Giappone, dove gli uomini hanno l’ultima parola sull’aborto femminile

In Giappone una campagna cerca di modificare la legislazione per eliminare la necessità dell’autorizzazione del ‘padre del feto’ per abortire. 

Test Gravidanza
Test Gravidanza – NanoPress.it

Il Giappone e la sua versione arcaica del maschilismo

Il Giappone consente l’interruzione della gravidanza in alcuni casi, compreso lo stupro, o se si prevede che la gravidanza o il parto siano particolarmente difficili per motivi fisiologici o economici. Ma il Maternal Health Act del 1948 richiede anche alle donne di avere il permesso del marito per abortire.

Un requisito che solo una manciata di paesi nel mondo richiede, come Arabia Saudita, Indonesia e Malawi. L’Organizzazione Mondiale della Sanità e altri gruppi internazionali raccomandano di abbandonare questa pratica.

In teoria, la legge non applica questo requisito alle donne single o divorziate, cosa che il ministero della Salute ha ribadito nel 2012. Ma gli ambulatori spesso richiedono la firma del padre del feto, temendo che l’uomo le porti in tribunale. Se una donna falsifica l’autorizzazione – imitando, ad esempio, la firma del ‘padre’ – può essere condannata a un anno di reclusione.

L‘autorizzazione potrebbe essere richiesta anche nel caso in cui la donna ricorra alle pillole abortive, finora illegali ma che il Governo ritiene consentite. “In linea di principio, riteniamo che il permesso sponsale sia necessario, anche se un aborto è indotto da un farmaco orale”, ha detto a maggio Yasuhiro Hashimoto, direttore dell’Office of Child and Family Policy a una commissione parlamentare.

“È grottesco dover chiedere a un coniuge il permesso di prendere una pillola”, ha risposto nella stessa udienza il leader del Partito socialdemocratico. “Il Giappone vive ancora nel Medioevo?” “I sentimenti degli uomini contano più dei diritti, della salute o della felicità delle donne”, afferma Kazane Kajiya, della campagna per i diritti riproduttivi delle donne Safe Abortion Project Japan e autrice di una petizione online per modificare la legge giapponese in modo che la necessità del consenso maschile viene eliminato.

Partita una raccolta firme per cambiare la legge

Finora, il suo appello in diverse lingue ha raccolto più di 50.000 firme. “[Le donne] sanno cosa vogliono. Hanno il diritto di decidere cosa fare del proprio corpo. Negare loro tale diritto equivale a un abuso sessuale perpetrato dalla nazione”, afferma Kajiya, 25 anni, in una conversazione telefonica.

Pillole
Pillole – NanoPress.it

“Il Giappone non protegge le donne, quello che cerca di fare è proteggere i loro corpi come proprietà pubblica e futuri incubatori. Siamo trattati come madri o future mamme. Vogliamo il diritto umano di accedere alla contraccezione e all’aborto senza che nessuno ci dia il permesso, ma il Giappone tratta i nostri corpi come proprietà nazionale”.

La sua campagna, sostiene, ha aperto gli occhi a molte donne. “Sappiamo che l’aborto è legale in Giappone, ma molti non immaginavano che avrebbero dovuto chiedere il permesso al marito. Quando l’hanno scoperto a seguito della mia richiesta, sono rimasti a bocca aperta”. Uno dei motivi per cui la legge non è stata modificata finora, secondo l’attivista, è il basso numero di donne nella Dieta, il parlamento giapponese.

“Ci sono pochissime donne in politica. È considerata una cosa da uomo”. Anche se le cose stanno cambiando – “Collaboro con diversi legislatori su questo tema, e un partito politico ha inserito il cambio di legge nel suo programma nelle ultime elezioni”, commenta –, stanno cambiando lentamente, ammette.

“Non crediamo che gli uomini possano decidere cosa possono o non possono fare le donne con il proprio corpo. E non dovrebbe importare se sono sposati o meno. A causa di questa legge, ci sono donne che sono state costrette a continuare con una gravidanza indesiderata perché alcuni ospedali o cliniche richiedevano loro di mostrare il permesso di un ex marito, di uomini che erano predatori sessuali o avevano abusato di loro, e semplicemente non lo hanno fatto potrebbero chiedere tale autorizzazione”, spiega l’attivista. In questi casi, il requisito può traumatizzare nuovamente le vittime.