Gran Bretagna: confronto Tv tra Sunak e Truss, che resta favorita

In Gran Bretagna, l’ex capo delle finanze, Sunak, aveva bisogno di un colpo vincente in un dibattito in cui la sfida era evitare di incrinare ulteriormente il partito.

Liz Truss
Liz Truss – Nanopress.it

Il primo dibattito televisivo dei due contendenti al titolo conservatore britannico ha certificato che la prova più delicata della successione di Boris Johnson, sarà quella di evitare che il duello incrini ulteriormente un partito ancora sotto shock, dopo aver portato a termine il regicidio.

Gran Bretagna: fra poco si conoscerà il successore di Boris Johnson

Per Liz Truss, attuale ministro degli Esteri e favorita nel cuore dei militanti, la sfida è leggermente più facile, poiché la sua sfida principale è stata semplicemente quella di evitare di sabotare il notevole vantaggio che tutti i sondaggi le danno sul rivale.

Di conseguenza, pur non vincendo uno scontro che, anche per il format stesso, si è concluso con un pareggio, potrebbe considerarlo una missione compiuta, poiché nulla nella sua esibizione l’ha portata via dal numero 10 di Downing Street, la residenza ufficiale di il primo ministro.

Al contrario, per Rishi Sunak, fino a tre settimane fa capo delle finanze, l’unica speranza per impedire l’incoronazione di Truss, era mettere fuori combattimento pubblicamente il suo avversario in forum come quello organizzato questo lunedì dalla BBC nella città inglese di Stoke on Trent.

Per questo ha cercato di capitalizzare il suo lavoro alla testa del Tesoro come leva per diventare il David che sconfigge Golia, ma per entrambi le cose continuano a girare. Fino a mercoledì scorso godeva del suo status di favorito di coloro che hanno votato, i deputati conservatori, contro una Truss che è riuscita a intrufolarsi nel duetto finale solo nell’ultima votazione.

Tuttavia, chi durante la pandemia era stato il bel ragazzo delle basi ha perso il suo splendore, e la militanza, secondo i sondaggi, preferisce il liberalismo impenitente del suo rivale, che ancora una volta ha promesso tagli alle tasse alla BBC dal primo giorno, come nonché annullare decisioni controverse del suo avversario, come l’aumento dei contributi per l’equivalente della previdenza sociale e dell’imposta sulle società.

Ed è che, come già accaduto nei dibattiti della fase parlamentare, l’economia e, soprattutto, la politica fiscale hanno messo a fuoco una battaglia che giova a Truss: mentre Sunak si rifiuta di abbassare le tasse finché l’inflazione non sarà sotto controllo, il ministro degli Esteri parla in il linguaggio preferito dei militanti conservatori, quello dei tagli alle tasse.

La riduzione delle tasse il cavallo di battaglia di Sunak

Il problema è che non è chiaro come li finanzierà, al di là dell’aumento del prestito, scommessa definita questo lunedì come “irresponsabile” da chi fino a tre settimane fa gestiva le finanze britanniche. Sunak ha cercato di vendere una mentalità strategica a lungo termine, dolore ora per un futuro meno ipotecato, posizione che, suo malgrado, ha aperto un fianco facile al contrattacco di Truss, che ha condannato: “la gente vuole vedere azioni urgenti, non vuole aspettare domani”.

Rishi Sunak
Rishi Sunak – NanoPress.it

Nessuno dei due è stato vittima di un errore che ha fatto deragliare le loro aspirazioni, ma non sono nemmeno riusciti a galvanizzare la campagna, ea volte gli estranei, come il prezzo dei suoi orecchini e dei suoi abiti, hanno minacciato di banalizzare il dibattito.

I loro slogan suonavano familiari e, al di là di anticipare che sarebbero stati disposti ad avere l’altro nel loro futuro gabinetto, l’unica novità strategica che hanno abbandonato è il modo in cui si vedono in gara: Sunak vuole pianificare un cambio di condotta dopo un premier che ha è caduto vittima dei suoi e il capo degli affari esteri si è presentato come il bastione della rivoluzione in materia politica.

Per l’ex ministro delle Finanze l‘idea è delicata soprattutto perché sta pagando a caro prezzo l’etichetta di traditore. Le sue dimissioni da capo del Tesoro il 5 luglio, pochi minuti dopo quelle dell’allora capo della Sanità, sono considerate il catalizzatore che, in meno di 48 ore, farebbe precipitare la caduta di Johnson.

Alla destra britannica non ha mai tremato il polso quando si tratta di sbarazzarsi dei suoi leader, ma l’emergenza che il gruppo parlamentare ha rilevato nello sgombero da Downing Street contrasta con il modo in cui le basi percepiscono gli eventi e, secondo il Daily Telegraph, conservatore della Bibbia, lo stesso presidente del Consiglio flirta con l’idea che un improbabile voto dei militanti annulli la sua partenza dalla residenza ufficiale.

Nel suo confronto catodico di lunedì, i candidati a sollevarlo, pur escludendo di reclutarlo per i loro futuri gabinetti, sono stati attenti a non offuscare ulteriormente la sua malconcia reputazione, soprattutto perché erano consapevoli del simbolismo di dove si trovavano.

Lo Stoke on Trent è uno dei territori che aveva votato più fortemente a favore della Brexit nel 2016 e, alle elezioni generali del 2019, in cui Johnson ha ottenuto la più grande vittoria elettorale dei Tory in 30 anni, è passato in mano ai conservatori per la prima volta.

Chi si trasferirà nella residenza ufficiale il prossimo 6 settembre farà la grande cartina di tornasole in bastioni come Stoke, poiché l’egemonia parlamentare dipenderà, in gran parte, dal loro mantenimento. Il pubblico della manifestazione era composto interamente da elettori di partito e, nelle loro case, dai 100.000 ai 200.000 militanti (la cifra reale non è mai stata confermata) che decreteranno il vincitore sapevano che uno degli attributi necessari per guidare la formazione è magnetismo elettorale per garantire la vittoria alle urne.

Le prossime due settimane saranno cruciali, dal momento che le schede elettorali saranno consegnate tra il 1 e il 5 agosto e, sebbene il periodo rimanga aperto fino al 2 settembre, le basi conservatrici tendono tradizionalmente a votare in anticipo.