Gli jihadisti soffocano il Sahel e minacciano le capitali del Mali e del Burkina Faso

Il conflitto in questa parte dell’Africa, dove gli jihadisti stanno ormai attaccando da tempo, ha provocato quasi 5.000 morti nei due paesi durante il primo semestre, il peggior record in un decennio.

Jihadista in territorio di guerra
Jihadista in territorio di guerra – Nanopress.it

Le ONG avvertono di una crisi nutrizionale “catastrofica”. I gruppi jihadisti legati ad Al Qaeda operanti in Mali e Burkina Faso hanno compiuto un salto di qualità nella loro strategia di vessazione delle autorità e hanno lanciato un’offensiva che mira a isolare le principali città e colpire le capitali dei due Paesi, Bamako e Ouagadougou.

In Mali, il Gruppo di jihadisti per l’Islam e i musulmani (JNIM) ha rivendicato il recente attacco al campo militare di Sevaré

In Mali, il Gruppo di supporto per l’Islam e i musulmani (JNIM) ha rivendicato il recente attacco al campo militare di Sevaré, a 15 chilometri da Bamako, e ha pubblicato un video in cui annunciava grandi attacchi sia all’interno che alla periferia della capitale. In Burkina Faso, intanto, almeno venti città sono assediate dal gruppo Ansarul Islam, attraverso blocchi stradali e distruzione delle infrastrutture, che già punta a raggiungere la periferia di Ouagadougou entro la fine dell’anno.

Il 2022, con 4.817 morti a causa del conflitto in Mali e Burkina Faso tra gennaio e giugno, è il più sanguinoso dall’inizio dell’insurrezione jihadista una decina di anni fa, secondo un conteggio di José Luengo-Cabrera, analista di dati specializzato nella Sahel. In quel periodo ci sono stati 2.662 morti in Mali, quasi quanto i 2.856 in tutto il 2020, che è stato il peggior record annuale finora. In Burkina Faso il primo semestre dell’anno ha provocato 2.155 morti, una cifra che sfiora i 2.374 di tutto il 2021.

Gli attentati jihadisti finora sono concentrati nelle regioni di Mopti, Gao e Menaka, nel caso del Mali, e in il Sahel, Est e Centro-Nord, in Burkina Faso.In Mali il jihadismo si è diffuso negli ultimi anni dal nord al centro del Paese, ma gli attacchi a Bamako e dintorni sono sempre stati sporadici. Tuttavia, tra il 21 e il 22 luglio, JNIM, il gruppo jihadista guidato da Iyad Ag Ghali, ha condotto un’offensiva coordinata con azioni terroristiche a Mopti, Ségou e alla periferia di Bamako.

L’attacco più famigerato, a cui hanno partecipato due veicoli carichi di esplosivo guidati da kamikaze, è avvenuto alla base militare di Kati a soli 15 chilometri dalla capitale, residenza del presidente Assimi Goïta e vero cuore della giunta militare che governa il Paese, dove è morto un soldato Tuttavia, sono stati attaccati anche l’aeroporto di Sevaré e le basi militari di Kolokani e Douentza.

Pochi giorni dopo, il 27 luglio, il terrorista Abú Yahya, membro di spicco del JNIM, ha pubblicato un video sui social network per rivendicare la responsabilità della suddetta offensiva e annunciare un aumento della sua attività, in particolare a Bamako e dintorni. Il portavoce jihadista ha giustificato queste azioni come risposta alle operazioni militari lanciate dall’esercito maliano e dai mercenari russi di Wagner nel centro del Paese, attive dalla fine del 2021, in cui sarebbero morti decine di terroristi.

Una delle azioni più controverse si è verificata a Moura, dove maliani e russi hanno giustiziato sommariamente più di 300 civili, accusati di complicità o appartenenti a gruppi jihadisti, senza prove. L’avanzata del terrorismo verso Bamako avviene anche in un momento di ritiro delle truppe francesi ed europee dal Mali a causa dei disaccordi tra l’Eliseo e la giunta militare maliana, che ha privilegiato i suoi rapporti con la Russia dopo l’annuncio della riduzione delle raffinatezze delle truppe nel Sahel.

Una delle azioni più controverse si è verificata a Moura, dove maliani e russi hanno giustiziato sommariamente più di 300 civili

La minaccia rappresentata da questo sviluppo è stata presa molto sul serio dal governo degli Stati Uniti, che sabato scorso ha ordinato a tutto il personale non essenziale di lasciare il Paese. “I gruppi terroristici e armati continuano a tramare rapimenti e attacchi in Mali. Possono colpire con poco o nessun preavviso, prendendo di mira discoteche, hotel, ristoranti, luoghi di culto, missioni diplomatiche internazionali e altri luoghi frequentati dagli occidentali. In Burkina Faso la situazione è almeno altrettanto preoccupante.

Jihadisti armati
Jihadisti armati – NanoPress.it

Dopo aver preso il controllo delle aree rurali delle regioni del Sahel e del Centro-Nord, Ansarul Islam, una filiale locale di Al Qaeda, ha avviato nell’estate del 2021 una nuova strategia: isolare le principali città di queste regioni bloccando le vie di ingresso e di uscita , distruzione delle infrastrutture statali, come scuole, centri sanitari e qualsiasi rappresentanza dello Stato, e obbligando i civili a lasciare il luogo entro 72 ore.

Una ventina di paesi e città hanno subito questo tipo di attacco negli ultimi mesi, secondo un recente rapporto sul contesto della sicurezza dell’organizzazione francese Promediation. Il suddetto documento fa eco all’incontro, il 1° luglio, del leader dell’Ansarul Islam, Jafar Dicko, con i suoi luogotenenti e capi unità per ordinare loro di avanzare verso la capitale, Ouagadougou, e prendere posizione alla periferia di essa. il prossimo dicembre.

Allo stesso modo, Dicko ha ordinato di attaccare l’autostrada tra la capitale e Bobo-Dioulasso, la seconda città più grande del Paese, per bloccare il traffico, così come gli assi che vanno verso il vicino Togo e il Ghana prima di questo agosto.Decine di strade, assi di comunicazione importanti come quello che collega la capitale con Ouhaigouya, la principale città regionale, così come il percorso tra Kaya e Dori, risentono del posizionamento di miniere artigianali.

L’obiettivo è impedire l’approvvigionamento delle aree occupate per costringere la popolazione alla fuga, così come il movimento delle forze di sicurezza. Nonostante siano le unità dell’Ansarul Islam a dominare la situazione nelle regioni del Sahel e del Centro-Nord, anche la Provincia dello Stato Islamico nel Sahel, legata all’ISIS, è attiva, soprattutto nell’est e nell’ovest del Paese, con tattiche simili.

Il governo del Burkina Faso, sotto il controllo della giunta militare golpista, ha reagito a sua volta cercando di impedire l’approvvigionamento dei gruppi armati nelle città su cui mantiene il controllo e decretando alcune regioni come zone di interesse militare per costringere il popolazione ad abbandonarli e avere così un campo libero per le loro operazioni. Le conseguenze di tutto questo sono una massiccia fuga di cittadini, circa due milioni di sfollati interni in un paese di circa 20 milioni di abitanti e una carenza di cibo in numerose località.

“La gente di Sebba mangia le foglie“, ha detto il 28 luglio Ulrich Crépin Namfeibona, capo missione di Medici senza frontiere in Burkina Faso. “Se non faremo nulla nei prossimi giorni, potremmo assistere a una crisi nutrizionale catastrofica”.