Germania: cosa si aspetta la ‘coalizione del semaforo’ da Zelensky

In Germania la coalizione di governo denominata il ‘semaforo’ (a causa dei vari componenti che vi partecipano, i cui colori richiamano quelli del segnale stradale, è in fibrillazione per una importante questione di politica estera: la visita del Cancelliere tedesco in Ucraina.

Olaf Scholz
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz – Nanopress.it

Il cancelliere Scholz vuole incontrare il presidente ucraino Zelenskyj a Kiev prima della fine di giugno. La coalizione del semaforo ha aspettative molto diverse su questo viaggio. Marie-Agnes Strack-Zimmermann non è esattamente apparsa come una fan del cancelliere ultimamente. Il politico dell’FDP ha ripetutamente criticato la riluttanza di Olaf Scholz a consegnare armi all’Ucraina.

Scholz riluttante a fornire armi all’Ucraina

Ma questa domenica Strack-Zimmermann ha trovato parole di elogio per il socialdemocratico. “È positivo che il cancelliere sia in viaggio”, ha detto ad un quotidiano tedesco la presidente del comitato di difesa.

Scholz ha in programma una visita a Kiev prima del vertice del G7 a fine giugno. Insieme al presidente francese Emmanuel Macron e al primo ministro italiano Mario Draghi, il Cancelliere vuole incontrare il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy. Il “Bild am Sonntag” ha riferito per la prima volta che gli ambienti del governo ucraino hanno confermato le informazioni.

Scholz ha esitato a lungo prima di andare a Kiev. Prima c’era rabbia per l’annullamento (causa tensioni con Zelensky) del viaggio del presidente federale Frank-Walter Steinmeier. Quindi il cancelliere ha sostenuto che non voleva vedere Zelenskyy solo per un servizio fotografico, ma che se lo avesse fatto, si sarebbero dovute discutere di cose concrete.

Ce ne sono molti di argomenti da trattare: l’Ucraina chiede armi più pesanti alla Germania per difendersi dagli attacchi russi. E poi c’è la discussione sull’adesione all’UE. Nella prossima settimana, la Commissione europea intende formulare la sua raccomandazione sull’eventuale concessione dello status di paese candidato all’Ucraina.

Un passo difficile, dopotutto, perché i Balcani occidentali si battono da molto tempo per un posto nell’UE. Il viaggio di Scholz a Kiev domenica è stato accolto all’unanimità dalla coalizione del semaforo. Ma le aspettative sono molto diverse: mentre l’FDP continua a fare pressione sugli aiuti alle armi, lo stesso partito di Scholz chiede che si usi la diplomazia e si cerchi un cessate il fuoco con la Russia.

Zelenskyy ha appena espresso un chiaro rifiuto rispetto a tali sforzi diplomatici. Per lui è troppo tardi per i colloqui con il presidente russo Vladimir Putin, ha detto durante un collegamento video alla conferenza sulla sicurezza del dialogo Shangri-La. “La leadership russa sotto Putin non può più essere ‘lusingata’”, ha detto Zelenskyj, che era collegato da un luogo segreto a Kiev.

Un passaggio delicato per la Germania

“Se vuoi la pace, devi sostenere l’Ucraina. Se vuoi che la guerra continui, puoi chiedere un’intesa con la Russia”. Il partito di sinistra dell’SPD di Ralf Stegner mette tuttavia in guardia dal limitare il dibattito alle consegne di armi all’Ucraina. «La guerra deve finire. E ciò richiede diplomazia”, ​​ha detto Stegner. “Il viaggio del Cancelliere con Macron e Draghi può aiutare ad avvicinare un cessate il fuoco”.

Macron
Macron – NanoPress.it

Una compagnia di armatori guida la politica? Il politico della difesa dell’FDP Strack-Zimmermann, d’altra parte, insiste affinché Scholz assicuri all’Ucraina più armi. “Sarà interessante vedere quali promesse farà al presidente ucraino“, afferma Strack-Zimmermann, “in ogni caso, ora deve mantenere nel vero senso della parola”.

