Israele bombarda Gaza: 24 morti, tra cui sei bambini

L’aviazione di Israele lancia ondate di bombardamenti che hanno causato 24 morti, tra cui sei bambini. La Jihad islamica lancia oltre 400 razzi, alcuni dei quali raggiungono Tel Aviv.

Joe Biden e Yair Lapid
Joe Biden e Yair Lapid – NanoPress.it

Israele minaccia di prolungare di una settimana la più grande offensiva scatenata contro la Striscia di Gaza dal maggio 2021. Decine di obiettivi della Jihad islamica sono stati distrutti venerdì e sabato nei primi giorni di bombardamenti, che hanno già causato la morte di almeno 24 palestinesi, tra cui sei bambini e due capi militari delle Brigate al-Quds (la milizia del gruppo palestinese), e hanno causato più di 200 feriti.

La Jihad islamica, che mantiene stretti contatti con l’Iran, ha risposto lanciando più di 400 razzi e proiettili contro Israele

La Jihad islamica, che mantiene stretti contatti con l’Iran, ha risposto lanciando più di 400 razzi e proiettili contro Israele meridionale e centrale, molti dei quali hanno fatto scattare sirene di allarme a Tel Aviv e nel centro di Israele questo sabato senza causare vittime. Un’esplosione nel campo profughi di Jabalya, a nord della Striscia, sabato notte ha causato la morte di sei civili, tra cui quattro minori.

Le milizie islamiste hanno accusato Israele dell’azione armata. L’esercito ha negato di essere intervenuto in quella zona e ha accusato dell’esplosione la caduta di un missile difettoso lanciato dalla Jihad islamica. L’Egitto si sta impegnando nelle ultime ore in una missione di mediazione, con il supporto del Qatar e delle Nazioni Unite, tra le parti contrapposte per raggiungere un cessate il fuoco.

Un alto ufficiale dell’intelligence militare egiziana si è recato a Tel Aviv sabato e domani continuerà la sua missione nell’enclave palestinese, riferisce Reuters. Contrariamente al solito, il movimento islamista Hamas, che ha governato di fatto nell’enclave costiera per 15 anni, resta ai margini delle ostilità. Le strade di Gaza sono rimaste deserte sabato mattina mentre ondate di raid aerei israeliani e sbarramenti di artiglieria si sono susseguiti, hanno mostrato le reti televisive palestinesi, dopo più di un anno di relativa calma.

Le Brigate al Quds hanno giurato di vendicare l’assassinio mirato del comandante Taysir al Jabari, meglio noto come Abu Mahmud, nel primo attacco israeliano di venerdì. Un missile ha colpito la sua casa nella capitale Gaza. Al Jabari ha agito da collegamento con Hamas, secondo i servizi di intelligence israeliani. Parallelamente, l’esercito israeliano ha catturato 19 membri della Jihad islamica in Cisgiordania all’alba di sabato.

Un altro capo militare, Khalid Mansur, al comando della milizia nella parte meridionale della Striscia, è stato ucciso sabato, secondo una dichiarazione ufficiale dell’esercito. Gli attacchi israeliani con missili di precisione hanno distrutto rampe di lancio di razzi e fabbriche di armi a Gaza, secondo un portavoce delle forze armate. Le autorità sanitarie israeliane non hanno riportato lesioni personali causate dal lancio di razzi, oltre a due dozzine di civili feriti in cadute mentre correvano per proteggersi nei rifugi antiaerei.

Due soldati hanno riportato ferite lievi a causa di schegge di mortaio. L’esercito assicura che un quarto dei razzi lanciati dalla Jihad islamica non ha colpito Israele e che il 95% dei proiettili diretti contro aree popolate sono stati intercettati anche dal sistema di difesa missilistica Iron Dome.L’Egitto ha anche invitato una delegazione della Jihad islamica a recarsi al Cairo per negoziare un cessate il fuoco.

Il Cairo sta cercando di mediare una tregua per domenica, in coincidenza con una festa religiosa ebraica

Il Cairo sta cercando di mediare una tregua per domenica, in coincidenza con una festa religiosa ebraica, secondo quanto riferito dalla stampa ebraica. Un portavoce dell’esercito israeliano ha precisato che, per il momento, non sono state avviate trattative per un cessate il fuoco e che l’offensiva battezzata come L’alba continua il suo corso. Lo stato maggiore, che ha mobilitato 25mila riservisti e spostato due divisioni al confine di Gaza, ha avvertito che l’operazione potrebbe durare almeno una settimana. Gli islamisti palestinesi accusano Israele di aver innescato l’escalation.

