Il sabotaggio dei Nord Stream: guerra ibrida con la collaborazione statale

L’indagine su chi è stato e come ha fatto a sabotare i gasdotti Nord Stream 1 e 2 richiederà settimane e potrebbe non essere conclusiva, avvertono gli esperti, mentre tutti i tipi di teorie invadono i social network.

Gasdotto Nord Stream
Gasdotto Nord Stream- Nanopress.it

L’Unione Europea e la NATO hanno promesso una “risposta forte” al sabotaggio dei gasdotti russi Nord Stream 1 e 2 nel Mar Baltico. Ma contro chi? Al momento, nessuna organizzazione incolpa apertamente alcun attore per le esplosioni dell’oleodotto, che hanno causato un disastro ambientale e messo in luce la vulnerabilità delle principali infrastrutture europee.

L’Unione Europea e la NATO contro Putin rispetto al sabotaggio dei gasdotti russi Nord Stream 1 e 2

Ma quello che dicono (e non dicono) è una cosa e quello che sospettano è un’altra. Gli esperti ritengono che un attacco di questa complessità sia stato compiuto solo da un “attore statale”, cioè con i mezzi e l’intelligence di un esercito o di un’agenzia di intelligence. E quando si tratta di indicare un Paese come il più probabile autore del sabotaggio, tutto punta alla Russia.

Questo giovedì Svezia e Danimarca hanno offerto nuovi dati sul sabotaggio: secondo una lettera che i due Paesi hanno inviato al Consiglio di sicurezza dell’Onu, le fughe di notizie sarebbero state causate da esplosioni equivalenti a centinaia di chili di esplosivo. Analisti specializzati e fonti europee e dell’Alleanza concordano sul fatto che potrebbe essere l’inizio di una nuova fase del conflitto tra Russia e Occidente dall’invasione dell’Ucraina.

Da una guerra puramente economica, Mosca sarebbe passata a una guerra ibrida, con attacchi alle infrastrutture fisiche che cercano di destabilizzare e causare caos, incertezza e, forse, la disunione dei suoi nemici. Il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia, Fatih Birol, ha affermato giovedì che è “molto ovvio” chi c’è dietro le fughe di notizie, ma si è fermato prima di menzionare la Russia.

Mentre inizia l’indagine sulla paternità, che può durare settimane perché il gas continua a fuoriuscire dai fori dei tubi e non è stato nemmeno possibile scendere a controllare in che stato si trovi, l’attacco comincia ad avere effetto su il lato della confusione. Tutti i tipi di teorie vengono diffuse sui social network, senza prove a sostegno. Alcuni alimentati anche da eurodeputati. L’ex ministro polacco Radek Sikorski ha postato sul suo Twitter una foto della fuga sulla superficie del mare con il testo “Grazie, USA”.

L’ha cancellato, ma era sul suo profilo da ore ed è stato subito citato e amplificato dai resoconti russi, a cominciare dalla portavoce degli Esteri del governo di Vladimir Putin, María Zajárova. Quel tweet è stato condiviso da coloro che credono che il sabotaggio sia stato orchestrato da Washington, dalla NATO, dall’Ucraina o da chiunque altro oltre al Cremlino. Coloro che diffondono questa ipotesi usano anche un video in cui il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, assicurava lo scorso febbraio, poco prima dell’inizio dell’invasione, che gli Stati Uniti avrebbero posto fine al Nord Stream 2 se la Russia avesse attaccato l’Ucraina.

Gli esperti avvertono che potrebbe non essere mai possibile attribuire all’attacco prove conclusive e l’attaccante non lo ammetterà mai perché la sua intenzione è quella di seminare quanta più confusione possibile. «È proprio una delle caratteristiche della guerra ibrida», spiega Carsten Rasmussen, generale di brigata danese ed ex addetto militare a Mosca: «Commettere azioni che è plausibile negare». Rasmussen inoltre non garantisce che la colpa sia della Russia perché “non ci sono prove”, ma sulla base della sua esperienza vede “un’azione molto chiara di guerra ibrida i cui effetti puntano direttamente sul colpevole “.

L’ex ministro polacco Radek Sikorski ha postato sul suo Twitter una foto della fuga sulla superficie del mare con il testo “Grazie, USA”

Uno di questi effetti è quello di generare in Europa il timore che l’approvvigionamento energetico non sarà sufficiente quest’inverno. “Anche se è una paura irrazionale”, dice, perché nessuno dei due gasdotti pompava gas e i paesi più dipendenti dal gas russo, come la Germania, hanno serbatoi pieni e una fornitura alternativa per superare i mesi freddi. L’attacco cerca anche di destabilizzare politicamente, aggiunge, e raggiungerebbe questo obiettivo incolpando terze parti e dando origine ad altre teorie.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

Il momento non è casuale, sottolinea Rasmussen. Coincide con i falsi referendum per preparare l’annessione del territorio ucraino. “Chiunque abbia inventato questo è riuscito a distrarre l’attenzione da quello che sta succedendo lì con un sabotaggio su una scala che non si vedeva dalla seconda guerra mondiale”, dice.

Poiché i tubi non sono accessibili, le informazioni disponibili sono ancora scarse, ma l’entità delle esplosioni e la quantità di gas in uscita indicano che non si tratta di fessure, ma di grandi buchi. I gasdotti corrono lungo il fondale marino, profondo circa 70 metri, su un percorso di 1.200 chilometri che attraversa le acque territoriali di cinque paesi: Russia, Finlandia, Svezia, Danimarca e Germania.

Il tubo Nord Stream 2 misura 1,1 metri di diametro e lo spessore delle sue pareti è di 4,1 centimetri. Fonti dell’intelligence tedesca citate da Der Spiegel ritengono che siano stati utilizzati esplosivi ad alto potenziale, paragonabili a 500 chili di tritolo. Una delle teorie che vengono gestite è che diversi subacquei siano stati in grado di posizionare le cariche esplosive nei due tubi del Nord Stream 1, entrato in funzione nel 2011, e in uno dei due del Nord Stream 2, il nuovo gasdotto che Berlino si paralizzò pochi giorni prima dell’invasione russa dell’Ucraina.

Le autorità stanno ora esaminando le immagini satellitari per le barche sospette nella zona, ma Pawlak dice al telefono che gli esplosivi potrebbero essere stati piantati giorni, mesi, anche anni prima.

Non si può escludere che fossero lì dopo la costruzione del Nord Stream 2, terminata nel 2021, ad esempio. Il sabotaggio dimostra che, per quanto la NATO protegga il Mar Baltico, con continui pattugliamenti dei paesi costieri, è impossibile controllarlo nella sua interezza 24 ore al giorno. Anche il fatto che non siano state rilevate navi militari sospette non significa nulla, sottolinea. L’operazione potrebbe essere stata eseguita da una nave commerciale.