Grassano, barista ucciso a coltellate: fermato un giovane di 20 anni

Omicidio nella tarda serata di domenica, 2 ottobre, a Grassano, provincia di Matera. La vittima è un barista di 35 anni, Mario Marchetta. Da pochi mesi era tornato in Basilicata, dopo aver lavorato all’estero e in altre regioni d’Italia. 

carabinieri
Carabinieri – Nanopress.it

Al momento i militari dell’Arma hanno fermato un ragazzo di 20 anni, che si è costituito, per interrogarlo. Non sono chiare le motivazioni del gesto che hanno portato all’omicidio del 35enne.

Omicidio a Grassano: barista ucciso a coltellate

Omicidio nella tarda serata di domenica, 2 ottobre, a Grassano, provincia di Matera. Un barista di 35 anniMario Marchetta – è stato ucciso con diverse coltellate, mentre si trovava a lavoro nella sua attività commerciale, il bar Kilo.

Fatali sarebbero state due coltellate inferte all’addome. Il barista è stato trasferito d’urgenza all’ospedale di Tricarico, dove è arrivato in condizioni disperate. L’uomo è morto poco dopo il suo arrivo nel nosocomio.

20enne si consegna ai Carabinieri

I carabinieri dell’Arma hanno fermato un ragazzo di 20 anni, per interrogarlo. Sarebbe stato proprio il giovane – accompagnato dal suo avvocato – a consegnarsi ai militari. Al momento le indagini si concentrano su di lui, anche se non sono ancora noti i motivi del gesto.

il bar della vittima
Il bar della vittima – Nanopress.it

Dai primi riscontri, sembra che la vittima si sia rifiutata di dare da bere al giovane, perché già visibilmente alterato. Questo sarebbe andato via, per poi rientrare qualche minuto dopo, impugnando un coltello da cucina, con cui avrebbe inferto diverse coltellate a Marchetta.

Al momento della violenta aggressione, pare che il bar fosse vuoto. Il killer si è dato alla fuga, per poi consegnarsi poco dopo ai militari dell’Arma.

Il sindaco di Grassano ha proclamato il lutto cittadino per il giorno dei funerali.

“In questo momento le frasi di circostanza potrebbero essere tante, preferiamo, attoniti, pregare insieme alla sua famiglia, certi che la giustizia farà il suo corso, affinché riposi in pace

ha scritto il primo cittadino in un lungo post sui social, a nome dell’amministrazione di Grassano.

Marchetta era stato fuori per diversi anni, sia all’estero che in altre regioni d’Italia, e nel 2021 era tornato in Basilicata, dove aveva avviato la sua attività nella cittadina materana. Un desiderio – quello di aprire un bar tutto suo – che aveva coltivato a lungo, fino a quando  non era riuscito nel suo intento. Sotto choc i suoi concittadini e la comunità di Grossano, dove la vittima era molto conosciuta.