Griner: la star del basket USA appare in un tribunale russo

Più di quattro mesi dopo essere stata arrestata in un aeroporto di Mosca per possesso di cannabis, un tribunale russo ha fissato la data di inizio del processo penale contro la star del basket statunitense Brittney Griner per il 1° luglio. 

Brittney Griner
Brittney Griner – NanoPress.it

Alla star di Phoenix Mercury è stato anche ordinato di rimanere in custodia per tutta la durata del suo processo penale. Potrebbe rischiare 10 anni di carcere se condannata con l’accusa di trasporto su larga scala di droga. Meno dell’1% degli imputati nei procedimenti penali russi viene assolto e, a differenza degli USA, le assoluzioni possono essere annullate. Lunedì, il tribunale del sobborgo moscovita di Khimki ha esteso la detenzione di Griner per altri sei mesi, dopo che è apparsa per un’udienza preliminare tenutasi a porte chiuse.

Brittney Griner rischia fino a 10 anni di carcere

Le foto ottenute dall’AP la mostrano in manette. A Griner era stato precedentemente ordinato di rimanere in custodia cautelare fino al 2 luglio. La detenzione e il processo di Griner arrivano a un punto straordinariamente basso nelle relazioni Mosca-Washington.

È stata arrestata all’aeroporto Sheremetyevo di Mosca meno di una settimana prima che la Russia inviasse truppe in Ucraina, il che ha aggravato le già alte tensioni con sanzioni radicali da parte degli Stati Uniti, e la denuncia da parte della Russia delle forniture di armi statunitensi all’Ucraina. Molti amici e tifosi della cestista sperano che si raggiunga un accordo, come spesso succede tra Usa e Russia, cercando di trovare una possibile soluzione con uno scambio di prigionieri.

Tra le tensioni, i sostenitori di Griner avevano tenuto un profilo basso nella speranza di una soluzione tranquilla, fino a maggio, quando il Dipartimento di Stato l’ha riclassificata come detenuta ingiustamente, e ha trasferito la supervisione del suo caso al suo inviato presidenziale speciale per gli affari degli ostaggi. Quella mossa ha attirato ulteriore attenzione sul caso di Griner, con i sostenitori che incoraggiano uno scambio di prigionieri come quello di aprile che ha portato a casa il veterano dei marine Trevor Reed, in cambio di un pilota russo condannato per cospirazione per traffico di droga.

I media russi hanno ripetutamente sollevato la speculazione secondo cui potrebbe essere scambiata con il commerciante di armi russo Viktor Bout, soprannominato “Il mercante di morte”, che sta scontando una condanna a 25 anni, con l’accusa di cospirazione per uccidere cittadini statunitensi e fornire aiuti a un’organizzazione terroristica. La Russia ha agitato le acque per il rilascio di Bout per anni.

Si pensa ad uno scambio di detenuti

Ma la discrepanza tra il caso di Griner – presumibilmente è stata trovata in possesso di cartucce di vaporizzatori contenenti olio di cannabis – e gli affari globali di Bout in armi mortali potrebbero rendere sgradevole uno scambio del genere per gli USA. Altri hanno suggerito che potrebbe essere scambiata in tandem con Paul Whelan, un ex direttore della Marina e della sicurezza che sconta una condanna a 16 anni per spionaggio che gli Stati Uniti hanno più volte descritto come una montatura.

Antony Blinken
Antony Blinken – NanoPress.it

Il segretario di Stato americano Antony Blinken, domenica alla CNN, ha chiesto se fosse stato preso in considerazione uno scambio congiunto di Griner e Whelan per Bout, ha aggirato la domanda. “Come proposta generale non ho priorità più alta che assicurarmi che gli americani che sono detenuti illegalmente in un modo o nell’altro in tutto il mondo tornino a casa”, ha detto.

Ma “Non posso commentare in dettaglio ciò che stiamo facendo, tranne per dire che questa è una priorità assoluta”. Apparentemente qualsiasi scambio richiederebbe che Griner venga prima condannato e condannato, quindi richiedere la grazia presidenziale, ha detto al canale televisivo RT, finanziato dal Cremlino, Maria Yarmush, un avvocato specializzato in affari civili internazionali.