Biden offre aiuti economici alla Palestina, ma senza ‘disturbare’ Israele

Il leader Usa Joe Biden difende la soluzione dei due Stati (Israele e Palestina) in un incontro con il presidente Abbas, anche se insiste sul fatto che ora non è il momento.

Joe Biden e Mahmud Abbas
Joe Biden e Mahmud Abbas – NanoPress.it

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha annunciato venerdì un modesto pacchetto di aiuti economici per il popolo palestinese nel quadro della sua breve visita a Gerusalemme est e Betlemme, nella Cisgiordania occupata, segnata dall’assenza di qualsiasi iniziativa diplomatica sul futuro della Palestina.

Biden ha annunciato un modesto pacchetto di aiuti economici per il popolo palestinese

La visita e l’annuncio del presidente segnano un cambio di forma rispetto alla dura politica seguita dal suo predecessore, Donald Trump, ma rappresentano solo un timido spostamento nella sostanza e nei contenuti. Sono serviti anche per concludere la prima metà del suo tour in Medio Oriente e dirigersi in Arabia Saudita, che è la parte che ha generato più aspettative e critiche.

Durante la sua visita a Betlemme, Biden ha incontrato il presidente dell’Autorità Palestinese, Mahmoud Abbas, che nella sua successiva apparizione davanti ai media ha chiesto al leader americano un maggiore impegno per la causa dell’indipendenza del suo popolo e la fine dell’occupazione e il “regime di apartheid” di Israele, nelle parole del leader palestinese. Biden, dal canto suo, si è limitato a ribadire la sua difesa, vuota di contenuti, della soluzione dei due Stati, pur sostenendo che non era questo il momento giusto per riavviare la trattativa.

“Deve esserci un orizzonte politico che il popolo palestinese possa davvero vedere o almeno sentire. Non possiamo permettere che la disperazione ci rubi il futuro”, ha dichiarato Biden, prima di aggiungere che “il terreno per riprendere i negoziati non è pronto in questo momento”. Il presidente degli Stati Uniti ha anche sottolineato che la crescente integrazione regionale di Israele, per la quale ha promesso sforzi dalla sua amministrazione, potrebbe aiutare a rivitalizzare un processo politico con i palestinesi, ma non ha spiegato come.

L’arrivo di Biden in Palestina è stato segnato anche dalla morte del giornalista veterano di Al Jazeera Shireen Abu Akleh, ucciso a colpi di arma da fuoco a maggio dalle forze di sicurezza israeliane mentre seguiva un’incursione nella città di Jenin in Cisgiordania. Nonostante il fatto che molteplici indagini indipendenti abbiano concluso che la giornalista, che era di nazionalità americana e palestinese, è stata uccisa dal fuoco israeliano, Israele e gli Stati Uniti hanno evitato di confermarlo o smentirlo fermamente.

Nella sua apparizione, Abbas ha chiesto a Washington di aiutarlo a rivendicare la responsabilità della morte del giornalista, che ha considerato “un martire”, mentre Biden – che non ha saputo pronunciare correttamente il nome del giornalista – si è limitato a considerare suo ” morte” una “grande perdita” e di promettere di continuare ad assistere nelle indagini, anche se non ha specificato nemmeno come.

Sebbene la parte palestinese non nutrisse grandi speranze per la visita di Biden, Abbas lo ha esortato a mantenere almeno alcune delle sue promesse elettorali come la riapertura del consolato statunitense a Gerusalemme, la rimozione dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina dalla Palestina (OLP) dal suo lista dei terroristi, e consentire la riapertura del suo quartier generale diplomatico a Washington.

Gli Stati Uniti continuano a considerare Gerusalemme la capitale di Israele

Il presidente degli Stati Uniti, tuttavia, ha ritenuto che riattivare alcuni aiuti economici al popolo palestinese, come quello annunciato questo venerdì, rappresenti già un ritorno sulla politica di Trump. In un apparente tentativo di minimizzare la sua presenza anche a Gerusalemme est, Biden ha ribadito ad Abbas che gli Stati Uniti continuano a considerare Gerusalemme la capitale di Israele e che “i limiti specifici della sovranità” della città devono essere risolti attraverso negoziati, secondo un Dichiarazione della Casa Bianca.

Yair Lapid
Yair Lapid – NanoPress.it

Uno degli aiuti più attesi annunciati da Biden nel corso della giornata è stato di 100 milioni di dollari (99,6 milioni di euro), ancora in attesa di approvazione da parte del Congresso degli Stati Uniti, destinati a una rete di ospedali di Gerusalemme Est che erogano servizi specializzati ai pazienti dell’Occidente Banca e Gaza.

Si tratta di un aiuto indiretto al fragile governo palestinese, che non gestisce questi ospedali ma si fa carico delle spese per curare i palestinesi della Cisgiordania e di Gaza e ha problemi a farlo da mesi, il che ha aggiunto pressione ad alcuni centri che svolgono un ruolo chiave nel tuo sistema sanitario. Altri aiuti annunciati dagli Usa includono 200 milioni di dollari per l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati Palestinesi (UNRWA, per il suo acronimo in inglese).

Per l’Autorità Palestinese, quella fugace visita è stata oscurata anche dall’annuncio della decisione dell’Arabia Saudita di aprire il proprio spazio aereo agli aerei in arrivo e in partenza da Israele, che fino ad ora dovevano fare il giro del Paese. Il gesto è stato interpretato come un ulteriore passo verso una maggiore integrazione di Israele nella regione e suggerisce la volontà di Riyadh di partecipare a questo processo.

Biden, dal canto suo, è diventato il primo presidente degli Stati Uniti a volare direttamente da Israele nella città saudita di Jeddah, dove inizierà la seconda parte del suo tour regionale e quella che concentra più aspettative, dopo il presidente democratico ha detto durante la campagna presidenziale del 2020 che avrebbe reso l’Arabia Saudita un paria internazionale, per il coinvolgimento di Riyadh nell’assassinio nel 2018 del dissidente saudita Jamal Khashoggi presso il consolato di Istanbul.