Germania spinge il G7 per un “club del clima”

La Germania ospita quest’anno l’incontro dei leader del G7, il Gruppo delle Sette principali economie, nella località bavarese di Elmau.

Olaf Scholz
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz – Nanopress.it

Prima che l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia innescasse una cascata di crisi per il cibo, l’energia e la sicurezza internazionale, l’obiettivo principale dell’incontro doveva essere il cambiamento climatico. Il governo della Germania, guidato dal cancelliere Olaf Scholz, prevede ancora di convincere il G-7 a impegnarsi in progressi collettivi per frenare il riscaldamento globale e, una delle idee in discussione, è la creazione di un “club del clima” per i paesi che vogliono accelerare quando arriva ad affrontare il problema.

Cosa è un club per il clima? E la Germania convincerà gli altri?

L’idea è stata lanciata per la prima volta dall’economista di Yale e vincitore del premio Nobel William Nordhaus, il quale ha affermato che la natura volontaria degli accordi sul clima esistenti non ha portato a progressi sufficienti. Ha proposto che i paesi che erano seriamente intenzionati a ridurre le proprie emissioni, potessero riunirsi e formare un club, che stabilisse obiettivi ambiziosi congiuntamente, e si esentasse a vicenda dalle tariffe commerciali legate al clima, a cui sarebbero soggetti i non membri.

Questo agirebbe fondamentalmente come un bastone oltre che come una carota”, ha affermato Domien Vangenechten, un consulente politico presso il think tank ambientale E3G con sede a Bruxelles. In Germania quindi il tedesco Scholz spera di spingere l’intero G-7 dietro l’idea. Francia e Italia sono virtualmente d’accordo, poiché entrambi i paesi sono anche membri dell’Unione Europea, che è essa stessa un club con forti obiettivi climatici.

Il Canada è desideroso di finalizzare un accordo commerciale a lungo discusso con l’UE e l’adesione al club del clima potrebbe aiutare. La Gran Bretagna ha lasciato l’UE nel 2020 ed è scettica sull’adesione a qualsiasi accordo con il blocco. Ma un club che includa membri al di fuori dell’UE sarebbe probabilmente accettabile per Londra, soprattutto se ci fossero gli Stati Uniti.

Washington ha sempre avuto problemi a concludere accordi vincolanti sui cambiamenti climatici, in particolare a causa dell’opposizione repubblicana. Il presidente George W. Bush ha ritirato la firma dell’America ai sensi del trattato di Kyoto del 1997, e il presidente Donald Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo di Parigi del 2015. Gli Stati Uniti sono tornati ad interessarsi di clima sotto il presidente Joe Biden, perché c’è una crescente consapevolezza che un approccio autonomo potrebbe non essere nell’interesse dell’America, soprattutto se si vuole costringere la Cina a fare il suo dovere sulla riduzione delle emissioni.

E la Cina?

Il Giappone potrebbe anche essere influenzato dalla prospettiva di esercitare pressioni sul suo grande vicino, e di un accesso privilegiato ai mercati europei e nordamericani.  È improbabile che il più grande emettitore mondiale di gas serra al mondo, la Cina si unisca immediatamente. Ma se vuole esportare le sue merci nel resto del mondo, senza che le tariffe climatiche siano soggette a uno schiaffo, potrebbe dover aderire.

Xi Jinping
Xi Jinping – NanoPress.it

L’aspettativa è che Pechino sia aspramente critica nei confronti dell’idea, proprio come lo è stata nel previsto “meccanismo di adeguamento del confine del carbonio” dell’UE, che prevede anche tariffe per chi inquina che non rispetta le regole del blocco. La Cina ha cercato di mobilitare altre economie emergenti come il Sud Africa e l’Indonesia in opposizione al piano. Questo è uno dei motivi per cui la Germania ha invitato entrambi i paesi a partecipare al G-7 come ospiti e ha chiarito che il club del clima è aperto a tutti.

Gli esperti affermano che una massa critica di paesi dovrà unirsi al club, affinché diventi abbastanza attraente da far sì che anche altri si sentano obbligati a candidarsi. I dettagli esatti di come funzionerebbero le regole del club sono ancora imprecisi. Il sostegno generale del G-7, senza alcun impegno formale, potrebbe aiutare a mettere l’idea all’ordine del giorno nei prossimi incontri, in particolare il vertice delle Nazioni Unite sul clima di novembre.

Un’approvazione dimostrerebbe che il club non è appannaggio esclusivo delle nazioni ricche, ma una vera aggiunta agli sforzi per il clima esistenti.

Questo club del clima salverà il Pianeta?

Johan Rockstrom, direttore dell’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico, ritiene che valga la pena provare, dato che le misure esistenti non stanno fornendo i tagli alle necessari per raggiungere l’obiettivo dell’accordo di Parigi, per limitare il riscaldamento globale.

Christine Lagarde
Christine Lagarde NanoPress.it

“Il target del massimo delle emissioni di carbonio rimanente del mondo si sta esaurendo così velocemente che presto non avremo alcuna possibilità scientifica di rimanere a 1,5 gradi Celsius (2,7 Fahrenheit)”, ha affermato.

Quindi noi nella comunità scientifica ci stiamo aggrappando a tutto ciò che potrebbe aiutare, e un modo è convincere tutti i principali emettitori a concordare una serie di principi collettivi per i percorsi delle emissioni e il prezzo del carbonio“. Rockstrom ha affermato che la speranza è che tali sforzi alla fine raggiungano un punto di svolta positivo, come è successo con il Protocollo di Montreal del 1987, che ha visto il mondo riunirsi per affrontare il problema dell’ozono.

Il principio alla base di un club climatico capovolgerebbe l’attuale situazione in cui i paesi meno ambiziosi stabiliscono il ritmo e invece ne fanno una gara per essere i più veloci, ha affermato.