Integratori per stanchezza: perché sono utili?

uomo stanco sul divano

Foto Shutterstock | dekazigzag

Quanti di noi hanno sperimentato un calo di energia? Durante l’anno può succedere. Ciò avviene quando l’energia richiesta dal nostro organismo supera le scorte energetiche disponibili. La stanchezza, sia mentale sia fisica, ne è la manifestazione più evidente. Come fare? Con l’aiuto degli integratori per la stanchezza e alcune regole pratiche è possibile recuperare energia. Scopriamo di più.

Quali fattori possono dare luogo alla stanchezza fisica e mentale?

Come abbiamo accennato la stanchezza, sia mentale sia fisica, è riconducibile a un generale calo energetico. Ci sentiamo privi di forze, svogliati, disattenti e affaticati. Ciò può dipendere da varie situazioni e fattori predisponenti. Vediamone alcuni.

Professioni faticose, fisicamente logoranti e usuranti: alcuni di noi svolgono lavori che richiedono forza e molte risorse fisiche, spesso sotto il sole e nelle ore più calde della giornata, magari senza un adeguato vestiario traspirante.

Sforzi fisici improvvisi o sollevamento di carichi pesanti. Fare le scale, traslocare, sollevare e trasportare le buste della spesa, montare un mobile, sono situazioni pratiche che possono provocare un rapido calo di energia e debolezza muscolare, soprattutto durante periodi di aumentato stress psicofisico.

Ci alleniamo troppo e in maniera errata: svolgere attività fisica in maniera eccessiva, specie dopo un periodo di sedentarietà e senza un adeguato programma di allenamento personalizzato, può esaurire velocemente le riserve energetiche.

Stagioni che cambiano: la stanchezza insorge principalmente per via degli evidenti sbalzi di temperatura e delle sensibili variazioni delle ore di luce.

Periodi di convalescenza: in seguito a malattia, il nostro organismo si ritrova spesso privo di energie, e la capacità di recupero rallenta sensibilmente.

Umidità ed elevate temperature esterne: questa condizione di stanchezza può verificarsi soprattutto in estate, con abbondanti sudorazioni e perdita di sali minerali. Inoltre possono comparire stanchezza fisica e debolezza muscolare.

Periodi molto impegnativi o di intenso stress: lavoro, sessioni di studio faticose, problemi personali possono incidere notevolmente;

Insufficiente riposo notturno. Dormire la notte è fondamentale, per affrontare al meglio le nostre giornate. L’ideale sarebbe riposare almeno 7 ore per notte, stabilendo una routine del sonno, andando a dormire e svegliandosi più o meno sempre alla stessa ora.

Stile di vita poco bilanciato. Dieta poco equilibrata, consumo di alcool e fumo, organizzazione sbilanciata dello studio (come ad esempio studiare di notte prima di un esame) non contribuiscono certo a stare meglio.

Età che avanza: con il passare del tempo, l’organismo si può trovare talvolta in condizioni di squilibrio energetico e gestire un rallentamento delle proprie capacità cognitive e di attenzione. Stanchezza mentale e affaticamento sono condizioni tipiche che non devono spaventare.

Quali sono i sintomi di stanchezza fisica e mentale?

Può capitare di provare stanchezza fisica, o spossatezza; talvolta si parla di astenia, quando stanchezza fisica e mentale determinano un generale malessere, torpore e senso di apatia. Questa situazione corrisponde a una diminuita carica energetica e a una evidente mancanza di forze. Può presentarsi principalmente con questi sintomi:

  • Affaticamento;
  • Forza muscolare diminuita, con sensazione di pesantezza alle gambe, movimenti rallentati;
  • Diminuita capacità di recupero;
  • Spossatezza e svogliatezza;
  • Sonnolenza diurna.

Anche la stanchezza mentale è una chiara manifestazione di calo energetico. Quando il nostro organismo non riesce a produrre l’energia necessaria ad affrontare le giornate, il nostro organismo e la nostra mente si affaticano, con la comparsa di alcuni sintomi:

  • Mancanza di concentrazione e mancanza di attenzione;
  • Vuoti di memoria e mal di testa;
  • Spossatezza e svogliatezza;
  • Sonnolenza diurna;
  • Stress e nervosismo.

Utilità degli integratori alimentari e buone abitudini

Quando possono essere utili gli integratori alimentari? In associazione a un’alimentazione varia ed equilibrata e ad alcuni consigli di salute, che vedremo tra poco, l’utilizzo degli integratori alimentari può essere d’aiuto in tutti quei casi in cui possono insorgere stanchezza fisica, stanchezza mentale o sia necessario un reintegro elettrolitico idrosalino. 

Per affrontare periodi intensi con le giuste energie e un’adeguata concentrazione, possiamo provare prodotti con una formulazione bilanciata di vitamine, minerali e altri nutrienti importanti. Vitamine e minerali agiscono per sostenere il normale metabolismo energetico e ridurre la sensazione di stanchezza fisica e mentale che può insorgere durante l’anno, nella nostra vita quotidiana.

Ecco altre buone pratiche da seguire con regolarità per recuperare energia:

Non rinunciamo a una dieta equilibrata

Non saltiamo i pasti e non abbuffiamoci, ma consumiamo pasti ben bilanciati. Introduciamo regolarmente tutti i nutrienti di cui il nostro organismo necessita, grassi compresi. Se ci attende una giornata pesante di studio o lavoro, non dimentichiamo di fare una buona colazione, abbondante e ricca di carboidrati complessi, prima e importante fonte energetica spendibile durante la giornata.

Dormiamo a sufficienza: il sonno è importante

Anche se spesso non ne cogliamo l’importanza, il sonno notturno è fondamentale, perché ci permette di affrontare le nostre giornate con lucidità, senza il rischio di addormentarci in piedi! L’impegno richiesto nello studio e sul lavoro potrà beneficiare di almeno 6- 7 ore di sonno, magari anche 8 nel fine settimana. In particolare, cerchiamo di stabilire una routine del sonno, andando a dormire e alzandoci grossomodo sempre alla stessa ora. Inoltre, non dimentichiamo che dormire aiuta a fissare stimoli ed emozioni.

Facciamo un po’ di attività motoria e svaghiamoci

Non è facile ritagliare del tempo da dedicare a se stessi, ma spesso rischiamo il burnout: non dobbiamo arrivare a questa situazione! Il lavoro e lo studio sono fondamentali, ma lo è anche la nostra salute. Se ne sentiamo la necessità, allentiamo la presa e prendiamoci un po’ di spazio per noi e per fare una passeggiata o una corsetta distensive. Infatti, tra i consigli sportivi, rientra anche fare due passi per 20- 30 minuti, anche nei pressi di casa, è già una pratica virtuosa.

Parole di Redazione

Da non perdere