entrambi hanno annunciato martedì che non uniranno le forze con il blocco di destra religiosa di Netanyahu, che è stato capo del governo tra il 1996 e il 1999 e successivamente per 12 anni consecutivi (1999-2021). “Non riporteremo indietro Bibi (il soprannome di famiglia di Netanyahu), né cederemo alle sue tentazioni di potere”, ha avvertito Saar, parlando a una stazione radiofonica citata da Reuters.

In Israele va al voto per l’ennesima volta in pochi mesi

I sondaggi danno in testa il Likud, con un’aspettativa di oltre 30 deputati nella frammentata Knesset, e Netanyahu potrebbe avvicinarsi a 60 seggi insieme ai suoi alleati di due partiti ebrei ultraortodossi e dell’estrema destra, pur senza oltrepassare il limite della maggioranza assoluta. I partiti arabi, che rappresentano il 20% dei 9,5 milioni di israeliani, hanno già anticipato che non gli daranno alcun appoggio dopo l’associazione del Likud con parlamentari antiarabi e razzisti come l’estremista Itamar Ben Gvir.

Benjamin Netanyahu
Benjamin Netanyahu – NanoPress.it

“I primi sondaggi sulle intenzioni di voto dopo la caduta del governo Bennet-Lapid trasmettono il senso di continuità del legame tra i due blocchi politici dominanti in Israele”, afferma l’analista elettorale Daniel Kupervaser, che considera prematuro queste prime previsioni, non prendendo ancora in considerazione due aspetti chiave, che il cosiddetto Governo del cambiamento ci trasmette e che potrebbero diventare catalizzatori del cambiamento.

“In primo luogo, il fatto che una coalizione di partiti con piattaforme politiche molto contraddittorie abbia saputo sovrapporre l’interesse generale dei cittadini agli interessi personali del leader, come è avvenuto nei governi di Netanyahu. In secondo luogo, la rottura del tabù sull’integrazione per la prima volta nella storia di un partito arabo israeliano nella coalizione di governo”, sostiene Kupervaser.

“Il governo Bennett-Lapid non differiva sostanzialmente dalle linee politiche di base di quello di Netanyahu, ma è stato condotto in modo molto più democratico e meno autoritario”, aggiunge. Questa è l’unica coalizione in Israele che ha avuto un partito arabo nella storia. Il membro del partito laburista Isaac Rabin ha ricevuto il sostegno dei rappresentanti della principale minoranza del Paese tre decenni fa, per poter portare a termine gli accordi di Oslo con i palestinesi, ma senza che questi diventassero parte del patto di governo.

Il conflitto con i palestinesi è stata ora la causa principale della caduta della coalizione che ha rimosso Netanyahu dal potere 12 mesi fa. Il piccolo partito islamista conservatore Raam, guidato da Mansur Abbas, ha sostenuto il governo del cambiamento, ma gli scontri tra manifestanti e polizia che hanno scosso la scorsa primavera la Città Vecchia di Gerusalemme, lo hanno portato a congelare il suo sostegno al Gabinetto di Bennett e Lapid.

Netanyahu rimane ancora il ‘pericolo’ numero uno

“La prossima campagna elettorale ruoterà su due assi. Nella prima, il Likud accuserà (il governo uscente) di aver commesso il peccato imperdonabile, il tradimento contro la patria, di incorporare un partito arabo nella coalizione”, ha predetto martedì il famoso editorialista Nahum Barnea sulle pagine di Yediot Ahronot . Occorre ricordare che, per garantire continuità al potere, Netanyahu non ha esitato a negoziare un’eventuale coalizione con Mansur Abbas un anno fa.

Isaac Herzog
Isaac Herzog – NanoPress.it

Come secondo asse, il leader del Likud sarà ancora una volta al centro del dibattito elettorale in Israele, tra due schieramenti polarizzati da un dilemma: Bibi sì o no. O, come è più consueto: solo Bibi o chiunque tranne Bibi. Alla tensione con i palestinesi sull’occupazione di Gaza e della Cisgiordania si aggiunge il rifiuto della destra nazionalista dell’alleanza politica di Bennett e Lapid, con il partito islamista Raam.

I sostenitori di Netanyahu hanno indicato la causa dell’ondata di attentati che ha colpito diverse città del Paese in marzo e aprile, in cui diversi aggressori erano arabi di nazionalità israeliana, nella rottura della convivenza tra la maggioranza ebraica e la minoranza araba, dopo la scoppio della violenza tra le comunità che ha circondato la guerra di Gaza nel 2021.

“La coalizione non è riuscita a sopravvivere alla sua agonia”, afferma l’analista politico Nadav Eyal. “Si è formato sulla base di partiti con punti di vista molto diversi riguardo al rapporto con i palestinesi”, sottolinea l’editorialista, “ma l’ondata di terrorismo ha lasciato il governo in uno stato catatonico”.