Coronavirus, Lamorgese positiva al tampone: sospeso il consiglio dei ministri

Anche Luigi Di Maio e Alfonso Bonafede, seduti accanto alla ministra, hanno abbandonato palazzo Chigi per mettersi in isolamento fiduciario

luciana lamorgese

Foto Getty Images | Stefano Guidi

Il Consiglio dei ministri, in corso oggi a Palazzo Chigi, è stato sospeso. La ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, presente in aula, ha appreso di essere positiva al Covid e ha dovuto abbandonare immediatamente il vertice. Il consiglio, iniziato in tarda mattinata per discutere del Recovery plan, è stato sospeso e poi rinviato a domani, 8 dicembre, in videoconferenza.

Luciana Lamorgese positiva al covid

Secondo quanto trapelato da alcune fonti di governo, come riporta La Repubblica, Luciana Lamorgese avrebbe appreso di essere positiva da un articolo online di un giornale. Altre fonti sostengono, invece, che la comunicazione sia arrivata direttamente dal medico. La ministra, che ha sempre usato Dpi e rispettato le regole di distanziamento, si era sottoposta questa mattina a un tampone molecolare presso gli uffici del ministero dell’Interno: una routine ormai consolidata che si ripete ogni 10 giorni.

Tamponi per Di Maio e Bonafede

A scopo precauzionale, anche i ministri degli Esteri Luigi Di Maio e della Giustizia Alfonso Bonafede, seduti accanto alla ministra Lamorgese per circa 4 ore, hanno abbandonato palazzo Chigi per mettersi in isolamento fiduciario. Intanto sono stati disposti tamponi per tutti i presenti al Consiglio dei ministri, compresi il premier Conte e i ministri presenti a Palazzo Chigi. Prevista anche la sanificazione dell’aula in cui era riunito il consiglio dei ministri.

Il tweet della ministra Bellanova

La ministra sta bene e, attualmente risulta asintomatica, come confermato anche da un tweet della ministra delle Politiche Agricole Teresa Bellanova: “Un augurio di pronta guarigione alla Ministra Lamorgese, risultata positiva al covid, seppur asintomatica, e costretta a lasciare per questo il Consiglio dei Ministri. Cara Luciana, rimettiti, ti aspettiamo presto!“.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.

Da non perdere