Infemieri

Sindrome da burnout, sintomi, cura e rimedi

La sindrome di burnout è attualmente poco conosciuta, nonostante i primi casi risalgano agli anni '70. Vediamo dunque tutto sulla sindrome da burnout, cos'è, i sintomi, le cause e le eventuali cure.

1 di 8

1 di 8

Infemieri

Mai sentito parlare di sindrome da burnout? Sintomi, cura e rimedi: il nostro obiettivo è quello di immergerci a 360 gradi in una patologia costantemente in crescita in diversi ambiti e in particolar modo nel mondo sanitario. Il burnout negli infermieri infatti, è un problema ampiamente diffuso nelle strutture sanitarie e costituisce sempre più un’emergenza lavorativa, oltreché clinica. La sindrome del burnout viene solitamente descritta come una perdita di interesse nei riguardi delle persone con le quali l’infermiere lavora; comporta esaurimento emotivo, inteso come esaurimento delle risorse e diminuzione dell’energia, depersonalizzazione (atteggiamenti e sentimenti negativi, insensibilità e mancanza di compassione) e mancanza di realizzazione personale (valutazione negativa del proprio lavoro relativo a sentimenti di competenza ridotta). E’ un processo che si attiva all’insaputa del soggetto che ne è colpito e si manifesta principalmente nelle professioni d’aiuto. Il risultato è un peggioramento dell’aspetto comportamentale e una conseguente riduzione della qualità nello svolgimento del proprio lavoro. La sindrome di burnout è attualmente poco conosciuta, nonostante i primi casi risalgano agli anni ’70. Vediamo dunque tutto sulla sindrome da burnout, cos’è, i sintomi, le cause e le eventuali cure.

1 di 8

Pagina iniziale

1 di 8

Parole di Beatrice Elerdini

Beatrice Elerdini è stata una collaboratrice di Nanopress dal 2014 al 2019, occupandosi di cronaca e attualità. Degli stessi argomenti ha scritto su Pourfemme dal 2018 al 2019.

Da non perdere

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Nanopress, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.