Gli eroi sconosciuti della resistenza di Chernobyl contro i russi

Alcuni dei pochi lavoratori e vicini che vivevano vicino alla centrale nucleare di Chernobyl hanno denunciato l’occupazione dall’interno e sono già stati decorati dall’Ucraina.

Chernobyl
Chernobyl – NanoPress.it

Chernobyl è oggi, 100 giorni dopo l’invasione dell’Ucraina, un luogo molto più pericoloso di quanto non fosse già. Le mine piantate dai russi formano un cocktail esplosivo insieme alle radiazioni accumulate dopo l’incidente nucleare del 1986.

Chernobyl 1986-2022

Oleksandr Skita, un ingegnere di 47 anni, ricorda perfettamente le prime ore del 24 febbraio quando arrivarono i primi invasori. “Gli allarmi hanno cominciato a suonare alle 4:40 ed è stata avviata l’operazione di evacuazione“, dice.

Ma non è partito subito sugli autobus che avevano noleggiato. Né ha guidato lungo la strada con la sua macchina. E’ rimasto di sua spontanea volontà. Come lui, solo poche dozzine di lavoratori e vicini sono rimasti sotto il giogo dei militari occupanti per un mese.

Nonostante lo stretto controllo a cui sono stati sottoposti, alcuni sono stati di grande aiuto diventando improvvisamente membri dell’apparato di intelligence ucraino. Hanno trasmesso tutte le informazioni possibili sul movimento delle truppe, sul numero, su come si sono comportate.

A riprova dei favori resi al paese, alcuni sono già stati decorati e mostrano con orgoglio la medaglia e il documento che lo attesta. “Abbiamo cercato di essere d’aiuto. Io non sono un eroe”.

Chi non sembra che l’invasione abbia cambiato il ritmo della vita è Evgenii Markevich, 85 anni, uno dei più anziani del luogo e uno dei pochissimi che vivono intorno alla centrale nucleare. Se n’era andato solo pochi mesi dopo il disastro del 1986 e ha resistito al trasferimento.

“I militari vivevano proprio dall’altra parte della strada, nell’edificio del laboratorio. I miei cani correvano lì, non sapevo che esistessero i russi e sono andato dietro ai cani. Ho visto 10 persone con le mitragliatrici che pranzavano e ho chiesto se avrebbero sparato. Volevo vedere che tipo di persone c’erano.

C’erano dei giovani, erano amichevoli, mi davano una razione di cibo”, racconta a casa, davanti alla serra dove cura il suo orto. Nello stabilimento di Chernobyl, a 10 chilometri dalla Bielorussia e sulla strada più breve per Kiev, c’era tensione, ma non intensi combattimenti.

L’esercito ucraino si era ritirato a 30 km dalla centrale nucleare

L’esercito ucraino ha aspettato qualche decina di chilometri più in basso dopo aver fatto saltare in aria tutti i ponti per complicare l’avanzata russa. Una piccola colonna di veicoli è arrivata a Chernobyl intorno alle 11:00 del 24 febbraio, afferma l’ingegnere Skita. “Ho immediatamente chiamato mia madre a Kharkov e mi ha detto che stavano attaccando anche lì.

Esercito Ucraino
Esercito Ucraino – NanoPress.it

Stavo andando in chiesa, che è dove c’è una copertura migliore per parlare. Mi hanno fermato e mi hanno steso a terra mentre mi miravano alla testa. Mi hanno preso il telefono, ma avevo cancellato tutte le informazioni”, aggiunge quest’uomo, che lavora a Chernobyl dal 1994.

Le truppe del Cremlino hanno trascorso un mese nella zona di esclusione di Chernobyl, un cerchio di 30 chilometri attorno alla centrale nucleare. Hanno ignorato durante tutto quel tempo i pericoli che il terreno altamente avvelenato nasconde ancora, come ha avvertito il governo del presidente Volodímir Zelenski.

Hanno scavato trincee, spostato la terra per riempire sacchi con cui hanno installato barricate e posti di blocco, allestito campi... “Scavare qui è molto pericoloso”, dice l’ingegnere Skita, che teme che i soldati si siano portati dietro le radiazioni. Nell’edificio in cui ha il suo studio l’ingegnere, una svastica è dipinta su una delle porte. Skita ricorda che il presidente russo, Vladimir Putin, giustifica l’invasione con la necessità di “denazificare” l’Ucraina.

Alcune stanze sono ancora sottosopra e con l’abbigliamento militare russo abbandonato qua e là. Una Z è dipinta su uno specchio appeso al muro, con il quale gli invasori russi segnano i loro veicoli e con il quale di solito lasciano le loro tracce ovunque passino. Skita ha trascorso i primi 10 giorni a casa e poi si è trasferito a casa di un altro vicino. Non potevano muoversi e potevano vedere i comandi russi attraverso la finestra. A volte si sentivano degli spari.

Quando ero già a casa con il mio amico, hanno cominciato a fare il censimento della popolazione. Ci hanno fatto uscire a contarci e ci hanno offerto la possibilità di portarci in Bielorussia”, Paese alleato del Cremlino. «Era un consiglio, non un ordine. Sono tornati altre due volte. Ci hanno fatto domande strane come perché eravamo ancora qui, dov’era la polizia, dov’erano i nazisti, se avessimo armi…” .

 In che condizione i russi hanno lasciato la centrale

Uno degli insediamenti dell’esercito russo è ancora oggi come lo hanno lasciato, molto vicino a quella che è conosciuta come la Foresta Rossa. È uno dei luoghi più inquinati al mondo e dista un paio di chilometri dalla cupola di sicurezza, la più grande struttura mobile mai realizzata, che dal 2016 ha ricoperto il famoso reattore 4, fatto saltare in aria nel 1986.

Esercito Russo
Esercito Russo – NanoPress.it

Ci sono i buchi trivellati nel terreno ignorando il pericolo, i sacchi di sabbia per costruire posti di sorveglianza, le assi inchiodate per costruire cabine, le scatole di munizioni, i computer saccheggiati dagli uffici… E le miniere.

I genieri hanno potuto esaminare solo una piccola parte della terra occupata. Hanno segnato un corridoio con dei bastoni. Il pericolo delle radiazioni, che ricorda l’irresponsabilità sovietica, va di pari passo con gli esplosivi lasciati a ricordo dai russi nell‘attuale guerra. Non c’è quasi nessun movimento in giro, poiché le strutture hanno smesso di funzionare e le visite turistiche sono state annullate a causa della guerra.

Dopo diverse settimane, i militari “hanno cominciato a partire. Una grande colonna. Una mattina abbiamo visto che non c’era nessuno per strada, nessuno ai posti di blocco. Avevano abbandonato alcuni veicoli”, ricorda Skita, che scese lungo la strada verso Kiev, a circa 130 chilometri dallo stabilimento, finché non fu ritrovato il primo ponte distrutto.

“Fino a due giorni dopo non abbiamo visto apparire qui l’esercito ucraino”, aggiunge. Il 31 marzo le autorità ucraine hanno annunciato di avere nuovamente il controllo dell’impianto. La prova era un atto in cui veniva timbrata la firma di un generale russo. Il giorno successivo il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), Rafael Grossi, ha riconosciuto che il movimento delle truppe russe aveva innalzato i livelli di radiazioni, sebbene fossero ancora entro limiti normali.