Naftali Bennett
Naftali Bennett – NanoPress.it

“Il nemico sionista ha iniziato questa aggressione e deve aspettarsi una guerra senza quartiere”, ha avvertito il segretario generale della Jihad islamica, Ziad al Najala, al canale televisivo libanese Al Mayadin, vicino al gruppo filo-iraniano Hezbollah.

Da parte sua, il primo ministro israeliano, Yair Lapid, assicura di aver ordinato un’operazione preventiva di fronte alla “minaccia imminente” di un attacco di rappresaglia della Jihad islamica, che ha definito “un agente dell’Iran, che cerca di distruggere Israele e uccidere cittadini innocenti.

Lapid aveva già annunciato venerdì sera che il risveglio dell’operazione Dawn durerà “il tempo necessario”. Intanto le sirene d’allarme dei razzi non smettono di suonare nei paesi vicino alla Strip. L’offensiva in corso ricorda quella lanciata nel 2019 per far cadere il predecessore di Al Jabari nella carica di capo militare della parte settentrionale della Striscia, il comandante Baha Abu al Ata.

Il movimento islamista Hamas ha condannato la morte dei leader della Jihad islamica, ma, come accaduto tre anni fa, si è astenuto dall’intervenire nell’attuale escalation della guerra. Invece, il massimo leader di Hamas, Ismail Haniye, ha contattato i mediatori di Egitto e Qatar per chiedere che mettano fine ai “crimini israeliani a Gaza”.

Operazione preventiva dopo un’incursione in Cisgiordania Formalmente, l’attacco preventivo israeliano è avvenuto per paura di una rappresaglia armata palestinese per l’arresto, all’inizio di questa settimana, di Bassam al Saadi, il capo militare della Jihad islamica in Cisgiordania, nell’area di Jenin (a nord dell’area occupata Territorio palestinese).

La Jihad islamica aveva chiesto il rilascio del suo comandante in Cisgiordania per fermare le azioni armate

La Jihad islamica aveva chiesto, secondo quanto riportato dalla stampa ebraica, il rilascio del suo comandante in Cisgiordania per fermare le azioni armate, in particolare il lancio di missili anticarro contro veicoli israeliani, con i quali minacciava Israele.

Benjamin Netanyahu
Benjamin Netanyahu – NanoPress.it

Per il centrista Lapid, che dovrà affrontare le elezioni anticipate in autunno, l’offensiva contro le milizie islamiste a Gaza potrebbe rivelarsi politicamente utile per rafforzare la sua posizione di sicurezza contro il suo rivale alle urne, il conservatore Benjamin Netanyahu, che ha guidato tre delle quattro guerre combattuto nella Striscia nell’ultimo decennio.

Gaza, una stretta striscia territoriale di 365 chilometri quadrati dove sono stipati 2,3 milioni di abitanti, ha subito l’ultimo attacco israeliano su larga scala nel maggio dello scorso anno. Quell’offensiva è durata 11 giorni e ha ucciso più di 250 palestinesi, inclusi 67 minori, e altre 13 persone in territorio israeliano. Israele ha sigillato tutti i valichi che controlla al confine di Gaza martedì. Lo stato di massima allerta ha portato all’isolamento di migliaia di israeliani nelle città e nei kibbutz (fattorie collettive) che costeggiano la Striscia.

Il Comando di difesa nazionale dell’esercito israeliano, che copre anche la protezione civile, ha dichiarato una “situazione speciale” a 80 chilometri intorno alla Striscia palestinese, dove i vicini devono rimanere in luoghi sicuri e le comunicazioni stradali e ferroviarie sono interrotte. Il rigido blocco della Striscia di Gaza, con la chiusura di tutti i valichi di frontiera con Israele, ha lasciato l’unica centrale elettrica dell’enclave palestinese senza rifornimento di carburante, che copre a malapena un terzo del fabbisogno dell’enclave.

La chiusura del valico di Erez, l’unico abilitato per le persone tra Gaza e Israele, ha anche privato decine di malati di cancro di Gaza che non possono ricevere cure nei centri sanitari del territorio palestinese di cure specialistiche negli ospedali di Gerusalemme est.