Il Marchese del Goal: dal disastro Maresca al ritorno di Balo

Tutti i principali avvenimenti della settimana calcistica visti dal Marchese del Goal, il punto di vista disincantato e pungente del romano medio

arbitro maresca dzeko

Foto Getty Images | Silvia Lore

Pure sta settimana tra campionato e coppe europee non se po dì che se semo annoiati. Ecco magari ‘na domenica pomeriggio co zero goal e ‘na partita rinviata pe’ maltempo se la saremmo volentieri risparmiati, ma che ce voi fa’ capita pure questo. Comunque tra arbitraggi discutibili, goleade e squadre tutte attaccate in classifica c’è tanto de cui parlà. Allora bando alle ciance e scoprimo tutto quello che è successo nella settimana calcistica.

Maresca che combini?

Nella partita tra Roma e Sassuolo l’arbitro Maresca ne ha combinate de cotte e de crude. Pe’ un po’ er VAR gli ha dato ‘na mano : due goal irregolari (uno per parte) annullati co’ la teconologia, perchè si er pe’ l’arbitro er risultato sarebbe stato ben diverso. Alla fine però pure er VAR s’è n’attimo distratto e Maresca ha continuato a sbaglià tutte le scelte importanti: intervento killer de Obiang che viene solo ammonito e tocco di mano nettissimo in area di rigore der Sassuolo che non viene minimamente visto. Ciliegina sulla torta l’ex arbitro Rocchi ce viene a dì che Maresca ha arbitrato bene (pensa se arbitrava male) e che mo’ non è che siccome ce sta er VAR non se sbaglia più. Fessi noi che l’avevamo pensato.

Inter, girone (di Champions) infernale

Un girone dell’inferno come quello dell’Inter in Champions manco Dante se lo sarebbe immaginato. A una sola giornata dalla fine tutte le squadre se possono ancora qualificà tramite na serie de incroci che farebbe venì er mal di testa pure ar più sveglio dei matematici. Io sinceramente c’ho capito poco delle combinazioni ma l’unica cosa sicura è che l’Inter deve vince se vole passà, poi per il resto se vedrà. Però ‘na menzione speciale va fatta pe’ lo Shaktar: prendere 10 goal in due partite dar Borussia M. e vincerle tutte e due cor Real Madrid non è cosa da tutti. Giù er cappelo.

Ibra sfida la neve

Mentre er Milan continua a vince e a dominà il campionato pure senza de lui, Ibra brucia le tappe pe’ recuperà dall’infortunio. E non sarà certo er campo coperto di neve a fermallo. St’omo secondo me va studiato, perchè nun po esse completamente umano. Lui corre, a maniche corte, co un infortunio muscolare e scrive: “Provate a fermarmi”. Nun so voi, ma io non ce proverei.

Serie A: che classifica!

Dietro ar Milan capolista s’è scatenata na bagarre degna delle migliori de gare de Motomondiale ( Guido Meda sarebbe fiero de me). Dall’Inter alla Lazio ce stanno sei squadre in 4 punti: tutte le big più la sorpresa Sassuolo, che pure stavorta se conferma mettendo i bastoni tra le ruote alla Roma. Un campionato così equilibrato non se vedeva da tanto tempo e, pure se stamo ancora a un quarto della stagione, sta Serie A promette de regalacce no spettacolo che mancava da troppo tempo. Finalmente.

Balotelli: ultima chance

Una delle notizie più chiacchierate della settimana è stata quella der ritorno de Balotelli. Alla fine pure stavorta er buon Raiola è riuscito a trovà na squadra che credesse ancora ne sto ragazzo che sta a fa na carriera alla Benjamin Button. Ogni vorta na squadra de livello più basso (co tutto er rispetto), ma questa sembra esse davvero l’ultima possibilità pe trovà un riscatto. Mario ripartirà dar Monza, in Serie B, dove ritrova Galliani e Berlusconi. Co’ i suoi mezzi in Serie B potrebbe fà davvero quello che vuole, ma na cosa è certa: se dovesse fallì de novo non ce sarebbe n’artra occasione.

Da non perdere