India: mentre Narendra Modi va al G7, fa arrestare Teesta Setalvad

In India Teesta Setalvad è stata una sostenitrice delle vittime dei disordini di 20 anni fa, e un critico del leader Narendra Modi per la sua presunta inazione.

Narendra Modi
Narendra Modi – NanoPress.it

Le autorità in India tengono in custodia un’attivista indiana nota per i suoi sforzi durati anni per intentare un’azione legale contro il primo ministro Narendra Modi, durante le rivolte indù-musulmane del 2002 in Gujarat, quando era il primo ministro dello stato. Sabato pomeriggio la squadra antiterrorismo della polizia di stato del Gujarat ha arrestato Teesta Setalvad, 60 anni, nella sua casa di Mumbai, nel vicino stato del Maharashtra. Poco dopo è stata arrestata e portata ad Ahmedabad, vicino alla capitale del Gujarat.

L’India rievoca il fantasma dei disordini del 2002

Negli ultimi due decenni, la signora Setalvad è stata in prima linea nelle battaglie legali per conto delle vittime dei disordini del 2002, che hanno gettato un’ombra sulla carriera politica del signor Modi. È stata arrestata con l’accusa di falsificazione, fabbricazione di false prove e cospirazione criminale, il giorno dopo che la Corte Suprema indiana aveva appoggiato il rapporto finale di un team formato per indagare sui disordini avvenuti nel 2002.

I cittadini per la giustizia e la pace, un gruppo guidato dalla signora Setalvad, ha affermato di negare le irregolarità e che le accuse contro di lei erano motivate politicamente. “Setalvad è presa di mira oggi come parte di un’elaborata caccia alle streghe”, ha detto il gruppo. L’ufficio del primo ministro non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Due ex alti ufficiali della polizia di stato che hanno testimoniato nei casi contro il signor Modi, sono detenuti con le stesse accuse della signora Setalvad.

Uno di loro era già in carcere, mentre l’altro è stato arrestato nel fine settimana. La sentenza di venerdì è arrivata in risposta a una petizione alla Corte Suprema indiana presentata da Zakia Jafri, la vedova di un ex deputato nazionale musulmano ucciso durante i disordini. La signora Setalvad si era unita alla petizione.

Setalvad  ed il suo gruppo si erano opposti al rapporto finale del 2012 della squadra investigativa speciale nominata dal tribunale, che affermava di non aver trovato prove di una più ampia cospirazione anti-musulmana da parte del signor Modi, e di altri funzionari del governo del Gujarat, che la signora Jafri aveva affermato in una precedente denuncia.

Alcuni membri delle famiglie delle vittime, critici politici e attivisti per i diritti hanno sostenuto a lungo che il signor Modi, un politico nazionalista indù, non era riuscito intenzionalmente a proteggere i musulmani dalla folla indù.

Più di 1.000 persone sono morte nella rivolta,

Il signor Modi ha sempre negato qualsiasi illecito per i disordini. Più di 1.000 persone sono morte nella rivolta, seguita immediatamente dopo che una folla ha appiccato il fuoco a un treno che trasportava pellegrini indù, uccidendo 59 persone, secondo i documenti del tribunale.

Teesta Setalvad
Teesta Setalvad – NanoPress.it

I tribunali in India hanno condannato un certo numero di persone nel corso degli anni con l’accusa di omicidio e rivolta, in connessione con gli attacchi della folla e il fuoco dei treni. Nel verdetto di venerdì, la Corte Suprema ha affermato che le indagini della squadra nominata dal tribunale sulle rivolte erano state approfondite.

Ha detto che la signora Setalvad e altri stavano portando avanti il ​​procedimento giudiziario per anni dopo l’incidente “per mantenere la pentola in ebollizione”. La sentenza previene efficacemente ulteriori impugnazioni legali contro il primo ministro durante le rivolte del 2002.

La corte ha affermato: “In effetti, tutti coloro che sono coinvolti in tale abuso di processo, devono essere sul banco degli imputati e procedere in conformità con la legge”. La polizia del Gujarat ha citato l’osservazione della corte nella sua denuncia sabato contro la signora Setalvad e gli ex agenti di polizia di stato. La denuncia afferma che il trio ha cospirato per diffamare la reputazione di alti funzionari del governo del Gujarat e della squadra speciale nominata dalla Corte Suprema.

In una dichiarazione scritta che ha rilasciato alla polizia locale di Mumbai sabato sera prima di essere portata in Gujarat, la signora Setalvad ha affermato di temere per la sua vita. Mary Lawlor, il relatore speciale delle Nazioni Unite sui difensori dei diritti umani, domenica ha chiesto il rilascio della signora Setalvad. “Difendere i diritti umani non è un crimine”, ha scritto su Twitter.