Il governo Macron supera la mozione di censura della sinistra

L’alleanza Nupes è stata lasciata sola in quella che definisce una “mozione di sfiducia” contro il primo ministro francese del governo Macron, Élisabeth Borne.

Macron
Macron – NanoPress.it

Né i conservatori né l’estrema destra hanno sostenuto l’iniziativa. Il primo ministro francese, Élisabeth Borne, lunedì ha superato facilmente la prima mozione di censura contro il suo governo, pur non avendo più la maggioranza assoluta nell’Assemblea nazionale.

L’alleanza di sinistra Nupes è rimasta sola nel voto contro il governo francese

L’alleanza di sinistra Nupes è rimasta sola nel voto a favore di un’iniziativa che ha presentato come una “mozione di sfiducia” nei confronti dell’Esecutivo e un “momento di chiarimento” delle forze di opposizione, dopo il rifiuto di Borne di sottoporre il suo Gabinetto a un voto di fiducia quando, la scorsa settimana, ha presentato la sua tabella di marcia all’Assemblea nazionale.

Il capo del governo ha condannato l’iniziativa che, come annunciato, non è stata sostenuta dagli altri gruppi parlamentari. Secondo Borne, la sinistra ha presentato una “mozione di posizionamento” che, ha detto, non offre alcuna alternativa di governo né cerca altro che “ostacolare” il lavoro dell’Esecutivo.

Dopo un acceso dibattito parlamentare, la mozione di censura ricevette 146 voti, ben lontani dalla maggioranza assoluta di 289 che avrebbe avuto bisogno per avanzare. In Francia, con una mozione di censura votano solo i deputati che sostengono l’iniziativa. Né i repubblicani conservatori (LR) né il National Rally (RN) di Marine Le Pen hanno votato. Visto il risultato, nemmeno tutti i membri del Nupes, che conta 151 deputati.

Mathilde Panot, presidente del gruppo parlamentare di France Insumisa, forza trainante dell’alleanza Nupes composta anche da socialisti, ambientalisti e comunisti (sebbene ognuno abbia un proprio gruppo parlamentare), aveva giustificato il provvedimento all’inizio della sessione in il volto della “prepotenza” di un governo che “non è cambiato nella forma e nella sostanza”.

Ha accusato Borne di costituire una “anomalia democratica” non sottoponendo il suo gabinetto all’approvazione parlamentare, una tradizione ma non un obbligo ai sensi della Costituzione francese.“Non trai la tua legittimità dalle elezioni legislative o dal Parlamento, a cui non hai nemmeno chiesto se si fidava di te per guidare la politica nazionale. In altre parole, sei un’anomalia democratica”, ha accusato Panot.

Borne una “anomalia democratica

La deputata ribelle ha anche avvertito l’opposizione dell’arco di destra di non appoggiare la mozione di diventare così un’alleata del governo. “Chi non voterà su questa mozione di sfiducia sosterrà la politica” di Borne, saranno “i partigiani della politica per i ricchi”, ha affermato. Una minaccia che è caduta nel vuoto.

Elisabeth Borne
Elisabeth Borne – NanoPress.it

“Non voteremo a favore di questa mozione di censura. Non uniremo la nostra voce a quella dell’estrema sinistra”, ha affermato a sua volta la deputata conservatrice Michèle Tabarot. Il deputato di RN Alexandre Loubet ha accusato Nupes di “prendere in giro il popolo francese” e di voler “far saltare in aria le istituzioni” del paese.

Il premier, in un discorso costantemente interrotto dalle grida dell’opposizione, ha accusato Nupes di dare la priorità alle “tattiche politiche rispetto alle priorità dei francesi” imponendo una “mozione di censura a priori” – presentata pochi minuti prima che Borne annunciasse la sua tabella di marcia —che dal suo punto di vista non fa altro che «ostacolare il lavoro parlamentare e la volontà dei francesi».

Perché, ha proseguito, il governo di Emmanuel Macron potrebbe non aver raggiunto la maggioranza assoluta, ma ha una maggioranza relativa alla Camera con 250 deputati, 99 in più di Nupes. “I francesi sono stufi di dialoghi e atteggiamenti sterili”, ha lamentato Borne. Il premier ha ricordato che nelle recenti elezioni legislative nessuna forza politica ha raggiunto una maggioranza sufficiente per legiferare da sola.

Dal suo punto di vista, era un “messaggio chiaro” che i francesi volevano l’impegno di tutte le forze. E questo è qualcosa che la sinistra, “che non ha vinto né le elezioni presidenziali né quelle legislative”, sta ignorando, lamenta Borne.