Gerusalemme: una sparatoria ferisce otto israeliani nella Città Vecchia

Un palestinese apre il fuoco su un autobus che trasporta ebrei religiosi provenienti dal Muro del Pianto a Gerusalemme.

Gerusalemme Muro del Pianto
Gerusalemme Muro del Pianto – NanoPress.it

Una donna incinta gravemente ferita perde il figlio dopo un taglio cesareo. Un insolito attacco con un’arma da fuoco ha seminato il terrore nelle prime ore di questa domenica nella Città Vecchia di Gerusalemme, che ospita i luoghi santi delle tre religioni monoteiste.

Gerusalemme: una donna incinta gravemente ferita perde il figlio dopo un taglio cesareo

Un palestinese ha aperto il fuoco con una pistola su un autobus che trasportava passeggeri, per lo più ebrei religiosi, provenienti dal Muro del Pianto, principale luogo di culto dell’ebraismo. Otto dei passeggeri sono rimasti feriti, due dei quali gravemente. Una donna in avanzato stato di gravidanza è stata evacuata gravemente in ospedale, dove è stato eseguito un taglio cesareo, ma il neonato è morto poco dopo, secondo il quotidiano Haaretz.

Al termine del sabato, giorno festivo e sacro per gli ebrei, centinaia di fedeli sono tornati alle loro case dopo aver pregato al Muro del Pianto. L’aggressione è avvenuta nella zona del monte Sion, nei pressi del Cenacolo (luogo dove, secondo la tradizione cristiana, si celebrava l’Ultima Cena), quando l’autista aveva fermato l’autobus per facilitare la discesa di una persona in sedia a rotelle lungo un rampa.

L’aggressore è fuggito in mezzo al caos nel vicino quartiere palestinese di Silwan, a Gerusalemme est, situato fuori le mura e ai piedi dell’Esplanade delle Moschee, il terzo luogo sacro dell’Islam dopo La Mecca e Medina. È stata immediatamente avviata un’operazione di polizia su larga scala che prevedeva la ricognizione di droni per catturare l’autore dell’attacco.

Il palestinese Amir Sidawi, 26 anni, residente a Silwan e che ha anche un passaporto israeliano, si è consegnato con la sua arma in una stazione di polizia ore dopo dopo aver verificato che agenti della polizia di frontiera (corpo militarizzato) e dello Shin Bet (segreto interno servizio) ) circondava la sua casa e quella di altri parenti. Sidawi, che aveva scontato una pena detentiva di cinque anni per aver commesso un attacco di accoltellamento, non è affiliato a nessun gruppo palestinese.

I movimenti islamisti Hamas e Jihad islamica e le Brigate dei martiri di Al Aqsa hanno considerato l’attacco una “risposta naturale ai crimini dell’occupazione”

I movimenti islamisti Hamas e Jihad islamica e le Brigate dei martiri di Al Aqsa (braccio armato di Fatah, il partito nazionalista al potere nell’Autorità palestinese) hanno considerato l’attacco una “risposta naturale ai crimini dell’occupazione”, ma nessuna paternità è stata attribuita a loro. L’attacco nella Città Vecchia arriva una settimana dopo il cessate il fuoco che ha posto fine all’escalation della guerra nella Striscia di Gaza tra l’esercito israeliano e le Brigate Al Quds (ala militare della Jihad islamica).

Yair Lapid
Yair Lapid – NanoPress.it

In tre giorni di ostilità sono stati uccisi 49 palestinesi, di cui 36 civili, di cui 19 minori. “Gerusalemme è la nostra capitale e un centro turistico per tutte le religioni”, ha dichiarato il primo ministro israeliano Yair Lapid, promettendo che le forze di sicurezza ristabiliranno la calma nella Città Santa. La scorsa primavera, 19 persone (per lo più civili israeliani) hanno perso la vita in un’ondata di attacchi perpetrati da arabi di nazionalità israeliana e palestinesi della Cisgiordania.

In quel territorio sotto occupazione militare dal 1967, più di cinquanta palestinesi, compresi militanti di gruppi armati e civili, hanno perso la vita dall’inizio dell’anno in operazioni militari e scontri con le forze di sicurezza. Gli ultimi tre casi sono stati registrati questa settimana.