Il Regno Unito offre vaccini ai gay per fermare il vaiolo delle scimmie

I funzionari sanitari del Regno Unito inizieranno a offrire vaccini agli uomini gay e bisessuali a più alto rischio di contrarre il vaiolo delle scimmie, nel tentativo di frenare il più grande focolaio della malattia oltre l’Africa.

La sede dell'Oms
La sede dell’Oms – Nanopress.it

Oggi, l’Agenzia per la sicurezza sanitaria britannica ha dichiarato che i medici potrebbero prendere in considerazione la vaccinazione per le persone che “hanno più partner, partecipano a sesso di gruppo o frequentano luoghi dove si fa “sesso nei locali “.

Il Regno Unito vuole vaccinare chi è più a rischio

Espandendo l’offerta di vaccini a coloro che sono a rischio più elevato, speriamo di spezzare le catene di trasmissione e aiutare a contenere l’epidemia“, ha affermato il capo dell’immunizzazione dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria, la dott.ssa Mary Ramsay. In precedenza i vaccini erano disponibili solo per gli operatori sanitari, che si prendevano cura dei pazienti con vaiolo delle scimmie, o per gli addetti alle pulizie che disinfettavano le aree contaminate dal virus.

Il vaccino è stato originariamente sviluppato per il vaiolo, una malattia correlata, ma si pensa che sia efficace per circa l’85% contro il vaiolo delle scimmie. Ad oggi, oltre il 99% dei casi di vaiolo delle scimmie in Gran Bretagna è tra le persone di sesso maschile, e la maggior parte di questi è bisessuale, o si tratta di uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. Gli scienziati avvertono che chiunque sia in stretto contatto fisico con qualcuno infetto dal vaiolo delle scimmie, o con i suoi vestiti o lenzuola, è a rischio della malattia, indipendentemente dal suo orientamento sessuale.

Il Vaiolo delle Scimmie
Il Vaiolo delle Scimmie – NnoPress.it

Attualmente ci sono 793 casi di vaiolo delle scimmie nel Regno Unito, su oltre 2.100 casi in 42 paesi a livello globale. Non sono stati segnalati decessi al di fuori dell’Africa. Fino al mese scorso, il vaiolo delle scimmie aveva causato focolai considerevoli solo nell’Africa centrale e occidentale; il continente ha finora segnalato più di 1.500 casi e 72 decessi sospetti di questa pandemia che si sta diffondendo.

I vaccini non sono mai stati usati in Africa per controllare il vaiolo delle scimmie. La scorsa settimana, il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha descritto la continua diffusione del vaiolo delle scimmie in paesi che in precedenza non avevano visto la malattia come “insolita e preoccupante”.

Tedros ha convocato per giovedì una riunione di esperti per decidere se l’espansione dell’epidemia di vaiolo delle scimmie meriti di essere dichiarata un’emergenza globale. Ciò gli darebbe la stessa designazione della pandemia di COVID-19 e dello sforzo in corso per eradicare la poliomielite.