Il destino degli oligarchi ucraini inizia a cambiare

Finora onnipotenti, gli oligarchi, gli uomini più ricchi dell Ucraina subiscono pesanti perdite a causa dell’invasione russa, mentre il governo Zelensky e Bruxelles li mettono nel mirino.

Viktor Yanukovich
Viktor Yanukovich – NanoPress.it

Nella stanza dell’ex presidente Viktor Yanukovich, nella sua residenza alla periferia di Kiev, non c’è traccia dei Picasso appesi alle sue pareti. Sì, ci sono i giganteschi spogliatoi vuoti in cui la fidanzata del presidente aveva un angolo con capienza per mille vestiti. O decorazioni d’oro e tanti, tanti televisori. Nei 2.500 metri quadrati in cui la coppia ha vissuto più che comodamente, c’erano fino a 18 dispositivi Samsung, a volte diversi nella stessa stanza. I libri, invece, erano praticamente inesistenti. Ma gli oggetti più preziosi – opere d’arte, mobili, gioielli – non ci sono più.

Viktor Yanukovich e le ricchezze da mille e una notte

L’ex presidente li portò nel suo frettoloso volo in Russia, durante la rivolta di Maidan del 2014 che avrebbe cambiato la storia del Paese. Chiunque sia curioso, può vedere su YouTube come gli aiutanti di Yanukovich hanno caricato camion per tre giorni per portare il bottino di tanti anni di saccheggio fuori dal paese. Dopo la sua partenza, cittadini sconvolti entrarono nel palazzo per scoprire l’ostentazione spudorata in cui viveva il loro capo.

La casa in cui Yanukovich trascorreva i suoi giorni di relax è molto più di una casa. Non solo perché nei 150 ettari della Residenza Mezhyhirya c’era spazio per uno zoo —con i suoi amichevoli struzzi che sono ancora lì oggi, imperterriti dagli shock che sta vivendo l’Ucraina—, un museo con le auto di lusso che l’ex presidente ha raccolto, un eliporto, un campo da tennis, due enormi campi da golf, una spa con diverse saune e 40 attrezzature sportive, un poligono di tiro, infinite fontane e laghi e persino una montagna artificiale con la sua cascata.

Tutto questo, solo per l’uomo che ha governato l’Ucraina e la sua ragazza. Se i suoi figli gli facevano visita, dormivano in un’altra casa. Il presidente russo Vladimir Putin aveva anche un’altra residenza nel complesso, nel caso fosse andato a Kiev. “Durante la costruzione, si stimava che ogni giornata di lavoro costasse due milioni di dollari. Sarebbe impossibile calcolare il valore di tutto questo”, certifica la guida Genadii Nikolaenko. Sin dal suo volo in Russia, Yanukovich è stato un emarginato in Ucraina.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.it

Ma Rinat Akhmetov, l’oligarca che lo ha sponsorizzato nella sua carriera politica, catapultandolo al vertice, è ancora oggi la prima fortuna del suo Paese, con un patrimonio che Forbes ha stimato lo scorso anno in circa 7,6 miliardi di dollari. Akhmetov è il nome più importante nell’elenco degli oligarchi ucraini che, con la loro rete di società e relazioni, controllano il Paese. Ma la fortuna sembra cambiare per questo gruppo selezionato di oligarchi ucraini. Diversi fattori minacciano la posizione degli uomini che finora hanno definito la mappa del potere, che sono anche riusciti a creare partiti che obbedissero ai loro interessi personali.

Zelensky vuole diminuire il potere degli oligarchi ucraini

Da un lato, la guerra lanciata dalla Russia colpisce alcuni nervi vitali delle sue finanze. E dall’altro, la pressione politica simultanea di Kiev e Bruxelles minaccia di fare loro ancora più danni, un cocktail pericoloso per coloro che si sono riempiti le tasche con le privatizzazioni degli anni ’90, dopo il crollo dell’Unione Sovietica.”Per capire il ruolo degli oligarchi ucraini basti pensare all’Europa medievale, con i re che si contendevano il potere con i feudatari”, spiega Volodímir Yermolenko, direttore del sito Ukraine World, da una placida terrazza a Kiev.

Questo giornalista ammette che lo strapotere di questo ristretto numero di persone è un peso per il Paese, ma ritiene anche che, in una certa misura, la competizione tra i potenti presupponga una sorta di gioco di equilibri, che impedisca la deriva autoritaria del Paese, come in Russia, dove tutti gli oligarchi sono soggetti alla volontà del Cremlino. Akhmetov è il proprietario, tra le altre cose, dell’Azovstal, l’acciaieria diventata famosa nel mondo per essere diventata l’ultimo centro di resistenza contro i russi a Mariupol, nel sud dell’Ucraina.

Questo gigantesco complesso, una delle basi della fortuna di Akhmetov, generava decine di migliaia di posti di lavoro, produceva il 40% dell’acciaio del Paese e aveva un proprio porto sul Mar d’Azov. A maggio, il magnate, che in precedenza vantava legami privilegiati con Mosca – e che ha sponsorizzato Yanukovich – ha annunciato una causa da 17-20 miliardi di dollari contro la Russia per la distruzione dell’impianto e di altri beni nell’area del Donbass. Alcuni analisti stimano che dall’inizio della guerra Akhmetov abbia perso due terzi della sua fortuna.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

Un altro caduto in disgrazia tra gli oligarchi ucraini è Víktor Medvedchuk, il miliardario ucraino più vicino a Putin, arrestato ad aprile con l’accusa di “alto tradimento” dalle autorità di Kiev. Gli oligarchi non sono solo perseguitati da problemi finanziari. Forse più pericolosa per i loro interessi è la crociata politica contro di loro. Nel novembre dello scorso anno, prima che le truppe russe entrassero con il sangue e il fuoco, il presidente Volodímir Zelenski aveva già promosso una legge per ridurre il peso degli oligarchi, un gruppo che comprendeva una quarantina di persone con una fortuna in più di 90 miliardi di dollari e che partecipano ad attività politiche.

Più di 90 miliardi di dollari il parimonio degli oligarchi ucraini

Alcune voci critiche hanno sottolineato che, con questa iniziativa, Zelensky non cercava di bilanciare la mappa del potere, ma piuttosto di minare l’influenza dell’ex presidente Petro Poroshenko. Lo stesso Zelensky ha anche un gruppo di oligarchi intorno a lui. Oltre a guidare l’opposizione, Poroshenko è uno degli uomini più ricchi del Paese grazie a un impero di dolci, automobili, media e molto altro ancora. Il magnate rischia fino a 15 anni di carcere per alto tradimento per l’acquisto di carbone dai separatisti filorussi di Donetsk.

Prima della guerra, i giardini che testimoniavano gli eccessi di Yanukovich erano pieni di famiglie che facevano picnic. Questo luogo, che la guida considera “l’ombelico dell’Ucraina”, a causa di una storia che risale al 12° secolo, quando vi fu fondato un monastero, è ora un museo pubblico e servì da rifugio quando le truppe russe si avvicinarono a Kiev.

Ma simboleggia anche l’ascesa e la caduta dell’uomo che voleva controllare l’intero paese. Yanukovich, nelle parole del giornalista Yermolenko, ha cercato di essere re e feudatario allo stesso tempo. La domanda è se gli oligarchi che lo hanno accompagnato nella sua carriera, sapranno adattarsi ai nuovi tempi di un’Ucraina sempre più europea o se cadranno nel dimenticatoio.