L’Inflazione crescente soffoca l’America

L’aumento del costo della vita è un fenomeno globale, ma i suoi effetti rivelano il livello di precarietà e dipendenza di ciascun Paese in America.

Biden ai repubblicani: stop alle armi d'assalto
Joe Biden – Nanopress.it

Dalla manioca ai biglietti aerei e dall’esplosione ecuadoriana al picco di popolarità di Biden: ecco come l’aumento dei prezzi sta impattando l’intera America. Gli economisti amano dire che l’inflazione è la tassa più ingiusta: non ha bisogno dell’approvazione di alcun Congresso e colpisce in modo sproporzionato i più vulnerabili. Ma in termini geografici, l’aumento del costo della vita è un fenomeno tanto globale quanto il covid, perché ne è in gran parte una conseguenza.

L’aumento dei prezzi sta impattando l’intera America

È iniziata più di un anno fa, con due fattori scatenanti: le sovvenzioni e i trasferimenti di denaro effettuati da molti paesi ai lavoratori e ai settori più fragili per impedire un ulteriore calo delle loro economie (che ha innescato la domanda); e la rottura delle catene di approvvigionamento (che limitava l’offerta). Non è che gli esperti non si aspettassero l’inflazione, ma credevano che sarebbe successo.

Fino alla fine dello scorso anno, le autorità responsabili delle banche centrali nelle economie avanzate, come Jerome Powell (Stati Uniti) e Christine Lagarde (Europa), sostenevano che fosse “temporanea”. Non contavano su Putin: il 24 febbraio la Russia ha invaso l’Ucraina. La guerra ha approfondito questo fenomeno. Se prima si pensava che recuperando il ritmo dei prezzi alla produzione si sarebbero stabilizzati, l’inizio di una guerra ha iniettato maggiore incertezza nella formula.

In sostanza, l’inflazione non è altro che le aspettative sui prezzi in un determinato momento. Se un produttore o un trader crede che i suoi input saranno più costosi domani, aumenta i prezzi oggi. E non c’è niente che preoccupi di più di una guerra che nessuno sa quanto durerà, e che colpisce direttamente i prezzi del petrolio e di alcune materie prime. Ogni società vive questo fenomeno globale come una tragedia particolare.

Se negli Stati Uniti il ​​costo della benzina ha abbassato la popolarità di Joe Biden e rende impazienti i Democratici per le elezioni di medio termine di novembre, in America e soprattutt Ecuador ha messo sul piede di guerra le comunità indigene del Paese: circa il 7% dei popolazione—, che vive economie di sopravvivenza, ed ha esposto l’abbandono di decenni a questi settori.

Ogni economia delle Americhe è in sofferenza

Non tutte le economie sono soffocate come quella dell’Ecuador, che ha sofferto soprattutto gli effetti della guerra (un quarto delle banane che esporta è andato in Russia e Ucraina, per esempio), ma su entrambe le sponde dell’oceano si sono accesi falò di impazienza.

Iván Duque
Iván Duque – NanoPress.it

Ad aprile, il governo dello Sri Lanka è stato costretto a dichiarare lo stato di emergenza a causa delle proteste dei cittadini sui prezzi del carburante e dei generi alimentari. A maggio, gli autisti di autobus hanno bloccato le strade di Città del Messico per consentire loro di aumentare il prezzo del biglietto per pagare la benzina. Nel Regno Unito, i lavoratori delle ferrovie hanno quasi fermato i treni – il più grande sciopero degli ultimi 30 anni – per chiedere salari più alti.

Le proteste promosse dalla Confederazione delle Nazionalità Indigene dell’Ecuador (CONAIE) hanno paralizzato il Paese per 18 giorni; È stato lo sciopero più lungo degli ultimi anni. E questi sono solo alcuni. Secondo il Fondo Monetario Internazionale, l’inflazione media in questa parte del mondo (in America) sarà dell’11,2% quest’anno e del 7,1% il prossimo, ben al di sopra dell’obiettivo più comune del 2-4%.

Tuttavia, il numero medio può essere un po’ fuorviante, perché non ritrae gli incrementi più drammatici o le decisioni che ogni famiglia deve prendere (rinunciare alle vacanze non è come scegliere tra carne e medicine). Mentre i governi abbassano le tariffe ed eliminano le tasse per facilitare il consumatore, le banche centrali hanno alzato i tassi di interesse fino a raggiungere i massimi storici.

Ma, in economie con poca penetrazione bancaria e molta informalità come quelle che popolano il continente, la politica monetaria richiede tempo per avere effetto. Per ora, i colpi stanno rivelando il livello di precarietà e le dipendenze di ciascuna economia.