Giappone: Yamagami avrebbe ucciso Abe per il suo sostegno a una setta

La polizia giapponese lancia un “team di verifica e revisione” per indagare sulle falle di sicurezza nell’assassinio dell’ex capo del governo Shinzo Abe, da parte di Tetsuya Yamagami.

L'ex premier giapponese Shinzo Abe
L’ex premier giapponese Shinzo Abe – Nanopress.it

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida venerdì ha accusato la polizia dell’omicidio appena una settimana fa dell’ex primo ministro Shinzo Abe, mentre stava partecipando a un atto elettorale nella città di Nara.

Kishida ha avviato una indagine scrupolosa per l’assassinio dell’ex premier

Secondo il presidente, l’inadeguata protezione della scorta che accompagnava il politico sarebbe stata responsabile dell’assassinio. Kishida ha fatto le affermazioni dopo che l’Agenzia nazionale di polizia ha annunciato di aver nominato una “squadra di verifica e revisione” per indagare sulle carenze di sicurezza relative all’attacco che ha ucciso l’influente politico 67enne.

Intanto emergono nuovi dettagli sulla motivazione dell’assassino, Tetsuya Yamagami, che avrebbe ucciso Abe per il suo sostegno a una setta che ha rovinato sua madre. Secondo quanto dichiarato venerdì dallo zio di Yamagami, sua madre ha donato più di 700.000 euro a questa chiesa. Al momento del suo assassinio, Abe stava tenendo una manifestazione davanti alla stazione di Yamato-Saidaiji per le elezioni suppletive per la camera alta del parlamento giapponese, che si sarebbero tenute due giorni dopo.

L’ex presidente del Consiglio, che era accompagnato da quattro guardie del corpo, si trovava in un lungo spazio, in mezzo al marciapiede, con sbarre di metallo all’altezza delle ginocchia. Tuttavia, la strada dietro di lui non era stata chiusa al traffico. La persona incaricata di coprirla ha dichiarato, dopo l’assassinio, di essere stata distratta dal passaggio delle biciclette. Infatti, subito dopo che il sospetto, Tetsuya Yamagami, si è avvicinato e ha sparato ad Abe due volte, un individuo in bicicletta gli è passato davanti, prima che il tiratore fosse ancora intercettato e fermato dalla scorta.

Il fatto che il rumore e il fumo della prima detonazione corrispondessero più a un’esplosione di fuochi d’artificio che a uno sparo avrebbe potuto anche confondere le scorte, secondo quanto ha fatto notare al quotidiano giapponese Asahi l’esperto di armi Soichiro Takakura. Secondo questo specialista, l’assassino avrebbe potuto usare polvere nera di pirotecnica convenzionale per avvicinarsi alla sua vittima e sparare a distanza ravvicinata senza dover portare l’arma alla faccia. L’arma fatta in casa di Yamagami è costruita con un fucile convenzionale.

Ma, secondo Takakura, pur essendo un dispositivo rudimentale con due canne tenute insieme da nastro adesivo, la progettazione del calcio richiedeva “un notevole lavoro di calcolo”, poiché aveva la curvatura ideale per facilitare il secondo e ultimo colpo. Il movente dell’omicidio Secondo quanto riportato dalla stampa locale, Tetsuya Yamagami ha detto alla polizia di aver agito per risentimento nei confronti della Chiesa dell’Unificazione, che Shinzo Abe ha sostenuto e che l’assassino incolpa della rovina della sua famiglia a causa delle donazioni fatte da sua madre.

Secondo l’assassino Abe in Giappone appoggiava la ‘Chiesa dell’Unificazione’

La madre di Yamagami avrebbe donato almeno cento milioni di yen (700.000 euro) alla setta fondata nel 1954 da Sun Myung Moon, autoproclamatosi messia e nato nell’odierna Corea del Nord nel 1920 e morto nel 2012, a 92 anni. Diversi ex parrocchiani, tra cui un giornalista che apparteneva al gruppo di ispirazione cristiana, hanno descritto in un ampio programma televisivo sul canale NTV i metodi coercitivi con cui il culto intrappola, spiritualmente e finanziariamente, i suoi membri facoltosi in Giappone.

Fumio Kishida
Fumio Kishida – NanoPress.it

L’obbligo di vendere oggetti di scarso valore e di svolgere costantemente lavoro non retribuito sono altri obblighi che a volte coinvolgono intere famiglie. La sede di Tokyo del gruppo religioso ha confermato in una conferenza stampa che la madre di Yamagami ha partecipato regolarmente alle congregazioni, ma ha rifiutato di commentare le donazioni nell’ambito delle indagini sull’assassinio.

La setta divenne nota fin dall’inizio per il suo anticomunismo bellicoso e il suo ingresso in Giappone fu reso possibile da Nobusuke Kishi, il nonno di Abe, che amministrò la colonia giapponese di Manchukuo in Cina e fu ministro del Commercio durante la seconda guerra mondiale. Quando il Giappone fu sconfitto, Kishi fu imprigionato come criminale di guerra, ma fu esonerato e divenne uno dei politici scelti dalle forze di occupazione alleate per ricostruire il paese.

Uno dei suoi compiti era contrastare il crescente comunismo, quindi vide nel nascente culto coreano un alleato ideale per svolgere il suo compito e lo invitò a stabilirsi in Giappone. Come fondatore del Partito Liberal Democratico (LDP), Kishi ha stabilito legami tra la sua formazione e la Chiesa dell’Unificazione.

Pertanto, i membri della setta iniziarono a fare volontariato per influenti politici giapponesi. In autunno si terranno i funerali di stato per Shinzo Abe, che lunedì scorso aveva già ricevuto come tributo postumo la Collana dell’Ordine Supremo del Crisantemo, la più alta decorazione del Giappone, ed è stato sepolto martedì con un funerale privato.