Berrettini batte Murray a Stoccarda e rimane nella Top 10

Matteo Berrettini, falcidiato dagli infortuni negli ultimi mesi, ha dato un calcio alla sfortuna, vincendo il torneo di Stoccarda meno di mezz’ora fa.

Matteo Berrettini
Matteo Berrettini – Nanopress.it

Il tennista italiano ricompare dopo tre mesi, vince e rimane nella top ten, mentre lo scozzese torna nella ‘top 50’, e continua a dimostrare, nonostante gli anni e gli acciacchi, di essere un grande gocatore.

Berrettini trionfa a Stoccarda e si prepara per Wimbledon

Matteo Berrettini ha completato con successo la sua rimonta in questa stagione 2022. Dopo tre mesi di assenza per un infortunio alla mano destra, che lo ha tenuto inattivo dai tempi di Indian Wells, è stato proclamato campione del torneo di Stoccarda, nel torneo Atp 250 che si è concluso oggi.

È la prima finale della stagione che ha ottenuto Berrettini, e nell’ultima partita ha battuto Andy Murray 6-4, 5-7 e 6-3. Una partita che ha segnato il suo ritorno ad un tennis di ad alto livello, in quello che è stato anche un banco di prova per quella che sarà la sua partecipazione a Wimbledon, il torneo che lo ha consacrato agli occhi del mondo, grazie alla finale raggiunta contro Djokovic.

L’italiano, che mantiene la ‘top 10’ ATP nonostante il fatto che, a causa dell’infortunio ha dovuto saltare molti tornei e perdere molti punti, è stato finalista a Wimbledon nel 2021. Ha già tre titoli sull’erba: si tratta del secondo titolo a Stoccarda, oltre a un altro conquistato al Queen’s.

Per gli italiani non è un buon momento di forma

Berrettini ha battuto Murray 6-4, 5-7, 6-3 in due ore e mezza di gioco. L’ex numero 1 del mondo, che ha lasciato passare buona parte della stagione sulla terra battuta per concentrarsi sull’erba e, soprattutto, Wimbledon, ha sofferto dei suoi ricorrenti problemi fisici.

Andy Murray
Andy Murray – NanoPress.it

Nel terzo set ha ricevuto assistenza medica due volte. Tuttavia, la sua prestazione nel torneo può essere descritta come molto positiva. È la sua prima finale sull’erba dal 2016, anno del suo ultimo titolo a Wimbledon e nei quarti di finale ha battuto Stefanos Tsitsipas. Andy occuperà lunedì la 47a posizione nella classifica ATP. Sarà la prima volta da maggio 2018 che entra nella “top 50”.

Dopo le vittorie e il momento magico che hanno vissuto i tennisti italiani, Sinner e Berrettin in testa, il tennis nostrano in questi ultimi mesi ha subito una importante inversione di tendenza, a causa soprattutto degli infortuni dei nostri attori principali.

Sinner era arrivato al numero 10 del mondo, e ora naviga in tredicesima posizione. Berettini da settimo a decimo. Gli altri italiani non stanno passando un bel momento di forma.