Iran fra un anno avrà un’arma nucleare

Le tensioni di lunga data sulle capacità nucleari dell’Iran potrebbero aver raggiunto un punto di non ritorno questa settimana, spingendo il Medio Oriente in acque finora inesplorate.

Rafael Grossi
Rafael Grossi – NanoPress.it

Teheran ha intensificato l’arricchimento dell’uranio a un ritmo mai visto dalla firma nel 2015 dell’accordo storico che aveva l’Iran frenare l’arricchimento dell’uranio in cambio dell’allentamento delle sanzioni, prima che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump si ritirasse dall’accordo nel 2018.

L’Iran ha il materiale per fabbricare un’arma nucleare

Gli analisti ritengono che Teheran possa aver già ottenuto il materiale necessario per fabbricare un’arma nucleare. Giovedì, l’Iran ha spento le telecamere di sorveglianza utilizzate dall’organismo di controllo nucleare internazionale, l’AIEA, per monitorare l’attività presso i principali impianti nucleari del paese.

La mossa, ha avvertito il capo dell’AIEA Rafael Grossi, potrebbe infliggere un “colpo fatale” ai negoziati che cercano di rilanciare l’accordo sul nucleare. L’assenza di filmati dai siti nucleari priva i negoziatori dell’accordo nucleare – noto formalmente come il Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) – di dati, rendendo “tecnicamente impossibile avere un accordo”, ha detto alla CNN il capo dell’AIEA Raphael Grossi oggi.

Questo è il motivo per cui diciamo che è una cosa molto seria. E avrà sicuramente delle conseguenze”, ha chosato Grossi. L’Iran ha anche iniziato a installare impianti avanzati in un cluster in un impianto di arricchimento sotterraneo, secondo Reuters, che ha riferito di aver visto un rapporto dell’AIEA che descriveva l’intensificarsi dell’attività nucleare in Iran.

L’accelerazione del programma nucleare iraniano arriva tra le crescenti tensioni tra Iran e Stati Uniti. I colloqui intorno al JCPOA sono bloccati a causa delle crescenti pressioni da parte di Teheran affinché il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie (IRGC) del paese – il ramo d’élite delle forze armate iraniane – venga cancellato dalla lista come organizzazione terroristica.

Si prospettano giorni pericolosi

Si ritiene che questo sia il punto più critico in quasi un anno e mezzo di negoziati tra i due paesi. Entrambe le parti si sono finora rifiutate di muoversi sulla questione, a causa delle pressioni politiche interne nei rispettivi paesi.Trump ha elencato l’IRGC come un’organizzazione terroristica straniera, durante le sue ultime settimane in carica.

Joe Biden
Il Presidente Joe Biden – Nanopress.it

I negoziati in stallo hanno implicazioni pericolose per la regione.”Sebbene sia gli Stati Uniti che l’Iran abbiano affrontato la maggior parte degli aspetti tecnici del ritorno all’accordo nucleare, permangono differenze su aree in gran parte simboliche”, ha affermato Dina Esfandiary, consulente senior per il Medio Oriente e il Nord Africa presso Crisis Group.

Quando Trump si è ritirato dal JCPOA nel 2018, ha scatenato un’ondata di sanzioni schiaccianti contro l’economia iraniana. Il governo degli Stati Uniti ha ritenuto, all’epoca, che Teheran ha continuato a rispettare l’accordo. Ma come con molte politiche dell’era Obama, Trump era intenzionato a annullare lo storico accordo nucleare, citando la continua ingerenza dell’Iran in Medio Oriente attraverso i gruppi paramilitari allineati a Teheran.

Ardente oppositore della cosiddetta “campagna di massima pressione” di Trump contro l’Iran, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha rilanciato i negoziati quando è entrato in carica. Ma la politica di Biden finora non è riuscita a resuscitare l’accordo e l’Iran ha costantemente alzato la posta violando la fine dell’accordo.”Gli iraniani non hanno visto benefici dal JCPOA dal 2018″, ha affermato il vicepresidente esecutivo del Quincy Institute Trita Parsi.

Anche Arabia Saudita ed Emirati Arabi vogliono testate nucleari

“L’AIEA ne ha visto dei benefici. Altri ne hanno visti benefici perché gli iraniani nel complesso si sono conformati”.”Era solo questione di tempo prima che questo finisse, in cui gli iraniani dicevano ‘beh, se non otteniamo nulla per questo, perché dovremmo continuare?’“, ha aggiunto Parsi. L’Iran rimane a circa un anno dalla produzione di un’arma nucleare, secondo gli analisti, che affermano che la regione potrebbe ora muoversi inesorabilmente verso un’ulteriore escalation.

Trump
Trump – NanoPress.it

Nel 2019, le immagini satellitari hanno mostrato la costruzione di un reattore nucleare sperimentale in fase di “spedizione” in Arabia Saudita. Anche gli Emirati Arabi Uniti hanno un programma nucleare. Le attività nucleari di entrambi i paesi sembrano avvenire con le salvaguardie dell’AIEA.

Eppure la prospettiva di un Iran dotato di armi nucleari potrebbe far precipitare una situazione di sicurezza già debole, sollevando lo spettro di una corsa agli armamenti nucleari nella regione. Nel frattempo, Biden ha esaurito le opzioni, dato che gli Stati Uniti hanno già sanzionato l’Iran sotto l’amministrazione Trump.

Le sanzioni hanno inferto un duro colpo alla sua economia, ma non l’hanno distrutta, ed è probabile che l’Iran sia desensibilizzato ad ulteriori sanzioni economiche. Anche gli assassinii di alti funzionari iraniani da parte di Israele negli ultimi anni – incluso un eminente scienziato nucleare – non sono riusciti a frenare l’arricchimento dell’uranio iraniano.

Ciò potrebbe indurre gli Stati Uniti ei loro alleati a considerare di perseguire un’opzione militare. Una guerra contro l’Iran potrebbe distruggere il suo programma nucleare, ma provocherebbe un indicibile caos nella regione nel suo insieme, oltre a trascinare gli Stati Uniti in una regione da cui ha cercato di disimpegnarsi da tempo ormai.

“Alcune delle escalation più aggressive da parte iraniana in termini di accelerazione del programma sono avvenute sotto la presidenza di Biden, non di Trump”, ha affermato Parsi. “Questo perché Biden ha continuato la politica di Trump”.