Opportunamente, domenica è intervenuto il capo del gruppo degli armamenti Rheinmetall. “Stiamo riparando 100 mezzi corazzati Marder, i primi veicoli sono già pronti”, ha affermato Armin Papperger, CEO della “Bild am Sonntag”. Secondo un portavoce della compagnia, sei carri armati sono “pronti”. Quando e dove vengono consegnati questi armamenti è “la decisione del governo federale“, afferma Papperger.

Il governo federale non ha ancora deciso sui carri armate. Secondo lo stato attuale, tuttavia, dovrebbero recarsi solo in Repubblica Ceca e Grecia per uno scambio di carri, che potrebbe consegnare vecchi carri armati sovietici all’Ucraina. L’ala sinistra dell’SPD Stegner è infastidita dalla dichiarazione dell’industria degli armamenti. Ha descritto come “grottesco che il capo di una compagnia di difesa stia cercando di guidare il governo”.

Stegner dice che ciò non dovrebbe accadere. Dal punto di vista della Cancelleria, il viaggio è meno importante di quanto pubblicamente percepito. Da settimane gli alti funzionari di Olaf Scholz parlano con i francesi di una possibile trasferta a Kiev. Tuttavia, il presidente Emmanuel Macron non ha voluto lasciare il fronte interno prima delle elezioni parlamentari di domenica.

Per l’incontro altamente simbolico di Kiev, Berlino e Parigi hanno deciso di parlare in dettaglio con il presidente ucraino della prevista adesione del suo Paese all’Ue, e di un possibile nuovo pacchetto di aiuti finanziari per il suo Paese. Germania e Francia sono favorevoli all’idea che l’Ucraina entri nell’UE. In particolare nei paesi meridionali dell’UE, tuttavia, c’è resistenza all’adesione turbolenta dell’Ucraina, che aumenterebbe anche aspettative che difficilmente potrebbero essere soddisfatte, da altri candidati all’adesione.

Ue: Francia e Germania vogliono proporre tabella di marcia a Zelenskyj

Quindi Francia e Germania vogliono proporre una sorta di tabella di marcia al presidente Zelenskyj a Kiev. Di conseguenza, mentre l’Ucraina potrebbe forse ottenere lo status di candidato all’UE entro la fine dell’anno, dovrebbe anche impegnarsi in riforme per soddisfare le condizioni per l’adesione. A Berlino nelle ultime settimane si è avuto l’impressione che Zelenskyj sottovaluti la complessità dell’adesione.

Mario Draghi
Mario Draghi – NanoPress.it

Ora deve essere raggiunto un compromesso che renda chiara la solidarietà dell’UE con l’Ucraina e non esponga Zelenskyj. Se il politico del Partito dei Verdi Anton Hofreiter fa a modo suo, Scholz dovrebbe fare una campagna per l’Ucraina a Bruxelles: “È positivo che Scholz vada a Kiev”, ha detto Hofreiter. “E sarebbe molto positivo se promettesse di lavorare per garantire che all’Ucraina sia concesso lo status di candidato per l’UE”.

Tuttavia, è improbabile che Scholz abbia promesso ulteriori consegne di armi. Dopo la promessa di sette obici semoventi di andare in Ucraina alla fine di giugno e le consegne annunciate di carri armati contraerei “Gepard”, e quattro lanciarazzi multipli, la Cancelleria non si sente più sotto pressione per dover consegnare altre armi.

Dietro le quinte, i funzionari stanno anche lavorando alacremente per garantire che le munizioni possano essere prodotte rapidamente nei paesi partner, che gli ucraini possono quindi sparare con i sistemi di artiglieria già in atto. In Ucraina le aspettative per la visita di Scholz sono molto maggiori.

Ci auguriamo che durante la sua visita a Kiev il governod della Germania mantenga finalmente le promesse tedesche in merito alle consegne di armi e all’adesione dell’Ucraina all’UE”, ha detto l’ambasciatore ucraino Andriy Melnyk. Secondo Melnyk, la consegna di armi pesanti come il Panzerhaubitze 2000 e il carro antiaereo Gepard è ancora attesa.

“Gli annunci da soli non ci aiuteranno nella guerra contro gli invasori, motivo per cui speriamo in date concrete dal cancelliere su quando arriveranno le armi”, ha detto l’ambasciatore, “soprattutto perché le promesse sono state fatte mesi fa.”