Il Marocco rafforza i legami militari con Israele, fornitore dei ‘droni suicidi’

Il capo dell’esercito israeliano visita per la prima volta il Marocco in un contesto di crescente tensione tra Rabat e l’Algeria. Il Marocco accoglie per la prima volta una visita ufficiale a un capo dell’esercito israeliano.

Muhammad VI del Marocco
Muhammad VI del Marocco – NanoPress.it

Il generale Aviv Kohavi, 58 anni, è atterrato a Rabat nel tardo pomeriggio di lunedì e prolungherà la sua permanenza ufficiale fino a mercoledì. L’obiettivo della visita, secondo l’esercito israeliano, è rafforzare la cooperazione con il Marocco, senza specificare maggiori dettagli sulla vendita di armi. Kohavi incontrerà, tra le altre autorità, il ministro marocchino incaricato dell’amministrazione della difesa, Abdelatif Loudiyi, e l’ispettore generale delle forze armate reali e comandante della zona meridionale, il generale El Farouk Belkheir.

Il Marocco accoglie per la prima volta una visita ufficiale a un capo dell’esercito israeliano

La visita si svolge in un contesto in cui il Marocco è in un conflitto armato a bassa intensità con il Fronte Polisario, organizzazione il cui principale alleato e protettore è l’Algeria. La tensione tra i due paesi del Maghreb ha raggiunto il suo punto più delicato nel novembre 2021, quando la presidenza algerina ha rilasciato un comunicato in cui annunciava che tre civili algerini erano stati “vigliaccamente assassinati” da un “barbaro bombardamento” mentre viaggiavano con i loro camion dalla capitale mauritana , Nouakchott, alla città algerina di Ouargla.

La presidenza algerina ha assicurato che “vari fattori” hanno suggerito che il massacro fosse stato perpetrato dalle “forze di occupazione marocchine nel Sahara occidentale” utilizzando “armi sofisticate”. Dietro queste armi avanzate, secondo fonti del Fronte Polisario, c’era Israele.

Il principale produttore di droni nello Stato ebraico, Israel Aerospace Industries (IAI), produce i cosiddetti droni suicidi Harop, un piccolo aereo senza pilota con un raggio d’azione di oltre 1.000 chilometri, difficilmente rilevabile dai radar e in grado di trasportare più di 20 chili di carica esplosiva.

Questa società ha ricevuto 19,4 milioni di euro dal Marocco nel 2021, nel mezzo del conflitto del Sahara occidentale, secondo il quotidiano Haaretz attraverso l’accesso ai due report trimestrali che il produttore israeliano ha fornito alla Borsa di Tel Aviv. Lo Stato marocchino mantiene un silenzio ermetico su queste questioni. Intanto nel Sahara occidentale la tensione è ancora latente. Sabato il Fronte Polisario ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava di aver effettuato un “attacco missilistico massiccio” contro diverse località in cui si trovavano le truppe marocchine, nel nord e sud-est del Sahara occidentale.

Le autorità marocchine non commentano mai le proprie azioni militari o quelle del loro nemico nel Sahara. Questa volta hanno anche optato per il silenzio, mentre continuano a rafforzare i legami con l’esercito israeliano. Il Marocco ha iniziato a normalizzare le relazioni con Israele nel dicembre 2020, un mese dopo che il Fronte Polisario considerava rotto il cessate il fuoco che aveva mantenuto con il Marocco dal 1991.

Fu in quell’inverno del 2020 che l’allora presidente degli Stati Uniti, Donald Trump ha riconosciuto la sovranità del Marocco sul Sahara occidentale, in cambio della normalizzazione di Rabat dei suoi rapporti con lo Stato ebraico.

Rabat è diventato il quarto Paese arabo ad accettare di normalizzare le sue relazioni con Israele

Da allora Rabat è diventato il quarto Paese arabo ad accettare di normalizzare le sue relazioni con lo Stato ebraico, dopo che lo hanno fatto gli Emirati Arabi Uniti ad agosto ed è stato seguito dal Bahrain a settembre e dal Sudan ad ottobre. Questi patti di normalizzazione, promossi da Donald Trump nella sua ultima fase da presidente, furono chiamati Accordi di Abraham. Gli accordi non obbligano Israele a riconoscere l’esistenza di uno Stato palestinese.

Yair Lapid
Yair Lapid – NanoPress.it

“La normalizzazione è tradimento” Le più grandi manifestazioni registrate da decenni in Marocco sono state quelle incoraggiate ogni anno dallo stesso Stato marocchino a favore della causa palestinese. Da quel dicembre 2020, però, tutti in Marocco sono consapevoli che è proprio il re a sponsorizzare la normalizzazione delle relazioni. Ciò non ha impedito l’ultima escalation degli attacchi dell’esercito israeliano contro la Striscia di Gaza, nel maggio 2021, da manifestazioni nelle principali città del Marocco, dove si gridava “normalizzazione è tradimento”.

Ma i due paesi hanno continuato a stringere stretti legami inesorabilmente. La cooperazione militare tra Israele e Marocco esiste da più di 50 anni, anche se sempre in modo semisegreto, dietro le quinte. Fino a quando il ministro della Difesa israeliano, l’ex generale Benny Gantz, ha visitato Rabat nel novembre 2021 per firmare un accordo militare senza precedenti nel mondo arabo. Una delegazione militare israeliana ha visitato il Marocco il 25 marzo e ha firmato un secondo accordo, per la partecipazione ad esercitazioni internazionali e anche per la vendita di armi.

Ora è lo stesso capo delle Forze armate israeliane che si è recato in Marocco per una visita di grande valore simbolico. Aviv Kohavi ha prestato giuramento come capo di stato maggiore delle forze armate nel 2019. Tra le sue operazioni più criticate negli ultimi tre anni c’è il bombardamento e la demolizione da parte dell’aviazione israeliana dell’edificio di 12 piani in cui si trovavano gli uffici dell’agenzia. il canale Al Jazeera, commesso il 15 maggio 2021.

Il generale Kohavi ha dichiarato alla fine di maggio alla televisione israeliana che l’edificio era stato “legittimamente distrutto” e che non provava “un briciolo di rimpianto”. La distruzione dell’edificio è avvenuta durante un’escalation bellica che è durata 11 giorni e ha causato più di 250 morti palestinesi e 13 in Israele.