Gran Bretagna, ecco come viene scelto un nuovo leader conservatore

Dopo le dimissioni di Boris Johnson da capo del partito conservatore, preludio di nuove elezioni entro l’anno in Gran Bretagna, deve essere eletto un nuovo capo dei Tories.

Boris Johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

Tale processo avviene in due fasi: in primo luogo, i candidati vengono votati e, in secondo luogo, i militanti decidono tra i due candidati con il maggior sostegno. L’unico requisito per essere leader del Partito conservatore è essere membro della Camera dei Comuni e membro del partito per tre mesi prima delle elezioni.

Il partito ha 358 parlamentari attivi e ciascuno puà diventare leader, tranne Johnson

Il partito ha 358 parlamentari attivi e può essere uno qualsiasi di loro tranne Boris Johnson: le regole del partito escludono esplicitamente un leader dimissionario dal voto. L’elezione ha due turni o fasi. Il primo turno non ha regole fisse: queste sono preparate dal Comitato 1922 (che riunisce tutti i deputati che non fanno parte del Gabinetto, e quindi non sono obbligati a votare con il presidente del Consiglio) e sono presentate prima della votazione.

In linea di principio, il Comitato 1922 è in pausa fino a lunedì prossimo, quando dovrà eleggere la sua nuova dirigenza. L’obiettivo della prima fase è quello di selezionare i candidati fino a quando non ne rimangono solo due in lizza. Nell’ultimo processo di selezione, nel 2019, ogni candidato aveva bisogno del sostegno di altri otto deputati per potersi candidare. I deputati conservatori votano in turni successivi e i candidati meno votati vengono eliminati.

Nel 2019 sono stati eliminati al primo turno tutti i candidati con meno di 18 voti; nella seconda si eliminavano coloro che avevano meno di 36 voti, e nelle successive veniva eliminato il candidato con il minor numero di voti in ogni turno. Nel 2019 si sono svolte cinque turni di votazione; nel 2016 erano solo due.

Nella seconda fase, i circa 200mila militanti conservatori sono chiamati a scegliere tra i due candidati più votati. Nel 2019 Boris Johnson è stato eletto con quasi i due terzi dei voti: nel 2016 la seconda fase era superflua dopo le dimissioni di Andrea Leadsom a favore di Theresa May.

I conservatori della Gran Bretagna alla ricerca di un nuovo leader

L’ancora primo ministro britannico, Boris Johnson, ha incontrato il suo nuovo gabinetto questo giovedì pomeriggio dopo aver annunciato le sue dimissioni e li ha incoraggiati a continuare a lavorare nel governo. Lo ha fatto dopo aver annunciato questo giovedì alle 13:30 (12:30 ora di Londra) la sua partenza da leader del Partito conservatore (Tory) e che lascerà la carica di capo del governo, sebbene continuerà a guidare l’Esecutivo fino a quando il partito non avrà nominato un nuovo leader.

Chris Pincher
Chris Pincher – NanoPress.it

Prima della sua apparizione davanti al numero 10 di Downing Street, Johnson ha nominato giovedì un nuovo governo per sostituire i ministri dimessi. “Mi dispiace di non aver convinto i miei colleghi, di non poter continuare a guidare questi progetti e idee. Nessuno è indispensabile in politica”, ha condannato. La prossima settimana sarà annunciato il calendario previsto per la scelta del suo successore.

Schiacciato dalle pressioni del suo partito dopo diversi scandali e da quello dei suoi ministri e alti funzionari, che negli ultimi due giorni hanno inscenato una cascata di dimissioni, il leader uscente ha parlato prima con la regina Elisabetta II. Le sue dimissioni arrivano dopo gli scandali del partito e la sua posizione tiepida sulle accuse di molestie sessuali contro un alleato politico, il deputato conservatore Chris Pincher.

Questo caso ha accelerato una cascata di dimissioni iniziata martedì con quella di due pesi massimi, i vertici dell’Economia e della Salute, che ha causato le dimissioni a cascata di più di cinquanta posizioni di vertice all’interno della compagine governativa. A questo punto per Johnson non era più possibile andare ad un muro contro muro, come aveva fatto nelle ultime settimane. E quindi ha ceduto il passo. E fra poche settimane la Gran Bretagna avrà un nuovo leader conservatore.