Hong Kong: braccialetti elettronici per chi è in isolamento domiciliare per il Covid

Hong Kong: braccialetti elettronici per monitorare i pazienti affetti da Covid e costretti all’isolamento domiciliare.

Braccialetto elettronico
Braccialetto elettronico – Nanopress.it

Braccialetti elettronici per monitorare i pazienti affetti da covid e sottoposto a isolamento domiciliare. Questa la decisione intrapresa, dal nuovo ministro della sanità cinese, Lo Chung-mau. L’app LeaveHomeSafe dedicata al tracciamento dei contatti e dei codici sanitari è utilizzata per identificare le persone infette o in quarantena.

Hong Kong, braccialetti elettronici per monitorare i pazienti Covid

Le persone in isolamento domiciliare – a causa del contagio da Covid – dovranno indossare un braccialetto elettronico affinché le autorità si assicurino che non lascino la loro casa se positivi al virus.

Parlando al briefing di routine sul Covid-19, Lo Chung-mau ha detto ai giornalisti che lo scopo di richiedere agli utenti di registrare i loro veri nomi su LeaveHomeSafe era quello di “identificare i casi confermati e le persone che devono sottoporsi alla quarantena” e “non di rintracciarli“.

Non limiterà la libertà della maggior parte delle persone, che non sono né infette né obbligate a isolarsi“, ha detto Lo. L’app verrà – inoltre – aggiornata per introdurre un sistema di codici sanitari simile a quello utilizzato nella Cina continentale.

Covid-19
Covid-19 – Nanopress.it

L’applicazione del codice rosso

Secondo Lo, a coloro che restituiranno risultati positivi dei test sarà conferito un codice rosso. Sarà impedito loro di entrare in una lista di locali, compresi i luoghi “ad alto rischio” come ospedali e case di cura. Inoltre, tutti i viaggiatori in arrivo riceveranno un codice giallo.

Non si sa ancora quando l’app di monitoraggio dei casi positivi si aggiornerà, per permettere ai pazienti di inserire il loro vero nome. Inoltre Lu non ha spiegato cosa implicheranno i codici rosso e giallo nello specifico in termini di accesso alle sedi.

Nessun codice rosso “senza motivo”

A RTHK, Lo ha affermato che l’obiettivo del sistema del codice sanitario proposto era identificare le persone infette poiché “non dovrebbero avere la libertà di andare da nessuna parte a piacimento e influenzare la salute degli altri“.

Il capo della sanità ha sostenuto che le autorità non avrebbero emesso codici rossi “senza motivo“, aggiungendo che sperava che i cittadini non sarebbero stati “indotti in errore” nel pensare che il loro codice sarebbe diventato arbitrariamente rosso o giallo.

Le autorità dell’Henan, in Cina, sono state accusate di aver sfruttato il sistema del codice sanitario per reprimere le proteste del mese scorso, facendo diventare rossi i codici dei manifestanti per allontanarli definitivamente dagli spazi pubblici.