Il Consiglio di Stato assegna nuovamente le autostrade A24/A25 all’Anas

Più di 20 anni fa, la concessione per le autostrade A24 e A25 era stata data in mano a Strada dei parchi spa. Ad oggi però le situazioni sono cambiate e il Consiglio di Stato ha deciso di ridarle all’Anas. Questa è la decisione presa per le autostrade abruzzesi e laziali.

Autostrada
Autostrada – Nanopress.it

A quanto pare dopo più di 20 anni, la gestione delle autostrade abruzzesi e laziali A24 e A25 cambierà.

Infatti passeranno dal controllo di Strada dei parchi spa all’Anas.

Il contratto quindi si concluderà con 8 anni di anticipo rispetto a quanto stabilito inizialmente.

Il contratto infatti cesserà quest’anno invece che nel 2030 come era stato firmato inizialmente.

Ovviamente l’azienda che possiede attualmente la gestione di queste autostrade ha impugnato il provvedimento.

Vediamo cosa sta succedendo e quali saranno i possibili riscontri in merito alla situazione di oggi.

Strada dei parchi spa si oppone

In base a quanto era stato stabilito nel 2000, Strada dei parchi spa, avrebbe dovuto tenere in gestione queste due importanti autostrade per 30 anni.

Il contratto stipulato infatti sarebbe dovuto scadere il 2030, ma non sarà così.

Infatti si è decisi di cambiare la gestione delle due autostrade e di darle in mano all’Anas.

Questa sembrerebbe essere la decisione irrevocabile del Consiglio di Stato.

A quanto pare però la società non ha preso bene questa decisione ed ha infatti impugnato il provvedimento, in quanto gli spetterebbe ancora 8 anni di gestione.

Il 20 settembre è stata fissata l’udienza in merito. 

Il Consiglio di Stato non si smuove

Consiglio di Stato ovviamente si dice contrario a lasciare le autostrade A24/A25 in mano all’azienda.

Il Consiglio ha infatti deciso di passare tutto nelle mani dell’Anas. 

Macchine anas
Macchine anas – Nanopress.it

La scelta sarebbe avvenuta per dare la priorità alla sicurezza, alla continuità e alla circolazione sulle autostrade.

Si parla non solo di gestione, ma anche di controllo e tutela dei guidatori e passeggeri.

Queste le motivazioni della scelta forte comunicata dal Consiglio di Stato in merito alla gestione di queste autostrade.

Si parla infatti di una tematica molto delicata e allo stesso tempo complicata di cui si parla ultimamene.

Il Consiglio di Stato però non sembra smuoversi dalla sua decisione di portare tutta la gestione delle autostrade abruzzesi e laziali all’Anas.

In seguito al comunicato, vi è stata una repentina risposta di Strada dei parchi spa ovviamente contraria alla decisione.

Si attende perciò l’udienza fissata a settembre e 2022 per decidere chi manterrà la gestione di questi due grandi tronchi di autostrade.