Il Mercosur impedisce a Zelensky di parlare al 60° vertice dei presidenti

I negoziati dell’Uruguay con la Cina offuscano l’incontro dei leader del blocco regionale del Mercosur, che si terrà questo giovedì ad Asunción.

Il ministro degli esteri dell'Uruguay, Francisco Bustillo, partecipa alla riunione del Mercosur
Il ministro degli esteri dell’Uruguay, Francisco Bustillo, partecipa alla riunione del Mercosur – NanoPress.it

I presidenti dei paesi membri del Mercosur parteciperanno questo giovedì ad Asunción a un vertice segnato da assenze e segnato da tensioni politiche. La decisione dell’Uruguay di portare avanti un accordo commerciale con la Cina senza il consenso degli altri partner -Argentina, Brasile e Paraguay- ha sperperato un’agenda che, in linea di principio, era incentrata sulle conseguenze economiche della guerra in Ucraina, in particolare sull’inflazione.

I Paesi del Mercosur devono affrontare decisioni importanti

Le divergenze tra i presidenti hanno impedito addirittura all’ucraino Volodímir Zelensky di intervenire in videoconferenza, come lui stesso aveva chiesto. “Non c’era consenso. È stato informato l’ambasciatore ucraino in Argentina in concomitanza in Paraguay. A fare la comunicazione è stato lo stesso ministro degli Esteri”, ha affermato Raúl Cano, viceministro degli esteri del Paraguay, il Paese ospitante.

Zelensky ha comunicato la scorsa settimana con il suo omologo paraguaiano, Mario Abdo Benítez, in qualità di presidente pro tempore del blocco regionale, di richiedere uno spazio per la partecipazione virtuale all’interno del vertice. Qualsiasi decisione all’interno del Mercosur è presa per consenso, cioè il rifiuto di uno degli alleati è sufficiente per far fallire una mozione.

È stato così, come ha spiegato il viceministro degli Esteri Cano, che si è scusato di dare il nome del Paese che rifiutava la presenza del presidente ucraino. “Chi è favorevole e chi contrario, non so quale Stato non sia stato d’accordo. Né possiamo divulgare lo Stato che non ha dato il suo consenso”, ha detto Cano. Dove c’era accordo c’era un tema che da anni è in discussione politica: l’abbassamento della Tariffa Esterna Comune (AEC) pagata dai partner per i prodotti extrazona.

Nella riunione del Consiglio del Mercosur, svoltasi questo mercoledì presso la sede di Conmebol a Luque, alla periferia di Asunción, è stato stabilito che i prodotti con una tariffa del 2% vanno allo 0%, e quelli con una tra 4 e il 14% lo riduce del 10%. Ad esempio, il viceministro Cano ha spiegato che una posizione con un tasso del 4% pagherà il 3,6%.La riduzione era una vecchia domanda del Brasile, che già nel 2019 aveva proposto di abbassare l’AEC del 50%.

Si è scontrato con l’intransigenza dell’Argentina, che sostiene che tale apertura minaccia lo sviluppo della sua industria locale. Ma nell’ottobre dello scorso anno, Buenos Aires ha finalmente ceduto e accettato una riduzione del 10%. Ora ha accettato un altro 10%, in linea con i desideri del resto dei soci, che chiedono maggiore flessibilità e maggiore apertura commerciale.

L’appuntamento di oggi sarà il primo evento faccia a faccia del blocco dopo la pandemia. Ci si aspettava un grande evento, ma le tensioni interne offuscano le aspettative di grandi annunci. Nemmeno la conferma di un accordo commerciale con Singapore o l’abbassamento del CET attireranno l’attenzione. Il brasiliano Jair Bolsonaro ha già annunciato che non si recherà ad Asunción come ripudio dell’Uruguay.

L’appuntamento di oggi è il primo evento faccia a faccia dopo la pandemia

Ma non sarà l’unico a mancare dalla foto di famiglia. Attenti alle tensioni interne, il cileno Gabriel Boric e il boliviano Luis Arce hanno sospeso la loro partecipazione, alla quale avevano diritto come presidenti dei paesi associati al blocco. Saranno invece l’argentino Alberto Fernández e l’uruguaiano Luis Lacalle Pou, promotore della discordia. Mercoledì della scorsa settimana, Lacalle Pou ha annunciato in conferenza stampa a Montevideo che il suo Paese ha concluso “il lavoro con la Cina”.

Gabriel Boric
Gabriel Boric – NanoPress.it

“Abbiamo raggiunto un accordo vantaggioso per i paesi e inizierà la negoziazione dell’accordo di libero scambio. Non vogliamo avanzare da soli, ma l’Uruguay non ha voluto restare fermo. Sarà sicuramente oggetto di conversazione al prossimo vertice”, ha anticipato.Secondo la lettura di Argentina, Brasile e Paraguay, la misura annunciata dall’Uruguay viola uno dei principi sottoscritti nel trattato istitutivo del Mercosur, che impedisce a nessuno dei paesi membri di negoziare accordi di libero scambio extrazona senza l’avallo del resto.

L’Uruguay non è d’accordo con quella lettura, come aveva già affermato al vertice dei presidenti nel marzo 2021, quando l’argentino Fernández raccomandò all’Uruguay di “lasciare la nave” se considerava il blocco “un freno” al suo sviluppo economico. Il sangue non raggiunse poi il fiume, ma Montevideo continuò le trattative con Pechino. Il brasiliano Bolsonaro, che si difende mantenendo la clausola che impedisce la bilateralità, ha risposto all’Uruguay con la sua assenza.

“Ho detto che non ci vado. In politica puoi tornare indietro su alcune cose, ma la mia decisione finora non è quella di andare al Mercosur, nonostante la chiamata di Marito [Abdo Benítez]”, ha spiegato Bolsonaro in un’intervista alla CNN giovedì scorso. Il ministro degli Esteri del Paraguay, Federico González, ha confermato questo mercoledì l’assenza del brasiliano, ma ha abbassato i toni. “Sempre in ogni evento al vertice, o incontro internazionale, c’è la fattibilità della mancata partecipazione di uno o più di uno”, ha detto, “e la posizione del Brasile, che è simile a quella del Paraguay, è che noi devono negoziare come un blocco i quattro”.