Gustavo Petro o Rodolfo Hernández, un presidente per unire la Colombia

I colombiani votano oggi per eleggere Gustavo Petro o Rodolfo Hernández, un capo di Stato della sinistra e un candidato populista. E ci arrivano esausti e storditi. La campagna più strana che si ricordi nel Paese, ha lasciato una sensazione di irrealtà.

Gustavo Petro
Gustavo Petro – NanoPress.it

Fino allo spoglio dei voti di stasera, le certezze non esistono. Gustavo Petro e Rodolfo Hernández, due candidati presidenziali senza precedenti, per un Paese sempre gestito dall’élite conservatrice, si affrontano alle urne dopo una battaglia che i sondaggi hanno messo in parità.

Gustavo Petro o Rodolfo Hernández, due candidati ai poli opposti

Petro affronta quella che sarà sicuramente la sua ultima possibilità. Il leader attorno al quale si è fusa la sinistra colombiana non è mai stato così vicino alla presidenza. È riuscito a passare come vincitore al secondo turno con un clamoroso 40% dei voti tre settimane fa. Una grande maggioranza, ma insufficiente per vincere. Gli analisti si chiedevano se quello fosse il tetto massimo per Petro.

Petro pensava che avrebbe affrontato ciò che ha combattuto per tutta la sua vita politica: l’Uribismo, i partiti tradizionali, l’élite politica, l’establishment. Ma tutto ciò, racchiuso in questa campagna nella figura di Fico Gutiérrez, era già sconfitto. Petro ha combattuto con i fantasmi. Il 60% del Paese ha votato per un cambio in prima classe e chi non vuole Petro (e sono tanti) ha scelto lo sboccato e dirompente Rodolfo Hernández come cavallo di Troia.

Un candidato in stile trumpista che ha ricevuto silenziosamente abbastanza voti per arrivare a questo ballotaggio. La breve campagna del secondo turno di Hernández è sembrata molto lunga. Se la votazione si fosse svolta una settimana dopo il primo turno, avrebbe vinto con un certo margine. Ma ce n’erano altri due più avanti e in quel momento l’attenzione cadde su di lui.

Sono emersi video delle sue controversie come sindaco di Bucaramanga e la sua popolarità è diminuita. Anche le bestemmie contro la Vergine Maria in un programma televisivo, e in un paese così cattolico non hanno aiutato. La strategia di Petro è stata quindi quella di concentrarsi sul suo avversario invece che su di lui, decisione non facile per chi pensa alla sua figura nei termini di Wikipedia.

Il plebiscito, pensavano i suoi strateghi, ora non dovrebbe riguardare Petro ma Rodolfo. Ciò ha equalizzato le forze e le ha fatte arrivare a centimetri l’una dall’altra. Le persone hanno paura. Alcuni perché vinca Petro, altri perché lo faccia Rodolfo. Tutti sperano che la tensione risvegli l’esplosione sociale e l’insoddisfazione riprenda le strade. La possibilità di una vittoria di misura per uno qualsiasi dei candidati, o l’opzione che uno di loro non accetti il ​​risultato, potrebbe sopraffare la tensione e risvegliare la protesta che è una realtà latente in Colombia dal 2019.

Rodolfo Hernandez
Rodolfo Hernandez – NanoPress.it

La stessa che nel 2021 ha paralizzato intere città del Paese, lasciando decine di morti, la maggior parte giovani, vittime della repressione poliziesca. Ciò ha creato il senso di urgenza storica. Non sono elezioni qualsiasi con i soliti candidati.

In gioco c’è la riattivazione del processo di pace

In gioco c’è la riattivazione del processo di pace frenato dall’attuale governo di Iván Duque, la promozione di una riforma fiscale che aiuti a riequilibrare i conti deficitari dello Stato e la ricerca di meccanismi per l’integrazione di un giovane senza lavoro o senza accesso agli studi universitari che formi una grande massa critica con l’ordine stabilito.

Chi diventa presidente ha il compito di ricucire un Paese che inaugura con ansia un nuovo ciclo. Gli indecisi hanno l’ultima parola. Alcuni sondaggi li calcolano al 10%, che può sbilanciare l’equilibrio da una parte o dall’altra. Petro si è dato il compito di convincerli che se non vogliono votarlo in nessun caso, non devono neanche votare un candidato che ha dimostrato di essere ignaro del funzionamento di base di alcune istituzioni statali, e che sta portando un serio caso di corruzione, per il quale sarà giudicato entro un mese.

Hernández ha dichiarato che in caso di vittoria avrebbe governato part-time tra Bogotá e una fattoria della sua città. Una frase molto sentita in questi giorni per strada è che nessuno dei due è convincente e che la logica del male minore verrà applicata in molti casi. La sinistra colombiana non si era mai trovata in una situazione del genere, a pochi metri dall’insediamento di un presidente. Il potere gli sembrava proibito.

Ci sono stati governi progressisti, ma mai apertamente di sinistra. Con la guerriglia delle FARC, questa opzione politica è stata associata alla violenza. La militanza di Petro nell’M-19, una guerriglia urbana a vocazione democratica, aiuta a mantenere quello stigma. Ciò che è considerato normale in altri paesi, come le proteste per le strade, è descritto in Colombia come un atto di pericolosa sovversione.

Petro ha interiorizzato che questo e nessun altro è il suo momento, il momento della verità. Sarebbe ironico se fosse sconfitto da un candidato più populista di quanto non fosse quando ha abbracciato dottrine più sbilenche. In ogni caso, essere arrivati ​​così lontano significa sostenere che governi di diversi colori possono alternarsi nel Paese senza che ciò comporti una tragedia.