India: caldo e siccità diminuiscono la produzione di grano mondiale

L’India ha sospeso le esportazioni di cereali, a causa del calo della produzione dovuto alle alte temperature e alla mancanza di piogge.

La siccità in India
La siccità in India – NanoPress.it

Carestia in India e guerra in Ucraina, il crollo delle esportazioni di grano

Un’ondata di caldo estremo come quella che hanno subito gli abitanti di India e Pakistan alcune settimane fa, può sembrare esotica e remota, ma nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.

Perché i suoi effetti minacciano l’offerta globale di grano, già minacciata dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.  Uno studio a cui hanno partecipato 29 esperti internazionali conclude che un’ondata di caldo così precoce, intensa e di lunga durata come quella vissuta in questo subcontinente a marzo e aprile, è avvenuta a causa del processo di cambiamento climatico che il pianeta sta vivendo per ‘l’azione umana’.

I gas serra espulsi dall’economia mondiale, ancora agganciata ai combustibili fossili, si accumulano nell’atmosfera e generano cambiamenti climatici, che rendono più frequenti e intensi questi eventi meteorologici estremi.

Lo studio presentato ieri, ricorda che l’ondata di caldo ha causato almeno 90 morti in India e Pakistan. Al di fuori di questi due Paesi gli effetti si faranno sentire anche perché rischia di aumentare la crisi globale dell’offerta di grano causata dall’invasione russa dell’Ucraina, uno dei maggiori produttori mondiali di questo cereale fino allo scoppio del conflitto.

Aditi Kapoor, uno degli esperti che ha partecipato allo studio, spiega che tra gli aspetti più problematici di questa ondata c’è il primissimo momento in cui si è verificata, a marzo e aprile, quando i grani invernali sono in piena crescita.  Al caldo si sono aggiunte anche alcune piogge ben al di sotto della norma per questo periodo.

45 milioni di persone nel mondo rischiano di morire di fame

Le prime analisi indicano un calo del 20% dei raccolti di grano in India, aggiunge Kapoor. E questo avrà “un impatto sui paesi importatori”, spiega questo specialista che lavora per il centro di ricerca sui cambiamenti climatici della Croce Rossa.

Il caldo in India fa scarseggiare l'acqua
Il caldo in India fa scarseggiare l’acqua – Nanopress.it

Di fronte al blocco delle esportazioni dall‘Ucraina dovuto alla guerra, l’India – che è il secondo produttore mondiale di grano, sebbene la maggior parte dei suoi raccolti sia per il consumo interno – aveva proposto di aumentare le vendite all’estero.

Ma questi piani sono cambiati in breve tempo: il 13 maggio il governo, preoccupato per gli approvvigionamenti nazionali, ha vietato tutte le esportazioni di grano. “Questo sta già esercitando una maggiore pressione sui prezzi alimentari mondiali e sulla sicurezza alimentare”, ricorda il rapporto internazionale presentato lunedì.

L’India aveva calcolato prima dell’ondata di caldo che sarebbe stata in grado di esportare fino a dieci milioni di tonnellate di grano, “il che avrebbe contribuito a compensare il deficit causato dall’invasione russa dell’Ucraina“, specifica lo studio. Inoltre, la carenza di carbone in India, legata anche all’ondata di caldo, ha portato a interruzioni di corrente che hanno limitato l’accesso all’aria condizionata e ai ventilatori, aggravando ulteriormente gli impatti sulla salute.

Ciò ha costretto “milioni di persone” a limitare l’attività al mattino presto e alla sera, per evitare il caldo. I ricercatori che hanno condotto questo studio fanno parte del World Weather Attribution (WWA), un gruppo di scienziati che cerca di stabilire i legami tra il cambiamento climatico e specifici fenomeni meteorologici.

Da 122 anni non faceva così caldo

Questi tipi di eventi, come ondate di calore e inondazioni, si sono sempre verificati sul pianeta. Ma gli scienziati avvertono da anni che i cambiamenti climatici agiscono come carburante e li rendono più intensi e frequenti. Questa è la teoria generale.

Caldo estremo in India
Caldo estremo in India – NanoPress.it

E il grande salto che è stato fatto negli ultimi anni nella scienza del clima, è proprio l’attribuzione di fenomeni specifici al riscaldamento globale, grazie ai progressi nella computazione dei dati e anche all’aumento del numero di eventi estremi.  Ciò che viene calcolato sono le probabilità che si sarebbe verificato un episodio specifico se il cambiamento climatico non fosse esistito.

E nel caso dell’ondata in Pakistan e India, il riscaldamento ha reso qualcosa di così estremo circa 30 volte più probabile che accada in quel periodo dell’anno. Ciò significa, secondo il rapporto WWA, che un tale fenomeno “sarebbe stato straordinariamente raro senza gli effetti del cambiamento climatico indotto dall’uomo”.

Inoltre, gli esperti hanno concluso che “lo stesso evento sarebbe stato di circa un grado Celsius più freddo in un clima preindustriale”, cioè prima che il pianeta iniziasse a riscaldarsi a causa dei gas serra espulsi dalla Terra.  Marzo è stato il più caldo in India da quando sono iniziate le misurazioni ben 122 anni fa, ricorda la WWA, e sia questo paese che il Pakistan hanno registrato record di temperatura.

Inoltre, marzo è stato anche estremamente secco, con il 62% di pioggia in meno rispetto al normale in Pakistan e il 71% al di sotto del normale in India. Tutto ciò ha influito sulla riduzione della produttività del grano, che ora rischia di spingere ancora più in alto i prezzi dei generi alimentari, un duro colpo per le nazioni che hanno meno risorse economiche per competere per i cereali sui mercati internazionali.