Haiti: 471 tra morti, feriti e dispersi in una nuova ondata di terrore

Ad Haiti gli attacchi tra bande seminano il terrore nella capitale del Paese caraibico. Ogni giorno che passa la situazione ad Haiti avanza un po’ di più verso l’ingovernabilità.

Poliziotti presidiano una strada della capitale di Haiti
Poliziotti presidiano una strada della capitale di Haiti – NanoPress.it

Alle dozzine di agenti di polizia uccisi negli ultimi mesi si aggiunge il duro confronto tra bande a Port-au-Prince, che ha provocato 471 morti, feriti o dispersi in soli nove giorni, secondo le Nazioni Unite. Secondo l’Onu, gli eventi violenti sono stati registrati tra l’8 e il 17 luglio e le rivolte comprendono altre 3.000 persone che hanno dovuto lasciare le loro case.

Dall’assassinio del presidente Jovenel Moïse, la situazione politica ed economica di Haiti è stata colpita ancora più duramente

In questo contesto, il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite ad Haiti, Ulrika Richardson, ha invitato le parti coinvolte negli scontri a porre fine alle violenze e garantire un corridoio umanitario alla comune di Cité Soleil, situata nell’area metropolitana di Haiti, la capitale, Port-au-Prince. Richardson ha sottolineato che i bisogni nell’area sono “immensi e in crescita a causa della povertà, della mancanza di servizi di base, compresa la sicurezza e del recente aumento della violenza”.

Dall’assassinio del presidente Jovenel Moïse, la situazione politica ed economica sempre turbolenta di Haiti è stata colpita ancora più duramente. Il vuoto di potere è degenerato in una crisi di sicurezza, con omicidi e rapimenti quotidiani, soprattutto in vaste aree della capitale.Le cosche hanno preso il controllo di importanti aree della capitale, sottoponendo la popolazione a sequestri e violenze.

L’arrivo di carburante e altri rifornimenti è controllato dal porto, sotto il controllo delle cosche, che hanno causato carenze di prodotti di base in diversi paesi mentre la popolazione trattiene il fiato cercando di uscire di casa il meno possibile. La situazione è diventata così disperata che i tentativi di lasciare il Paese includono anche il mare attraverso barche precarie piene di persone.

3 giorni fa le squadre di soccorso delle Bahamas hanno trovato i corpi di 17 migranti

Domenica le squadre di soccorso delle Bahamas hanno trovato i corpi di 17 migranti e hanno soccorso altri 25 sopravvissuti dopo che una barca si è capovolta al largo delle coste delle Bahamas. Le autorità ritengono che praticamente tutti gli occupanti siano haitiani e tra i deceduti ci fossero 15 donne, un uomo e un bambino, secondo una dichiarazione ufficiale condivisa su Twitter dal primo ministro delle Bahamas, Philip Davis, in cui elenca anche i 25 persone soccorse.

Jovenel Moïse
Jovenel Moïse – NanoPress.it

Le squadre di soccorso stanno anche cercando almeno una persona scomparsa. Secondo le indagini, la barca era partita da New Providence, l’isola più popolata dell’arcipelago delle Bahamas, all’alba di domenica con circa 60 persone a bordo e diretta a Miami, nello stato della Florida, ma si è capovolta poco dopo 11 chilometri da l’isola. Le autorità dell’arcipelago hanno annunciato un’indagine “per accertare tutte le circostanze che circondano una presunta operazione di traffico di esseri umani che ha causato” la morte di immigrati.

I trafficanti di esseri umani utilizzano il territorio delle Bahamas – un gruppo di isole al largo della costa della Florida – come punto di partenza per portare i migranti negli Stati Uniti. La guardia costiera statunitense ha intercettato a marzo una piccola imbarcazione che trasportava 123 persone al largo di Caye Anguilla, nelle Bahamas occidentali, e pochi giorni prima ha arrestato più di 140 persone al largo di Andros, l’isola più grande dell’arcipelago.

Il primo ministro haitiano Ariel Henry ha lamentato la morte dei 17 immigrati attraverso il suo account Twitter. “Questa nuova tragedia rattrista l’intera nazione”, ha detto l’alto funzionario.